sabato, Settembre 18

USA – Filippine: la giravolta ‘elettorale’ di Duterte “Il ripensamento sul VFA può essere spiegato in una sola parola: elezioni. È a vantaggio di Duterte in questo momento far ‘scomparire’ la questione ed eliminarla come fonte di critiche sia dai politici in corsa per la presidenza l'anno prossimo, dai membri del Congresso, dal pubblico, dai militari o dai media“

0

Il Presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ci ha ripensato e ha disposto il ripristino integrale dell’accordo Visiting Forces Agreement (VFA) che stabilisce la presenza dei militari statunitensi sul suolo di quel Paese asiatico. Ad annunciarlo la scorsa settimana il ministero della Difesa filippino, in seguito ad un incontro a porte chiuse presso la residenza presidenziale Malacanang di Manila tra il Presidente e il Segretario alla Difesa americano  Lloyd Austin, giunto nella capitale nel corso di un tour ufficiale in alcuni Paesi dell’Indo-Pacifico. Un vero ribaltamento rispetto alla decisione di Duterte dello scorso anno di terminare il VFA in risposta alla decisione di Washington, sulla base dell’American Magnitsky Act, che dà al governo degli Stati Uniti il potere di bloccare visti e imporre sanzioni finanziarie ai violatori dei diritti umani in tutto il mondo, di sanzionare Ronald Dela Rosa, ex capo della Polizia delle Filippine, attualmente senatore membro della maggioranza parlamentare che sostiene l’amministrazione presidenziale in carica. Nella sua veste di capo della Polizia, Dela Rosa aveva condotto la sanguinosa offensiva contro il narcotraffico voluta da Duterte dopo il 2016, nella quale sono morte oltre cinquemila persone, perlopiù piccoli spacciatori.

“Il VFA è di nuovo in pieno vigore. Non c’è nessuna lettera di licenziamento in sospeso e siamo di nuovo in carreggiata”, ha affermato il segretario alla Difesa delle Filippine, Delfin Lorenzana, lasciando intendere che l’accordo resta inalterato anche perché non è mai stato cancellato. Lorenzana ha ammesso ai giornalisti di non sapere cosa abbia fatto cambiare idea al presidente, ma ha affermato che la chiamata di cortesia di Austin a Duterte – la prima da un alto funzionario di gabinetto sotto l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden – ha prodotto una “discussione aperta e franca sullo stato e sul futuro direzione dell’impegno Filippine-USA”.

“Hanno convenuto che l’alleanza può essere ulteriormente rafforzata attraverso una maggiore comunicazione e una maggiore cooperazione, in particolare nei settori della risposta alla pandemia, della lotta ai crimini transnazionali, compresa la guerra alle droghe illegali, della consapevolezza del dominio marittimo sullo stato di diritto, del commercio e degli investimenti”, ha osservato Lorenzana. Il VFA è l’accordo militare siglato tra Filippine e gli Stati Uniti nel 1998 che consente lo schieramento di militari e sistemi d’arma statunitensi in territorio filippino, a dispetto dei tentativi di dissuasione di esponenti di primo piano del governo e del Congresso di Manila. L’ accordo, inoltre, regola la copertura legale delle truppe americane per l’ ingresso nelle Filippine per le esercitazioni militari congiunte e le operazioni di addestramento e assistenza umanitaria, oltre regola la presenza militare Usa nelle basi del Paese. Anche a livello della giustizia per eventuali crimini, come dimostra il caso dell’omicidio del 2014 della donna trans filippina Jennifer Laude. Secondo il VFA, infatti, le truppe statunitensi accusate di crimini nelle Filippine di solito sono processate nei tribunali nazionali, ma non passano il tempo in prigione nel paese se vengono dichiarate colpevoli. Punto che aveva sollevato polemiche, ma sul quale, Lorenzana ha detto, le parti hanno trovato un accordo. “Non influenzerà il documento originale, ma sarà solo un’aggiunta o un accordo aggiuntivo tra i due paesi”, ha affermato.

