sabato, Ottobre 16

Usa fanno causa a Fca per lo scandalo emissioni truccate

0

Arrivano i primi guai per il gruppo Fca, ossia Fiat Chrysler: Gli Usa hanno fatto causa al gruppo per avere violato la legge sulle emissioni diesel. L’accusa alla Fca è di avere installato, senza comunicarlo agli ispettori, un software che consente emissioni più alte degli standard in 104.000 veicoli diesel. La multa potrebbe arrivare fino a 4 miliardi di euro.

«Fca Us è contrariata dalla decisione ma continuerà a collaborare con l’Epa e con le autorità della California», ha replicato il gruppo guidato da Sergio Marchionne. La multa potrebbe arrivare fino a 4 miliardi di euro. «La società intende difendersi con forza, in particolare contro l’eventuale accusa che abbia deliberatamente tramato per installare impianti di manipolazione per aggirare i test sulle emissioni negli Stati Uniti». La Fca ha poi fatto sapere che ha depositato presso le autorità competenti la richiesta di certificazione delle emissioni diesel relative ai modelli diesel Jeep Grand Cherokees e Ram 1500 commercializzati nel 2017 e se Epa e Carb lo autorizzeranno, gli stessi software di controllo delle emissioni aggiornate potranno essere installati anche sui modelli venduti nel periodo 2014-2016. Questo, secondo la Fca, permetterebbe la risoluzione del contenzioso in modo ‘amichevole’.

Fca non è l’unico gruppo sotto pressione. Dopo il Dieselgate negli Usa di Volkswagen, ora il gruppo tedesco rischia una multa record da circa 20 miliardi di euro in Francia, dove anche Renault, Psa, Fiat-Chrysler sono oggetto di indagini su presunte irregolarità.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->