sabato, Settembre 18

USA – Cina: Qin Gang, ambasciator che (non) porta pena? “Ci sono troppe questioni controverse nel rapporto per un miglioramento immediato o per qualsiasi cosa il neo-ambasciatore sia in grado di fare”

0
Per ricoprire la carica di nuovo ambasciatore della Cina negli Stati Uniti – il posto lasciato vacante il mese scorso dal diplomatico più longevo in questa missione, Cui Tiankai – la scorsa settimana è arrivato a Washington il diplomatico cinese di lungo corso Qín Gāng, che ha già presentato la copia delle proprie credenziali al Dipartimento di Stato USA.
Il 55enne Qin è uno degli attuali vice ministri degli esteri cinesi. Nato nella città portuale di Tianjin nel marzo 1966 – poche settimane prima che Mao Zedong lanciasse la sua Rivoluzione Culturale –  ha studiato all’Università delle Relazioni Internazionali di Pechino, una scuola con stretti legami sia con il Ministero degli Esteri che con la prima agenzia di spionaggio cinese, il Ministero della Sicurezza dello Stato. Dopo la laurea, ha lavorato come assistente alle notizie presso la United Press International a Pechino prima di entrare a far parte del corpo diplomatico del Ministero degli Esteri nel 1992. La sua scalata nella diplomazia del Dragone è stata veloce: da aiutante junior a portavoce del ministero a vice ministro responsabile della supervisione degli affari e del protocollo europei. Inizialmente venne assegnato al Dipartimento degli affari dell’Europa occidentale, ruotando tra Pechino e Londra mentre si faceva strada nei ranghi. “Per un diplomatico, essere inviato all’estero è come un sorteggio fortunato. Essere inviato in Gran Bretagna è come vincere il primo premio”, ha detto Qin in un discorso del 2010 a Londra. “Più conosco questo Paese, più sento di aver bisogno di conoscere e capire. Sono ancora uno studente della Gran Bretagna”.
Ha guadagnato importanza dopo essere stato nominato portavoce del Ministero nel 2005, poiché la Cina ha dovuto affrontare crescenti tensioni internazionali sui diritti umani, nonché le dure politiche di Pechino in Tibet e nello Xinjiang.
Tra il 2006 e il 2014, Qin ha servito due periodi come portavoce del ministero degli Esteri. In quella veste, ha dimostrato tutta la sua abilità nel tener testa ai giornalisti durante i briefing di notizie, a volte rispondendo alle domande con beffa sardonica. Ha paragonato l’acquisizione del Tibet da parte del Partito Comunista all’emancipazione dei neri schiavizzati da parte di Abraham Lincoln. Ha rimproverato i giornalisti “di non riferire sulla base delle tue delusioni”. Alla domanda nel 2008 su “Chinese Democracy”, un album hard-rock pubblicato dai Guns N’ Roses, il signor Qin è stato sprezzante: “Mi risulta che a molte persone non piaccia questo tipo di musica perché è troppo rauca e rumorosa”, ha detto al giornalista che ha chiesto dell’album. “Immagino che tu sia un adulto maturo, vero?”

Come portavoce, il signor Qin “non ha mai aggirato una domanda e il suo atteggiamento è stato chiaro e schietto”, ha detto un suo profilo pubblicato nel 2018 dalla sua alma mater a Pechino, quando è stato promosso a vice ministro degli Esteri. “Non è evasivo e non fa giri di parole”.

Il signor Qin è cresciuto attraverso la divisione del Ministero degli Esteri che si occupa dell’Europa occidentale e in seguito ha lavorato come diplomatico senior a Londra. Nella fase successiva della sua ascesa – guidando le operazioni di informazione del ministero degli Esteri e poi supervisionando il protocollo per i viaggi dei leader all’estero e gli incontri con i leader stranieri in visita – si è concentrato sulla protezione dell’immagine della Cina e di Xi.
Durante la visita del signor Xi negli Stati Uniti nel 2015, il signor Qin era “disposto ad arruffare le piume senza esitazione quando sentiva che era necessario”, ha detto Ryan Hass, un membro anziano della Brookings Institution che è stato direttore per la Cina presso il National Consiglio di Sicurezza durante la visita del signor Xi. “Qin Gang era molto attento a come sarebbe stato ritratto il suo leader e all’immagine che le apparizioni pubbliche del suo leader avrebbero trasmesso”, ha detto Hass. “Questo è stato particolarmente il caso della visita di stato del presidente Xi alla Casa Bianca”.
In un’intervista del 2018 con una troupe di documentari cinesi, Gang ha spiegato come considerasse il suo lavoro un modo per affermare il potere geopolitico: “Il protocollo è un’espressione della politica e un barometro per le relazioni tra i paesi”, ha affermato Qin. Quando “ogni paese offre al presidente Xi uno standard di accoglienza particolarmente elevato, questo è un riconoscimento dello status di grande potenza della Cina e un riconoscimento di alto livello del comportamento del presidente Xi come statista”.
Negli ultimi anni, prima come capo dell’ufficio informazioni del Ministero degli Esteri cinese, e in seguito quale capo del protocollo, Qin sembra aver conquistato la fiducia di Xi Jinping e lo ha regolarmente accompagnato durante i viaggi all’estero e negli incontri con i leader stranieri: un esempio risale al 2016, quando Qin ha aiutato a organizzare conferenze ed eventi per Xi mentre ospitava il vertice dei leader del G20 nella città orientale cinese di Hangzhou. A questo riguardo, gli esperti sono concordi nell’affermare che Qin Gang ha visto davvero decollare la sua carriera nel 2014, quando è stato promosso a capo del dipartimento del protocollo del ministero, un incarico che offre una rara opportunità di promuovere relazioni più strette con i massimi leader, in particolare Xi Jinping.