Diversi i benefici per Manila dal VFA. Tra questi, come noto, c’è il contrasto alle mire espansionistiche della Cina sul Mar Cinese Meridionale, teatro di dispute territoriali dirette tra Pechino e diversi paesi del Sud-est asiatico – incluse le Filippine, nel cui caso la diatriba riguarda le isole Spratly, messa da parte da Duterte per ingraziarsi le simpatie di Pechino – e principale arena del confronto geostrategico tra Stati Uniti e Cina.
A questo riguardo, il quotidiano ufficiale cinese ‘Global Times’ ha commentato con esultanza la decisione di Duterte, ricordando che proprio l’accordo del 1998 aveva aperto le porte al ritorno delle forze Usa in territorio filippino, da cui si erano ritirate al termine della Guerra Fredda e che la sua fine “ostacolerà l’intromissione degli Usa negli affari relativi al Mar Cinese Meridionale”.
E poi, la lotta al terrorismo islamico nelle Filippine meridionali, che negli scorsi anni ha goduto del sostegno militare, logistico e di intelligence degli Stati Uniti. Per circa vent’ anni le forze speciali Usa hanno aiutato le Filippine nelle operazioni anti-terrorismo nel Sud, principalmente nell’ isola di Mindanao dove sono attivi gruppi jihadisti come Abu Sayyaf legati ad Al Qaeda. Il Segretario Locsin ha ricordato anche il sostegno cruciale fornito dalle truppe americane in occasione dell’assedio alla città di Marawi, conquistata dalle milizie islamiste nel 2017 e occupata da queste ultime per settimane.
Negli anni, Manila ha incassato il sostegno militare statunitense anche nelle operazioni  controguerriglia ai terroristi del New People Army, che, secondo diverse associazioni per la tutela dei diritti umani, si sono estese in una micidiale campagna governativa contro attivisti legali, inclusi giornalisti e difensori dell’ambiente, critici nei confronti dell’amministrazione Duterte. Nel 2018, le forze armate hanno istituito una task force anticomunista che da allora ha condotto incursioni che hanno portato a uccisioni e arresti di attivisti senza legami con l’Esercito del Nuovo Popolo. Le operazioni hanno attirato la condanna di gruppi per i diritti globali e politici statunitensi, tra cui il candidato alla presidenza democratica Bernie Sanders.

Austin ha ringraziato Duterte per la decisione che ha descritto come “molto benvenuta” e – ha dichiarato – “Ho anche riaffermato l’impegno dell’America a sostenere una Filippine sovrana e sicura e a costruire insieme un’alleanza ancora più capace”, aggiungendo che lui e Lorenzana avevano discusso su come lavorare insieme “verso un Indo-Pacifico libero e aperto radicato in un ordine internazionale basato su regole”.

Il portavoce presidenziale Harry Roque ha affermato in seguito che la decisione di Duterte si è basata “sul sostegno degli interessi strategici fondamentali delle Filippine, sulla chiara definizione dell’alleanza tra pari sovrani e sulla chiarezza della posizione degli Stati Uniti sui suoi obblighi e impegni ai sensi del [Trattato di mutua difesa”. ]”.

Gli Stati Uniti questo mese hanno ripetuto un avvertimento alla Cina che un attacco alle forze filippine nel Mar Cinese Meridionale avrebbe innescato il trattato, entrato in vigore nel 1951 e che, insieme al Trattato di cooperazione rafforzata, fanno di Manila il più longevo alleato asiatico degli USA. Roque ha aggiunto, tuttavia, che le Filippine “continueranno a coinvolgere altri Paesi per partnership che funzionino, sulla base dei nostri principali interessi nazionali”. Senza dimenticare che Washington non ha esitato ad inviare 3 milioni di dosi di vaccino anti-Covid-19 negli ultimi mesi.

Ma cosa ha spinto effettivamente Duterte a cambiare idea? Le controversie con la Cina? O c’è aualcos’altro dietro? E come si evolveranno i rapporti tra USA e Filippine con Biden alla Casa Bianca? Lo abbiamo chiesto a Ross Darrell Feingold, analista esperto del Continente asiatico.

