martedì, Agosto 3

USA: Melania Trump scende in campo contro il bullismo E il marito Donald definito 'stressante' anche per i più giovani da un sondaggio della University of California Los Angeles (Ucla)

0

Proprio in questi giorni, nell’ arco del ‘Mese per la Prevenzione nazionale al bullismo’, mentre Melania Trump è impegnata nella sua campagna contro il bullismo, per la quale, come si vede nel video, ha visitato con il segretario per l’istruzione Betsy DeVos la scuola media di Orchard Lake a West Bloomfield, nel Michigan, secondo un sondaggio della University of California Los Angeles (Ucla) pubblicato ieri, piu’ della meta’ (40% su 1500) degli insegnanti americani di scuole superiori avrebbe notato un aumento dei comportamenti ansiosi dei ragazzi durante il 2017, dopo, cioè, l’ elezione di Donald Trump. Secondo quanto riporta ‘Newsweek’, i liceali sarebbero piu’ ‘stressati’ dalle questioni politiche e sociali direttamente connesse con la nuova Amministrazione: la riforma sanitaria o il destino dei migranti. Aumenta la polarizzazione politica anche sui banchi di scuola.

A preoccupare di piu’ i docenti, sarebbe la registrazione di un aumento della propensione tra ragazzi a fare commenti offensivi  e discriminazioni su ‘razza, religione, orientamento sessuale e condizioni legate all’immigrazione’. Questo studio sembra coerente con quanto gia’ anticipato,  a pochi giorni dalle elezioni, da uno studio del Southern Poverty Law Center, secondo cui la vittoria di Trump avrebbe avuto conseguenze negative sul comportamento del 90% dei ragazzi.

(Video tratto dal canale Youtube Available Media)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->