Proprio la vicinanza al leader cinese aiuta a spiegare come Qin, che a differenza di quasi tutti gli ambasciatori cinesi a Washington dagli anni ’80 a oggi non si è mai specializzato nel trattare con gli Stati Uniti né è stato inviato lì in precedenza, sia riuscito a ricoprire questo importante quanto delicato ruolo.Le dinamiche della nomina sono piuttosto oscure, ma la scelta di Qin ha sicuramente stupito molti osservatori. A causa della sua mancanza di coinvolgimento nella gestione degli affari degli Stati Uniti, Qin non era stato precedentemente considerato nemmeno come un candidato remoto nella corsa per succedere a Cui. Con una mossa a sorpresa alla fine dello scorso anno, il principale contendente Zhèng Zéguāng è stato assegnato ad essere l’ambasciatore della Cina nel Regno Unito. Altre speranze una volta includevano i vice ministri degli esteri Mǎ Zhāoxù, Lè Yùchéng e il già citato Xie Feng.

Qin non è il primo ad essere stato ricompensato per il suo servizio dedicato. Zhāng Yèsuì, il nono ambasciatore cinese negli Stati Uniti, un tempo era a capo del dipartimento del protocollo del Ministero degli Affari Esteri. Al Vertice del millennio delle Nazioni Unite del 2000, è riuscito a organizzare un servizio fotografico per l’allora presidente cinese Jiāng Zémín insieme agli altri quattro membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Attraverso la manovra di Zhang, il raggiante Jiang si trovava proprio al centro della foto, circondato da leader di Francia, Russia, Regno Unito e Stati Uniti.

Jiang era così soddisfatto del lavoro di Zhang che ha accelerato la sua promozione. Nel 2000, Zhang è stato promosso assistente del ministro degli Esteri. Tre anni dopo, è stato promosso vice ministro degli esteri, dove era responsabile della ricerca politica, degli affari regionali in Africa, Europa, Nord America e Oceania, del controllo degli armamenti e del diritto dei trattati.

In questo senso, la nomina di Qin Gang potrebbe, invece, rispecchiare il fatto che “il sistema cinese sembra essere in una fase di favorire la fedeltà incrollabile al partito al di sopra dei risultati diplomatici”, ha affermato Daniel Russel, un ex diplomatico americano che ora è vicepresidente dell’Asia Society Policy Institute.

L’alto funzionario della Casa Bianca per l’Asia, Kurt Campbell, una volta ha osservato durante una conferenza che esiste un “gruppo sempre più piccolo” di persone che aiutano a guidare il processo decisionale di Xi Jinping e che i migliori diplomatici cinesi Yáng Jiéchí e Wang Yi erano “da nessuna parte vicino a 100 miglia” dalla cerchia ristretta di Xi, nonostante il “grande rispetto per entrambi gli uomini” di Campbell e la sua convinzione che “sono abili rappresentanti della Cina”. Campbell ha aggiunto che l’establishment della politica estera cinese comprende che le politiche del paese hanno contribuito a causare un contraccolpo globale. “Ma questo sta arrivando alla cerchia più ristretta della leadership cinese?”

In un messaggio sul sito web dell’ambasciata cinese, il neo ambasciatore Qin ha dichiarato: “La relazione Cina-Stati Uniti è giunta ancora una volta a una nuova congiuntura critica, affrontando non solo molte difficoltà e sfide, ma anche grandi opportunità e potenzialità”. “Lavorerò per salvaguardare le fondamenta della Cina-U.S.A. relazioni, sostenere gli interessi condivisi dei due popoli e cercare di portare i rapporti bilaterali di nuovo in carreggiata”, ha assicurato Gang, ammonendo che I legami che sono stati aperti tra i due Paesi “non possono essere chiusi”.