 

Il Presidente delle Filippine, Rodrigo Duterte, ha decretato il ripristino integrale dell’accordo Visiting Forces Agreement (VFA) che regola la presenza dei militari statunitensi sul suolo di quel Paese asiatico. Lo ha annunciato  il Ministero della Difesa delle Filippine, ribaltando una decisione che aveva destato preoccupazione a Washington, quella del Presidente filippino Duterte che aveva annunciato lo stralcio dell’accordo dopo che gli USA avevano negato il visto d’ingresso a un senatore filippino vicino al capo dello Stato. Come si spiega questo ripensamento di Duterte?

Il ripensamento di Duterte può essere spiegato in una sola parola: elezioni. Ci sarà un candidato (o più candidati) in corsa contro il ’Duterte Legacy’. Ci sarà anche il candidato per l’eredità di Duterte, indipendentemente dal fatto che Durterte stesso si candidi come candidato alla vicepresidenza, o la figlia Sara si candidi come presidente o vicepresidente, o candidati a presidente e vicepresidente che corrono con il sostegno di Duterte come suoi successori). Uno dei problemi principali per il candidato anti-Duterte Legacy sarà la politica cinese e statunitense di Duterte, e il candidato ricorderà agli elettori che Duterte si è avvicinato alla Cina mettendo distanza tra le Filippine e il suo storico alleato, gli Stati Uniti. Duterte sta cercando di eliminare questo problema accettando che il VFA rimanga in vigore.

USA o Filippine: chi ci guadagna di più dal VFA?

A prima vista potrebbe sembrare che gli Stati Uniti abbiano molto da guadagnare dal VFA perché faciliterà continue esercitazioni congiunte nelle Filippine e/o addestramento per i militari filippini. Tuttavia, non è noto se ci saranno effettivamente esercitazioni militari congiunte nei restanti mesi del mandato di Duterte, specialmente tra la pandemia di COVID-19 e le difficoltà delle Filippine per tenere sotto controllo la pandemia. Altre questioni che influiscono sulle relazioni bilaterali, come le preoccupazioni sui diritti umani e le politiche cinesi di Duterte, rimangono invariate e potrebbero influire sulla volontà di entrambe le parti di esercitazioni militari congiunte nelle Filippine a breve termine. Per Duterte, acquisisce la capacità di vendere al pubblico che ha mantenuto un aspetto del rapporto bilaterale con gli Stati Uniti che è probabilmente per gli Stati Uniti la questione più importante nelle relazioni bilaterali. In definitiva, chi ha guadagnato di più dal mantenimento del VFA è qualcosa che può essere valutato solo diversi anni dopo il prossimo mandato del presidente delle Filippine.

L’annuncio del ripristino dell’accordo segue un incontro a porte chiuse tra il Presidente Duterte e il Segretario alla Difesa USA, Lloyd Austin, presso la residenza presidenziale Malacanang di Manila. Cosa hanno promesso gli Stati Uniti a Duterte per fargli cambiare idea? 

Secondo i commenti pubblici di Duterte, le donazioni di vaccini sono un fattore significativo nella sua decisione. La cosa molto interessante di questo è che potrebbe anche significare che se non ci fosse stata una pandemia di COVID-19, o la pandemia non fosse stata così grave, o le donazioni di vaccini da una fonte diversa dagli Stati Uniti avessero soddisfatto le esigenze delle Filippine, allora forse avrebbe proceduto all’abrogazione del VFA. Un altro modo di vedere questo è che il riconoscimento che è importante cooperare con gli Stati Uniti sulle questioni di sicurezza non sembra essere il fattore principale nella decisione di Duterte, indipendentemente dal fatto che le questioni di sicurezza siano jihadiste, Partito Comunista delle Filippine – New People’s Army (CPP-NPA), o relativo alla Cina

La minaccia del terrorismo islamico – e quindi l’importanza dell’alleanza con gli USA – ha pesato sul ripensamento di Duterte?

Potrebbe essere un’esagerazione dire che Duterte considera gestibile l’attuale minaccia del terrorismo islamico. Tuttavia, il processo di pace a Mindanao con le organizzazioni Moro più grandi e tradizionali continua a procedere. I gruppi attivi come Abu Sayaf, Bangsamoro Islamic Freedom Fighters, Maute Group, non hanno recentemente ripetuto il breve successo di una grande operazione come l’occupazione di Marawai nel 2017 e per ora sembrano avere più una reputazione di criminali a scopo di lucro / rapitori rispetto alle organizzazioni che potrebbero ottenere un sostegno pubblico di massa. L’obiettivo più recente di Duterte per la sicurezza interna è il CPP-NPA, quindi è improbabile che considerasse il terrorismo jihadista una situazione che richiedeva di mantenere in vigore il VFA.

