sabato, Settembre 25

USA: i giovani contro il capitalismo field_506ffbaa4a8d4

0
1 2


Secondo un sondaggio realizzato dall’Università di Harvard, i ragazzi statunitensi cominciano ad averne abbastanza del capitalismo. I dati confermano infatti che il 51% degli statunitensi compresi tra i 18 e i 29 anni si dichiara contrario al sistema economico che il loro Paese d’origine ha portato ai massimi livelli di sviluppo, pur non riuscendo a esprimere un’idea chiara e lineare riguardo al sistema alternativo da adottare – appena il 33% si è dichiarato a favore del socialismo. Il che rende gli esiti del sondaggio alquanto difficili da interpretare, dal momento che il termine capitalismo abbraccia molti significati diversi e produce una serie di ripercussioni di cui gli intervistati tengono in considerazione solo una piccola parte.

Zach Lustbater, uno degli ideatori del sondaggio, ritiene che questi risultati apparentemente sorprendenti, ma in realtà in linea con consultazioni realizzate in precedenza, trovino origine nella particolare demografia degli interpellati, formatisi intellettualmente nell’epoca post-Guerra Fredda e quindi estranei alla visione manichea secondo la quale gli Usa, con il loro modello economico e il loro bagaglio valoriale, rappresentavano l’antidoto contro il sistema sovietico e il suo carattere profondamente oppressivo. Le fasce più giovani della popolazioni tendono infatti ad identificare il capitalismo con la crisi scoppiata nel 2007/2008 e con i suoi corollari di disoccupazione, concentrazione della ricchezza nelle mani di un’élite sempre più ristretta, ulteriore precarizzazione del lavoro e individualismo sfrenato. Una maggioranza degli ultracinquantenni, di converso, considera il capitalismo un meccanismo funzionante che ha reso gli Stati Uniti la principale potenza del pianeta.

Allo stesso tempo, una parte non irrilevante di questi giovani (27%) molto critici nei del capitalismo si esprime a favore di un’economia di  mercato saldamente regolata da uno Stato forte, che si occupi di un’equa redistribuzione della ricchezza e di imporre paletti tesi a preservare l’ambiente e la dignità dei lavoratori. Il 48% di essi concorda nel ritenere che «la copertura sanitaria di base deve essere un diritto garantito ad ogni cittadino e che «le necessità fondamentali, come l’alimentazione e l’alloggio, sono un diritto che il governo dovrebbe garantire a chi non è in grado di permetterselo con le proprie forze». John Della Volpe, esperto di sondaggi alle dipendenze di Harvard, è giunto alla conclusione che l’ostilità montante nei confronti del sistema economico vigente sia imputabile sostanzialmente al fatto che il capitalismo tende a marginalizzare anche i migliori. «Non stanno rifiutando il concetto in quanto tale. Ciò che rifiutano è il modo in cui il capitalismo viene oggi praticato», ha affermato Della Volpe.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->