In qualità di ambasciatore, Qin affronterà una relazione sempre più spinosa e politicamente carica. I diplomatici cinesi hanno denunciato furiosamente le sanzioni di Washington sulle politiche intransigenti di Xi nella regione occidentale dello Xinjiang e nella città di Hong Kong. Ma stanno anche cercando di trovare un terreno comune sulle minacce internazionali come limitare il riscaldamento globale.

Le relazioni della Cina con l’Occidente, e con gli Stati Uniti in particolare, sono diventate molto più tese dall’ultima volta che Pechino ha nominato un inviato a Washington otto anni fa. Secondo un sondaggio pubblicato all’inizio di questo mese dal Pew Research Center, circa il 76% degli americani ha dichiarato di vedere sfavorevolmente la nazione più popolosa del mondo, con un aumento di tre punti percentuali rispetto allo scorso anno.

Tuttavia, il Pesidente cinese Xi Jinping, che deve far fronte alle crescenti richieste interne di resistere alle pressioni estere, ha segnalato la volontà di mantenere una posizione assertiva sulla scena mondiale. In un discorso in occasione del 100° anniversario del Partito Comunista al potere questo mese, Xi ha promesso che la Cina “non permetterà mai a nessuna forza straniera di prevaricare, costringerci e renderci schiavi”.

Xi ha cercato di posizionare Pechino come un contrappeso sempre più potente a un ordine internazionale dominato dagli Stati Uniti. Nei commenti interni ai funzionari del Partito Comunista l’anno scorso, ha preso una nota ferma ma misurata sulla relazione, dicendo che “l’Oriente è in aumento e l’Occidente è in declino”, ma che la resilienza americana non dovrebbe essere sottovalutata.

Poiché l’amministrazione Biden ha segnalato che continuerà a costruire alleanze in tutto il mondo per contestare la Cina, Xi ha avvertito che Pechino non dovrebbe essere emarginata negli affari globali ed è pronto a respingere la pressione occidentale.

“Il popolo cinese non permetterà mai alle forze straniere di prepoterci, opprimerci o schiavizzarci”, ha detto nel discorso in occasione dei 100 anni dalla fondazione del Partito Comunista Cinese il 1° luglio. sulla Grande Muraglia d’acciaio costruita con la carne e il sangue di 1,4 miliardi di cinesi”.

Qin sembra adatto a promuovere la posizione internazionale più muscolare della Cina. Qin di certo non evita di essere polemico e, a volte, combattivo.

In risposta alla pubblicazione del rapporto sui diritti umani degli Stati Uniti del 2006, Qin Gang ha presentato agli Stati Uniti un “dono”, una copia del testo confuciano Quattro libri e cinque classici, insieme a una minaccia appena velata che cita l’antico saggio: ” Ha detto che “una persona ben colta dovrebbe prima mantenere il suo cuore retto, affinare la sua anima e poi regolare bene la famiglia in modo da contribuire al buon governo del paese e lavorare per costruire un mondo armonioso” … Suggeriamo che gli Stati Uniti abbiano un attento studio delle sue opere”, ha detto Qin.

Quando l’esercito americano ha sorvolato la zona di identificazione della difesa aerea del Mar Cinese Orientale (ADIZ), Qin Gang ha esortato i giornalisti a cercare cosa significasse il termine tigre di carta.

Ha difeso l’enorme spesa per la difesa della Cina, dicendo scherzando ai giornalisti che l’Esercito Popolare di Liberazione Cinese non era un “corpo di bambini” dotato di lance con nappe rosse e che, nonostante le pressioni esterne, la Cina non sarebbe rimasta “come un boy scout”.

Qin ha ripetutamente spazzato via la retorica degli Stati Uniti sulla lotta alla Cina, concludendo che “se [l’intenzione del presidente Obama di saltare la Cina nel suo viaggio in quattro stati in Asia] era di contrastare la Cina o no… direi che la Cina è proprio qui , che venga o no».

Nel 2009, quando un giornalista della BBC ha chiesto a Qin Gang la giustificazione per l’installazione obbligatoria del software di filtraggio Green Dam Youth Escort sui personal computer, apparentemente per bloccare la pornografia, Qin ha ribattuto e ha chiesto al giornalista se avesse figli o pianificasse di avere figli. Ha continuato a tracciare un’analogia tra la preoccupazione di un genitore per le informazioni dannose su Internet e il ruolo attivo del governo cinese nel promuovere “il sano sviluppo di Internet”. In risposta alla domanda di un giornalista sul blocco di YouTube in Cina, ha affermato: “Per quanto riguarda ciò che puoi e non puoi guardare, guarda ciò che puoi guardare e non guardare ciò che non puoi guardare”.