Il portavoce presidenziale Harry Roque ha affermato in seguito che la decisione di Duterte si è basata “sul sostegno degli interessi strategici fondamentali delle Filippine, sulla chiara definizione dell’alleanza tra pari sovrani e sulla chiarezza della posizione degli Stati Uniti sui suoi obblighi e impegni ai sensi del [Trattato di mutua difesa”. ]”. Gli Stati Uniti questo mese hanno ripetuto un avvertimento alla Cina che un attacco alle forze filippine nel Mar Cinese Meridionale farebbe scattare il trattato, entrato in vigore nel 1951. Questa rassicurazione del sostegno americano ha inciso sul cambio di posizione di Duterte?

È improbabile che le dichiarazioni degli Stati Uniti sull’MDT abbiano cambiato significativamente il processo decisionale di Duterte. Idealmente, gli obblighi del Trattato di mutua difesa (MDT) degli Stati Uniti sarebbero chiari senza la necessità per gli Stati Uniti di ribadire quali sono tali obblighi. Sfortunatamente, il fallimento dell’amministrazione Obama nel 2012 nell’assistere le Filippine durante lo stallo di Scarborough Shoal ha provocato dubbi tra molti filippini su ciò che gli Stati Uniti sono disposti a fare. Duterte è riuscito, per i propri scopi politici, a sfruttare i dubbi sull’impegno degli Stati Uniti a combattere per le Filippine. Il VFA non è una necessità per l’MDT da attuare in caso di attacco alle Filippine (sebbene praticamente sia una necessità che abbiano luogo esercitazioni congiunte), quindi Duterte avrebbe potuto procedere con la cessazione del VFA ma ha mantenuto la capacità invocare l’MDT in caso di attacco alle Filippine. Sembra che la necessità più immediata di vaccini fosse più importante delle dichiarazioni statunitensi sull’MDT.

Bisogna dire che Duterte aveva minacciato lo stralcio del VFA, ma poi lo aveva esteso fino a dicembre. A questo punto, è lecito chiedersi perché Duterte avesse deciso di stralciare il VFA? Cosa voleva ottenere? 

Intorno a giugno di quest’anno, Duterte ha dovuto affrontare contemporaneamente diverse questioni. Ciò include la più urgente e difficile, la situazione della pandemia di COVID-19, insieme a centinaia di navi cinesi vicino alla costa delle Filippine a partire da marzo, e un nuovo presidente degli Stati Uniti la cui amministrazione stava ancora formando la sua Asia (e certamente ancora formando le sue Filippine) politiche. Pertanto, a partire da giugno, Duterte ha avuto bisogno di più tempo prima di prendere una decisione definitiva e, la situazione COVID-19 in corso, combinata con la visita del Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, ha reso il momento ideale per annunciare una decisione.

Gli Stati Uniti hanno spedito tre milioni di vaccini anti-Covid-19 nelle Filippine, sebbene la Cina sia attualmente il principale fornitore. L’invio dei vaccini ha aiutato il cambio di linea di Duterte?

Dalle dichiarazioni di Duterte nei giorni scorsi, le donazioni di vaccini statunitensi sono state un fattore significativo nella sua decisione. Sfortunatamente per la Cina, i dubbi sull’efficacia del suo vaccino probabilmente sono stati anche un fattore nel processo decisionale di Duterte

Il 25 giugno gli Stati Uniti hanno aperto alla possibilità della vendita di armamenti militari del valore di miliardi di dollari alle Filippine. Questa apertura ha favorito il ripensamento di Duterte? Rientra nel quadro dell’accordo di cooperazione per la difesa rafforzata (ECDA) del 2014? E che tipo di armi gli USA sarebbero pronti a vendere a Manila: si parla di 12 F-16, 24 missili aria-aria Raytheon Technologies AIM-9X Block II Sidewinder e 12 missili antinave Boeing AGM-84L-1 Harpoon Block II, confermi?