Uno studioso russo ha ricordato un’interazione con Qin Gang alla quale erano presenti altri stranieri. A Qin è stato chiesto se i funzionari del ministero degli Esteri avessero letto liberamente le pubblicazioni nazionaliste emergenti sotto il nome ombrello “La Cina non è felice/La Cina può dire di no” e se erano d’accordo con i loro autori. Astenendosi dal dare una risposta diretta, Qin ha semplicemente detto: “Possiamo essere d’accordo che la Cina è sempre stata offesa da altre potenze mondiali e ora gli interessi della Cina vengono violati. Dobbiamo rispondere a questo”.

Recentemente, Qin ha guidato la risposta del ministero degli Esteri alle sanzioni europee e britanniche sullo Xinjiang, convocando l’ambasciatore britannico, Caroline Wilson, e condannando la mossa di Bruxelles.

Qin ha affermato che la Cina ha “la ferma determinazione a salvaguardare la sovranità nazionale, la sicurezza ed interessi di sviluppo” e ha promesso “risposte necessarie e legittime alle malefatte del Regno Unito” nel suo incontro con Wilson.

“A livello internazionale, ci sono alcune forze anti-cinesi che inventano tutti i tipi di bugie per contenere lo sviluppo della Cina”, ha detto l’anno scorso a un ricevimento organizzato dall’ambasciata tedesca a Pechino, secondo il ministero degli Esteri cinese. “L’1,4 miliardi di cinesi non accetterà mai questo”.

Questi episodi sono la conferma che Qin Gang è un diplomatico “guerriere lupo”? Qin ha sicuramente abbracciato un approccio deciso e spesso abrasivo, anche prima della coniazione del termine “diplomazia del guerriero lupo”. La forte presenza sui social è un suo carattere distintivo. Tra i giornalisti stranieri, è noto per le aspre confutazioni come portavoce del ministero degli Esteri cinese. Nel febbraio 2021, in risposta alla domanda di un giornalista tedesco sulla diplomazia cinese dei ‘guerrieri lupi’ durante una conferenza stampa, Qin ha assunto un tono stridulo e ha affermato che altri paesi e popoli che “hanno sfacciatamente imbrattato la Cina” sono “lupi malvagi”.

Ma in contrasto con i diplomatici canonici lupo che litigano su Twitter con giornalisti stranieri, promuovono cospirazioni sulle origini del COVID-19 e trollano i funzionari americani su razza e discriminazione, il Wall Street Journal ha suggerito che Qin è visto come “un diplomatico di carriera misurato piuttosto di un guerriero ad alto wattaggio” che viene a definire la reputazione dei diplomatici cinesi all’estero.

Altri hanno notato il suo comportamento raffinato. Un giornalista australiano una volta ha ricordato la routine di sorseggiare acqua di Qin in ogni conferenza stampa che ha ospitato: prima avrebbe scansionato l’intera stanza, poi lentamente avrebbe bevuto un sorso d’acqua sul podio prima di salutare la stanza dei giornalisti.

Qin ha modi più miti rispetto ai “guerrieri lupo”, come sono stati chiamati i diplomatici più combattivi della Cina che sono recentemente venuti alla ribalta. Ma come portavoce del ministero degli Esteri, ha dato un primo esempio alla risposta sempre più combattiva della Cina alle pressioni occidentali. In quest’ottica, “è un momento significativo”, ha detto Drew Thompson, un ex funzionario del Pentagono responsabile per la Cina. “Negli ultimi 20 anni hai avuto una serie di esperti americani inviati a Washington”- ha affermato in un’intervista Thompson – “Qualcuno la cui carriera è stata più puntata sulla difesa della dignità e sulla parità di trattamento dei dirigenti cinesi senior verrà al lavoro potenzialmente con una mentalità diversa”.

Quali compiti e sfide dovrà affrontare Qin Gang nel suo nuovo ruolo? Sarà responsabile di guidare le relazioni tra le due maggiori economie del mondo mentre si scontrano su questioni che vanno dal commercio alla tecnologia, ai diritti umani e al Mar Cinese Meridionale.L’annuncio, atteso da mesi, arriva giorni dopo un controverso round di colloqui tra alti diplomatici statunitensi e cinesi. Lunedì, il ministro degli Esteri Wang Yi ha ribadito le richieste di Pechino durante una visita a Tianjin del vice segretario di Stato Wendy Sherman, esortando gli Stati Uniti a smettere di criticare il sistema politico cinese, a ritirare tutte le sanzioni e le tariffe e a rimanere fuori dagli affari di Hong Kong, Taiwan e Xinjiang .