L’ECDA consente agli Stati Uniti di posizionare attrezzature nelle Filippine per l’uso da parte delle forze armate statunitensi e generalmente non è correlato all’acquisizione delle Filippine di attrezzature che devono essere utilizzate dalle forze armate filippine. Le vendite di armi approvate a giugno includono 12 F-16 Lockheed-Martin, 24 missili aria-aria AIM-9X Block II Sidewinder Raytheon Technologies e 12 missili antinave Boeing AGM-84L-1 Harpoon Block II. Tuttavia, resta da vedere se il Congresso delle Filippine stanzierà o meno fondi sufficienti per acquistare questi articoli e quando. Sembra più che gli Stati Uniti sperassero che questi annunci potessero influenzare il pensiero di Duterte, piuttosto che Duterte che cercava che questi annunci fossero fatti prima della sua decisione sul VFA.

Cosa pensa Washington del probabile acquisto di elicotteri utility russi Mil Mi-171 per le esigenze del Ministero della Difesa filippino?

Agli Stati Uniti non piace questo acquisto e, se necessario, lo fermeranno con le sanzioni del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA). Di recente ci sono poche notizie sull’accordo che potrebbero significare che è meno probabile che proceda. Tuttavia, la realtà è che le Filippine hanno bisogno di opzioni convenienti e che i russi (o altri fornitori dell’Europa orientale) sono probabilmente meno costosi delle opzioni statunitensi. C’è anche la percezione che in passato gli Stati Uniti abbiano convinto le Filippine a pagare più del dovuto per l’acquisto di attrezzature prodotte negli Stati Uniti. Duterte preferirebbe diversificare i fornitori, ma questa transazione potrebbe essere ritardata fino all’insediamento del successore di Duterte

Quanto ha pesato nel cambio di rotta di Duterte la ‘dimensione interna’? Sappiamo che le Filippine dovrebbero votare un nuovo presidente l’anno prossimo e, sebbene Duterte non possa ricandidarsi per una rielezione, il suo partito PDP-Laban è desideroso di conquistare la vicepresidenza. In questo senso, il Mar Cinese Meridionale potrebbe essere una questione importante insieme alla risposta al Covid-19 e alle sfide economiche che potrebbero essere presenti nei sondaggi e ripristinare il VFA potrebbe dimostrare l’attenzione di Duterte per un tema sensibile, mentre allo stesso tempo fare appello anche all’esercito filippino, che rimane una potente istituzione nazionale e che ha relazioni istituzionalizzate di lunga data con la sua controparte statunitense. Cosa che ne pensa?

Una delle cose affascinanti della presidenza di Duterte è la sua capacità di focalizzare l’attenzione pubblica su questioni interne come la sua guerra alla droga, l’NPA-CPP, il processo di pace di Mindanao o le controversie con altri politici o famiglie oligarchiche, mentre gestisce la rabbia pubblica contro la mancanza di una risposta forte da parte di Duterte alle azioni della Cina. Tuttavia, come i leader di tutto il mondo, non è immune dalla rabbia legata al COVID-19 per morti, malattie e difficoltà economiche. La polizia e l’esercito hanno subito morti e malattie COVID-19 e confusione sul loro ruolo nell’applicazione della quarantena, che di recente ha portato a voci di golpe. È a vantaggio di Duterte in questo momento far ‘scomparire’ la questione VFA ed eliminarla come fonte di critiche sia dai politici in corsa per la presidenza l’anno prossimo, dai membri del Congresso, dal pubblico, dai militari o dai media.

Come è stata accolta la decisione di Duterte dalla popolazione, dai militari e dal Congresso filippino?

Il Congresso è generalmente amichevole con Duterte, quindi qualsiasi voce di dissenso sarà una minoranza e non può impedire al VFA di rimanere al suo posto o fermare qualsiasi esercitazione militare congiunta con gli Stati Uniti. L’esercito è generalmente favorevole al VFA; dopotutto, non solo amano la formazione congiunta nelle Filippine, ma hanno anche l’opportunità di visitare anche gli Stati Uniti. La reazione del pubblico è un po’ sconosciuta. Si verificano periodicamente proteste pubbliche contro le attività militari congiunte e le forze statunitensi quando operano nelle Filippine, contro l’MDT, il VFA e l’ECDA. Per ora, però, la protesta è difficile sia a causa della paura pubblica per i grandi raduni che per le restrizioni di quarantena nella regione della capitale nazionale. Il governo sarà anche preoccupato dal fatto che l’NPA-CPP mobiliterà le proteste contro il VFA e probabilmente darà la colpa di eventuali proteste all’NPA-CPP, un fenomeno noto nelle Filippine come “etichetta rossa”.

Lo scorso marzo, le Filippine hanno denunciato la presenza di navi cinesi nel Whitsun Reef – area contesa nel Mar Cinese Meridionale – esprimendo il loro timore che questa potesse essere una mossa da parte del governo di Xi per prendere il controllo dell’atollo conteso. Sono note, a partire dalla sentenza Aia del 2016, le rivendicazioni cinesi nel Mar Cinese Meridionale. Quest’anno, tra l’altro, il quinto anniversario di quella sentenza che diede torto alla Cina, ha scatenato una forte polemica tra Manila e Pechino. Quanto hanno contato le contese con la Cina nel ripensamento di Duterte?

È facile presumere che Duterte abbia preso in considerazione in modo significativo le controversie cinesi nella sua decisione VFA. Tuttavia, non dovremmo sottovalutare il suo desiderio di mantenere un rapporto positivo con la Cina, e non dovremmo sottovalutare il suo desiderio di sconfiggere militarmente l’NPA-CPP (e i terroristi jihadisti) e quanto siano importanti per questo le esercitazioni militari congiunte con gli Stati Uniti. In realtà, Duterte probabilmente ha affrontato la questione come una questione di quanto sarà arrabbiata la Cina per la decisione VFA piuttosto che affrontarla come una questione di quanto gli Stati Uniti aiuteranno le Filippine a usare la forza contro la Cina.

Duterte sta rivedendo la sua posizione sulla Cina? 

Nel recente discorso sullo stato della nazione, Duterte è stato abbastanza chiaro che a suo avviso le Filippine non possono sconfiggere militarmente la Cina, dicendo che sarebbe un massacro. Pertanto, non esiste alcuna opzione per affermare le rivendicazioni di sovranità delle Filippine attraverso l’uso della forza o la minaccia dell’uso della forza. Per quanto riguarda i benefici economici e il commercio, il COVID-19 mette in attesa molti progetti, quindi in un certo senso Duterte trae vantaggio dal dover prendere decisioni delicate. Inoltre, coloro che sono vicini a Duterte nella comunità imprenditoriale che beneficiano di un buon rapporto con la Cina hanno già ottenuto tali benefici negli ultimi cinque anni, il che significa che Duterte non ha bisogno di cercare nuovi progetti significativi con la Cina anche se non sta cercando anche a declassare il rapporto con la Cina. Quindi, sembra che Duterte ottenga il VFA (e un felice Stati Uniti) ma abbia anche pubblicamente informato la Cina che non deve preoccuparsi di questo.

Alla domanda su una sezione del VFA che si è rivelata controversa – in cui gli Stati Uniti mantengono la custodia dei soldati che sono sotto processo per crimini efferati commessi nel Paese – io Ministro della Difesa filippino, Delfin Lorenzana, ha detto che questo è stato appianato tra entrambe le parti: “Non influenzerà il documento originale, ma sarà solo un’aggiunta o un accordo aggiuntivo tra i due Paesi”, ha affermato. Come è stato risolto questo nodo?

È probabile che ci sia un accordo collaterale sulla custodia del personale militare statunitense accusato di gravi crimini che accelererà la consegna alle Filippine del personale militare statunitense accusato. Casi passati di alto profilo in cui il personale militare statunitense accusato di crimini è rimasto sotto la custodia degli Stati Uniti (cioè l’ambasciata degli Stati Uniti a Manila) ha fatto arrabbiare l’opinione pubblica filippina. Dal punto di vista degli Stati Uniti, la consegna del personale accusato di stupro o omicidio è probabilmente qualcosa su cui gli Stati Uniti possono essere d’accordo, soprattutto se l’accordo collaterale è chiaro su quali crimini sono coperti, quali standard probatori devono soddisfare la polizia o i pubblici ministeri filippini per che gli Stati Uniti consegnino il personale, gli standard carcerari e l’accesso agli avvocati per l’imputato..