Qin dovrebbe iniziare a coordinarsi con gli Stati Uniti per rispondere agli elenchi di richieste e preoccupazioni che la Cina ha presentato al vice segretario di Stato Wendy Sherman durante incontri consecutivi con il vice ministro degli Esteri cinese Xiè Fēng e il ministro degli Esteri Wáng, sebbene le due parti rimangano distanti su molte questioni. Gli osservatori sostengono che rispondere ad alcune delle richieste leggere dei cinesi, ad esempio, allentando le restrizioni sui visti per gli studenti cinesi e i media ufficiali, potrebbe essere un modo pragmatico per avviare un miglioramento delle relazioni tese. Altre richieste come la revoca delle sanzioni imposte sullo Xinjiang e Hong Kong rischiano di non essere soddisfatte.

È probabile che Qin Gang svolga un ruolo importante nel coordinare il futuro vertice faccia a faccia tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e Xi Jinping, forse in occasione di un vertice del Gruppo dei 20 a ottobre. Qin Gang ha anche del lavoro da recuperare per costruire la propria rete di contatti a Washington A differenza del suo immediato predecessore, Cuī Tiānkǎi, Qin non ha precedenti esperienze relative agli Stati Uniti.

Il suo predecessore come ambasciatore a Washington, Cui Tiankai, pur essendo meno presente sui social media, ha difeso vigorosamente le politiche della Cina dopo aver assunto quell’incarico nel 2013, ma ha preso le distanze dalla retorica rancorosa e dalle teorie cospirative del Covid di alcuni diplomatici cinesi in ascesa. “Le relazioni USA-Cina sono ora a un bivio cruciale”, ha avvertito Cui in una lettera di addio il mese scorso sul sito web dell’ambasciata cinese.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden non ha ancora nominato un inviato a Pechino. L’ex ambasciatore alla NATO Nicholas Burns è stato dato, secondo alcune indiscrezioni, come il favorito per il posto. Come fa notare con malizia il ‘Global Times’, il posto è vacante da oltre 9 mesi, dopo che Terry Branstad ha lasciato la posizione nel settembre dello scorso anno e “l’atteggiamento della Cina nel trattare le relazioni tra Cina e Stati Uniti si riflette nella nomina di un nuovo ambasciatore quando il precedente ha lasciato il suo incarico, il che esprime la speranza che i legami bilaterali possano rimanere stabili. In confronto, Branstad è partito di fretta e gli Stati Uniti non sono riusciti a nominare un nuovo ambasciatore dopo 9 mesi, il che dimostra che la capacità degli Stati Uniti nel gestire le relazioni bilaterali è in ritardo rispetto a quella della Cina”. È così? Quali saranno le conseguenze della nomina di Gang per le relazioni sino-americane? In altre parole, ‘ambasciatore non porterà pena’? Lo abbiamo chiesto a Ross Darrell Feingold, esperto di Cina e, più in generale, di Asia.

Qin Gang è il nuovo ambasciatore cinese a Washington. 55 anni, diplomatico di lungo corso, già Vice Ministro degli Esteri. Cosa non si sa di questo alto diplomatico cinese e cosa dovrebbe preoccupare?

Gran parte di ciò che sappiamo di Qin Gang deriva dal suo lungo servizio come portavoce del ministero degli Esteri cinese. Non sorprende che il suo stile nel rispondere alle domande della Cina o dei giornalisti stranieri fosse quello di difendere a gran voce le politiche interne ed estere della Cina. Anche se non può essere definito il creatore di quella che molti chiamano la diplomazia cinese del “Wolf Warrior”, il suo stile nel trattare con i media è di natura simile. La sua esperienza all’estero è nel Regno Unito e non negli Stati Uniti, cosa che molti commentatori hanno notato dopo che è stato annunciato come prossimo ambasciatore negli Stati Uniti. D’altra parte, era anche responsabile del dipartimento del protocollo del ministero degli Esteri, e ha aiutato a organizzare i precedenti viaggi negli Stati Uniti per Xi Jinping, e certamente è stato coinvolto nell’organizzazione delle visite in Cina di dignitari del governo degli Stati Uniti. Inoltre, come vice ministro degli Esteri da luglio 2018, ha avuto un ruolo di leadership senior nelle relazioni della Cina con gli Stati Uniti, in un periodo in cui le relazioni sono cambiate radicalmente quando l’amministrazione Trump ha attuato politiche su commercio, diritti umani, Xinjiang, Taiwan, Hong Kong, in risposta a COVID-19, tra le altre questioni. Per quanto riguarda ciò di cui potrebbe aver bisogno di preoccuparsi, secondo me non è tanto che non abbia lavorato negli Stati Uniti o che i suoi incarichi quando era a casa a Pechino all’inizio della sua carriera non si concentravano interamente sulle relazioni con gli Stati Uniti. Piuttosto, come l’ambasciatore di qualsiasi Paese, è se il governo del suo Paese d’origine lo considera o meno un messaggero delle politiche del governo o lo coinvolgerà nel processo decisionale. Allo stesso modo, il governo degli Stati Uniti dovrà anche valutare se Qin Gang è un messaggero o fa parte del nucleo centrale di funzionari che decidono le politiche della Cina nei confronti degli Stati Uniti. Per ora è semplicemente troppo presto per avere questa opinione.