“Ho anche riaffermato l’impegno dell’America a sostenere una Filippine sovrana e sicura e a costruire insieme un’alleanza ancora più capace”, ha detto Austin, aggiungendo che lui e Lorenzana hanno discusso su come lavorare insieme “verso un Indo-Pacifico libero e aperto radicato in un ordine internazionale basato su regole”. Come viene interpretata la decisione di Duterte dalla Cina? E Pechino potrebbe decidere di diminuire i suoi investimenti nelle Filippine?

I commenti di Austin sembrano parole standard dei suoi autori di discorsi e probabilmente non hanno un effetto significativo sul governo o sull’opinione pubblica delle Filippine. La Cina è ovviamente preoccupata, ma Duterte negli ultimi cinque anni, e ciò che ha detto nel suo discorso sullo stato della nazione, probabilmente dà fiducia alla Cina, almeno per i restanti mesi della presidenza di Duterte, il rapporto non cambierà radicalmente. Proprio come gli Stati Uniti, la Cina ovviamente monitorerà da vicino le elezioni presidenziali e cercherà di lavorare con il prossimo presidente nei modi migliori per gli interessi della Cina.

E come la Russia ha interpretato questo ripensamento di Duterte?

Alla Russia piace l’idea di un acquirente militare non solo per le entrate, ma perché mantiene la Russia rilevante negli spazi diplomatici e di sicurezza nel sud-est asiatico. Le Filippine sono anche uno scalo portuale preferito per le navi militari russe che operano nella regione. Inutile dire che anche Duterte e Putin hanno molto in comune, compreso il loro piacere per le critiche pubbliche degli Stati Uniti. Tuttavia, se le Filippine non acquistano attrezzature militari, le possibilità di relazioni commerciali sostanziali sono limitate. Per Putin, le Filippine probabilmente non sono una priorità alta

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, è giunto nelle Filippine dopo aver fatto tappa a Singapore e nel Vietnam, nel corso di un viaggio ufficiale nella regione asiatica. Quale segnale lancia il ripensamento di Duterte agli altri Paesi dell’Indo-Pacifico?

Singapore ha già forti relazioni militari con gli Stati Uniti e, in misura minore, anche Indonesia, Thailandia e, più recentemente, Vietnam. L’Indonesia fatica a decidere se il terrorismo interno o le questioni di sovranità nel Mar Cinese Meridionale siano la sua questione prioritaria per la cooperazione militare con gli Stati Uniti. Il rapporto con la Thailandia è più debole negli ultimi anni a causa del colpo di stato militare nel 2014 e degli sforzi della Cina per essere amica della Thailandia. La Malaysia appare troppo distratta dalla politica interna per avere in questo momento un forte rapporto bilaterale con gli Stati Uniti. Il Brunei potrebbe essere importante dal punto di vista economico, ma è generalmente irrilevante dal punto di vista diplomatico e militare. Cambogia, Laos e Myanmar sono amichevoli con la Cina. Probabilmente, la decisione delle Filippine ha un effetto minimo sugli altri paesi dell’Asean.

Da quando è diventato presidente nel 2016, Duterte ha ripetutamente espresso il suo disprezzo nei confronti degli Stati Uniti segnalando legami più stretti con la Cina. Il 4 luglio si sono celebrati i 75 anni di relazioni diplomatiche tra USA e Filippine, il più antico alleato di Washington in Asia. Di recente, gli USA hanno riaffermato la centralità Trattato di mutua difesa tra i due Paesi. A che punto siamo dei rapporti tra USA e Filippine e cosa cambia tra Trump e Biden alla Casa Bianca nella relazione tra i due Paesi?