Qin Gang, secondo alcuni retroscena, è molto vicino a Xi Jinping. Perché? 

Gli esperti amano ipotizzare che gli alti funzionari facciano parte di una particolare fazione all’interno del Partito Comunista Cinese o del governo cinese, e se la fazione sia allineata con Xi Jinping, i precedenti leader Hu Jintao o Jiang Zemin. Anche se Qin Gang fa parte di una fazione allineata a Xi, sembra che le sue rapide promozioni negli ultimi dieci anni da portavoce a capo del protocollo a vice ministro degli Esteri e ora ambasciatore negli Stati Uniti sia principalmente dovuto al fatto che ha completato con competenza i compiti e missioni precedentemente assegnategli. È sciocco presumere che Qin Gang sia stato inviato negli Stati Uniti solo perché piace a Xi Jinping. Vale a dire, dal punto di vista degli alti leader cinesi e, soprattutto, di Xi Jinping, Qin Gang ha svolto bene il suo lavoro passato ed è una persona affidabile per svolgere questo prossimo incarico. Ovviamente aiuta anche il fatto che Qin Gang parli bene l’inglese.

Qin Gang diventa ambasciatore cinese in USA in modo inaspettato. Con una mossa a sorpresa alla fine dello scorso anno, il principale contendente Zhèng Zéguāng è stato nominato ambasciatore della Cina nel Regno Unito e vice ministri degli esteri Mǎ Zhāoxù, Lè Yùchéng o Xie Feng non sono stati presi in considerazione. Ci sono altre caratteristiche che hanno fatto ricadere la scelta su Qin oltre alla vicinanza a Xi Jinping? È una designazione che ha premiato il merito? 

Molto probabilmente Qin Gang e gli altri ambasciatori hanno guadagnato il loro lavoro in base al merito, tenendo presente che merito significa eseguire la propria missione (nei lavori precedenti) in conformità con gli obiettivi del partito, del governo e di Xi Jinping. Comprensibilmente, in un sistema come quello cinese, c’è solo un numero limitato di alti diplomatici di cui Xi Jinping si fiderebbe per incarichi di alto livello in Cina o all’estero come ambasciatori in paesi importanti come gli Stati Uniti e il Regno Unito. La speculazione sul motivo per cui una persona è stata selezionata per un ruolo particolare (e qualcun altro è stato selezionato per un ruolo diverso) potrebbe essere interessante da fare, ma probabilmente fornisce un valore limitato in futuro mentre cerchiamo di valutare cosa verrà dopo negli Stati Uniti-Cina o nel Regno Unito- Cina, relazioni. In realtà, gli ambasciatori cercheranno tutti di realizzare gli obiettivi di politica estera dei loro governi e, nell’ambiente attuale, tratteranno con i governi che stanno attuando nuove politiche nei confronti della Cina che affrontano le preoccupazioni di questi governi sul comportamento cinese attraverso una serie di questioni .

Qin è definito un ‘falco’ per via del suo carattere diretto e franco. C’è anche chi, non dimenticando la sua duplice esperienza del Ministero degli Esteri, ne parla come di un esponente della ‘wolf warrior diplomacy’ cinese. È una descrizione corretta?

Anche se Qin Gang non è stato il primo ad essere chiamato un diplomatico cinese guerriero lupo, generalmente il suo stile di parola sarà quello che viene generalmente chiamato Guerriero Lupo. È interessante notare che la sua prima dichiarazione sul sito web dell’ambasciata cinese non era in stile Wolf Warrior. Dovremmo ovviamente guardare le prossime dichiarazioni sui social media e le osservazioni che fa nelle interviste ai media o nei forum pubblici, specialmente in risposta alle azioni future che gli Stati Uniti intraprendono come sanzionare i funzionari cinesi, limitare il commercio di determinati beni come i prodotti tecnologici.

Questo carattere molto combattivo potrebbe creare problemi al rapporto tra USA e Cina?

Le decisioni politiche sono prese dai rispettivi leader, Xi Jinping e Joe Biden, con i loro alti assistenti di politica estera e di sicurezza nazionale. Sebbene gli ambasciatori abbiano un ruolo da svolgere in questi processi decisionali, è improbabile che la personalità o il modo di parlare di Qin Gang siano un fattore determinante nella direzione delle relazioni politiche USA-Cina. In altre parole, che sia un tipo tranquillo, o combattivo, probabilmente non ha alcun effetto sulle decisioni che i due governi prenderanno in futuro. Potrebbe ovviamente avere un effetto negativo sulla percezione pubblica negli Stati Uniti della Cina e nel governo cinese, anche se sappiamo da recenti pool che la percezione pubblica è già molto negativa.

Qin Gang parla molto fluentemente l’inglese, ha già avuto un’esperienza diplomatica nel Regno Unito, ma non si è mai occupato specificatamente della policy cinese riguardo agli USA. Ciò nonostante, il suo curriculum lo aiuterà nella gestione dei rapporti sino-americani?

La mancanza di un precedente distacco negli Stati Uniti è spesso citata come una preoccupazione dagli analisti. Tuttavia, Qin Gang si è occupato di questioni relative agli Stati Uniti nei suoi vari ruoli come portavoce, capo del protocollo e vice ministro degli esteri. Un inglese fluente lo aiuterà sicuramente nel suo ruolo. Indipendentemente dal paese, si dovrebbe presumere che un diplomatico che ha ricoperto ruoli così alti nel suo ministero degli esteri sia competente per ricoprire qualsiasi posizione in un paese straniero chiave come gli Stati Uniti. Inoltre, ha ovviamente enormi risorse per supportare il suo lavoro, incluso il personale dell’ambasciata cinese e dei suoi consolati rimanenti (dopo la chiusura del consolato di Houston) negli Stati Uniti, il quartier generale del ministero degli Esteri e altre risorse del governo come l’esercito e agenzie di intelligence. Altre risorse includono le agenzie di stampa statali cinesi negli Stati Uniti, i restanti Istituti Confucio, le organizzazioni studentesche cinesi negli Stati Uniti che lavorano a stretto contatto con i diplomatici cinesi e alcuni critici direbbero che parti della comunità imprenditoriale americana che favoriscono migliori relazioni con la Cina.

“Credo che la porta delle relazioni Cina-USA, che è già aperta, non possa essere chiusa. Questa è la tendenza del mondo, il richiamo dei tempi e la volontà di persone”, ha detto Qin Gang, sottolineando di “Non vedo l’ora di lavorare a stretto contatto con loro per salvaguardare le fondamenta delle relazioni Cina-USA, sostenere gli interessi condivisi del nostro popolo e tentare di riportare le relazioni Cina-USA sulla buona strada, aprendo la strada ai due Paesi per andare d’accordo con reciproco – rispetto reciproco, uguaglianza, cooperazione vantaggiosa per tutti e una convivenza pacifica – da una possibilità a una realtà”. Cosa pensa Qin Gang della relazione bilaterale tra USA e Cina?

Nonostante le dichiarazioni amichevoli che Qin Gang potrebbe fare durante questo periodo iniziale del suo incarico, la realtà è che le sue opinioni sulle relazioni degli Stati Uniti sono allineate con Xi Jinping e il governo cinese. Non c’è nessuna “luce del giorno” tra Qin Gang e il governo cinese su questo. Non c’è alcuna possibilità che agisca come “lupo solitario” o entri in controversie con il suo governo sulle direzioni politiche della Cina. Pertanto, dovremmo semplicemente presumere che veda le relazioni bilaterali in modo coerente con altri messaggi del governo cinese, che si tratti del ministero degli Esteri, delle ambasciate cinesi in tutto il mondo o dei media statali.

Quali sono i maggiori ostacoli che Qin Gang si troverà ad affrontare?

Il più grande ostacolo che Qin Gang dovrà affrontare è la misura in cui avrà input nelle decisioni prese dalla leadership di Pechino o, se sarà un messaggero per decisioni prese in cui aveva un input limitato. Potrebbe anche subire critiche in Cina se non è in grado di prevedere con precisione le principali decisioni del governo degli Stati Uniti sulle relazioni con la Cina come sanzioni, commercio, Hong Kong o Taiwan. Un altro ostacolo sono le azioni nel Congresso degli Stati Uniti, come le udienze sulla Cina, o le leggi che il Congresso potrebbe approvare (e il presidente Biden potrebbe firmare in legge) riguardo alle relazioni USA-Cina; molti di questi disegni di legge sono attualmente in sospeso al Congresso. In un’era precedente, i diplomatici cinesi erano in grado di interagire con i membri del Congresso degli Stati Uniti. Questo canale di comunicazione è ora in gran parte chiuso.

Nella sua lettera di congedo dall’incarico, il predecessore di Qin Gang, Cui Tiankai ha scritto una lettera nella quale si legge: “Le relazioni tra USA e Cina sono ad un punto critico, gli Stati Uniti sono impegnati in un nuovo ciclo di ristrutturazione della loro politica governativa nei confronti della Cina, si trovano ad un bivio tra cooperazione è scontro frontale”. Con il cambio di ambasciatore, cosa cambia nella concezione dei rapporti USA/Cina? C’è qualcosa su cui Qin Gang e Cui Tiankai la pensano diversamente?