L’amministrazione Trump voleva che le Filippine fossero un partner su questioni cinesi simili a Giappone e Taiwan, ma è chiaro che Duterte non condivideva quel desiderio. L’amministrazione Biden ha chiarito che le questioni relative ai diritti umani saranno una priorità in tutto il mondo, anche con gli alleati degli Stati Uniti. È ancora all’inizio dell’amministrazione Biden, il che significa che molte posizioni di rilievo rimangono vacanti e le politiche asiatiche rimangono un lavoro in corso. Tuttavia, ad un certo punto entro i restanti mesi dell’amministrazione Duterte, e se i lealisti di Duterte saranno il prossimo presidente e vicepresidente, le questioni relative ai diritti umani potrebbero causare attriti nelle relazioni bilaterali. Se combinati con la mancanza di fiducia di Duterte nell’MDT e la mancanza di entusiasmo per il VFA, nel breve termine le relazioni bilaterali sono tutt’altro che forti.

Come Duterte valuta la politica di Biden sulla Cina?

La politica di Biden sulla Cina ha ancora molte parti indeterminate, il che rende difficile per Duterte decidere come influirà sui restanti mesi della presidenza Duterte, sulla campagna presidenziale o sul presidente netto delle Filippine. Naturalmente, Duterte esaminerà qualsiasi allentamento delle politiche di Trump, sia sul commercio che sui visti per i cittadini cinesi per entrare negli Stati Uniti, come una buona base per dire “Se lo fanno gli Stati Uniti, possiamo farlo anche noi” o più direttamente, accusare gli Stati Uniti di ipocrisia per aver allentato le politiche cinesi mentre chiedono ad altri paesi come le Filippine di “diventare duri con la Cina”.

La rivalità tra USA e Cina rafforzerà le relazioni tra Washington e Manila? In altri termini, con Biden alla Casa Bianca, le Filippine potranno ancora provare, come ha fatto Duterte negli ultimi anni, a mantenere una posizione più soft verso Pechino ed equidistante, quasi neutrale, tra USA e Cina o dovranno schierarsi in modo netto? 

Nei restanti mesi della sua presidenza, l’attenzione di Duterte si concentra su COVID-19 e sulle elezioni nella speranza che venga eletto il suo successore preferito. Il rapporto con gli Stati Uniti sarà probabilmente transazionale; Duterte sarà felice di prendere ciò che gli Stati Uniti vogliono dare, come i vaccini COVID-19 per i quali, in cambio, Duterte ha accettato di mantenere il VFA.

Non sappiamo ancora chi sarà il successore di Duterte. Tuttavia, per i prossimi mesi, il carattere autoritario del regime di Duterte, lì a sua spietata guerra al narcotraffico e il trattamento dei cittadini filippini potrebbero suscitare le critiche di Biden per il non risposto dei diritti umani. Questo potrebbe inasprire le relazioni bilaterali?

È probabile che, coerentemente con l’intenzione del Dipartimento di Stato di criticare le pratiche sui diritti umani in tutto il mondo anche nei paesi alleati, questo diventerà un problema significativo nelle relazioni bilaterali e indurrà Duterte a rispondere verbalmente nel suo solito stile o a intraprendere altre azioni come ritardare le relazioni bilaterali esercitazioni militari.

In passato, Donald Trump aveva lodato le politiche anti-droga di Duterte e il Presidente filippino era arrivato a dedicare una canzone a Trump. A livello personale, come sarà il rapporto tra Biden e l’attuale Presidente Duterte?

A causa di problemi di diritti umani, c’è la possibilità che il rapporto Biden – Duterte sia scadente. Tuttavia, questo presuppone che Biden abbia anche tempo per le Filippine nella sua agenda; per esempio, non ci sono indicazioni su quando o se i due leader potrebbero incontrarsi.

Duterte sta per terminare il suo mandato, ma ha annuncia che continuerà la sua azione politica: secondo qualche osservatore potrebbe diventare vicepresidente, a fianco di sua figlia Sara. Come sarebbe accolto da Washington l’avvento di una ‘dinastia Duterte’ al potere nelle Filippine?

Date le questioni relative ai diritti umani e le preoccupazioni sulle politiche cinesi di Duterte, è difficile credere che gli Stati Uniti favoriranno una dinastia Duterte. Tuttavia, in questo primo momento della campagna presidenziale e in mezzo alle quarantene COVID-19 nelle Filippine, deve ancora emergere una chiara alternativa. Gli Stati Uniti dovranno anche valutare se è prudente segnalare che preferisce che vinca un certo candidato; come sappiamo, tali interventi statunitensi non sempre funzionano bene.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->