Sembra che ci sia una leggera differenza di stile tra Qin Gang e Cui Tiankai, ma l’accento dovrebbe essere su leggero e stile. Il fatto che Qin Gang abbia uno stile di linguaggio più stridente non significa una grande differenza e, in definitiva, la loro missione è la stessa, ovvero rappresentare il governo cinese e respingere le azioni intraprese dagli Stati Uniti. Proprio come Cui Tiankai non è stato in grado di impedire all’amministrazione Trump di intraprendere molte azioni che rientrano nel “duro con la Cina”, Qin Gang non sarà in grado di impedire all’amministrazione Biden di intraprendere tali azioni. D’altra parte, se l’amministrazione Biden intraprende azioni che tentano di annullare alcune delle azioni dell’amministrazione Trump, sarà a causa del processo decisionale interno dell’amministrazione Biden e non a causa di ciò che dice Qin Gang. Su questioni in cui l’amministrazione Biden spera di collaborare con la Cina, come il cambiamento climatico, l’Iran e la Corea del Nord (anche se la possibilità di cooperazione è limitata), Qin Gang probabilmente non sarà direttamente coinvolto, poiché è più probabile che venga gestito da altro personale dedicato nominato da ciascun governo.

Cui Tiankai è rimasto al suo incarico a Washington per 8 anni (da Obama fino ad oggi), superando anche l’età pensionabile ed assistendo al progressivo declino dei rapporti USA-Cina. Come si può valutare il suo lavoro a Washington e come lo valuta Pechino? E perché è stato sostituito proprio adesso, con l’avvento dell’amministrazione Biden?

Cui Tiankai è rimasto per otto anni, un incarico insolitamente lungo che ha attraversato gli ultimi anni dell’amministrazione Obama, l’amministrazione Trump e l’inizio dell’amministrazione Biden. È interessante notare che il presidente George W. Bush ha avuto un ambasciatore in Cina durante i suoi due mandati, Clark Randt, che ha prestato servizio dal 28 luglio 2001 al 20 gennaio 2009. È improbabile che la leadership cinese consideri Cui Tiankai un pessimo lavoro. Mentre la leadership cinese avrebbe potuto preferire uno stile di conversazione più estroverso simile allo stile dei diplomatici cinesi “Wolf Warrior” altrove, possiamo solo speculare su questo. L’elezione del presidente Trump e i successivi cambiamenti nella politica degli Stati Uniti nei confronti della Cina non sono qualcosa che Cui Tiankai avrebbe potuto impedire, né Cui Tiankai è responsabile delle politiche attuate dal governo cinese a cui gli Stati Uniti reagiscono. Anche la chiusura del consolato di Houston non è qualcosa di cui dovrebbe essere incolpato, perché avrebbe avuto solo qualche input ma non il controllo sulle attività del personale di intelligence lì appostato. Indipendentemente dall’età di Cui Tiankai, o dal suo rendimento lavorativo, dopo otto anni e con un cambio di presidente degli Stati Uniti, è comprensibile che la Cina colga questa opportunità per cambiare il suo ambasciatore.

L’uso dei social è una differenza importante tra Cui Tiankai e Qin Gang con il secondo molto più presente rispetto al primo. Quali conseguenze avrà questa caratteristica del nuovo ambasciatore cinese a Washington?

Lo stile di Qin Gang sui social media in futuro sarà una cosa interessante da guardare. Potrebbe continuare il suo stile passato e pubblicare messaggi arrabbiati con il governo degli Stati Uniti e difendere le politiche della Cina. In alternativa, potrebbe cambiare il suo contenuto, ad esempio cercando di spiegare i vantaggi del commercio tra Stati Uniti e Cina, visitando diverse parti degli Stati Uniti e pubblicando foto carine di se stesso in visita con americani, assaggiando cibo americano e attività simili che tentano di mostrare che è cercando di essere amichevole. Più probabilmente, nel periodo iniziale potrebbe provare una miscela di stili. Tuttavia, nel medio termine, è probabile che il suo stile ritorni al suo solito stile.

Ti aspetti un miglioramento delle relazioni USA – Cina con Qin Gang?

Un miglioramento delle relazioni USA-Cina è molto improbabile. Anche se l’amministrazione Biden intraprende alcune azioni sul commercio (come abbassare alcune tariffe), e anche se c’è un ‘accordo’ su qualcosa di così delicato come il caso Meng Wanzhou, ci sono troppe questioni controverse nel rapporto per un miglioramento immediato o per qualsiasi cosa Qin Gang sia in grado di fare. L’amministrazione Biden continuerà ad affrontare le pressioni dei repubblicani (e in misura minore dei democratici) al Congresso per mantenere le attuali politiche nei confronti della Cina o per implementare politiche più severe nei confronti della Cina, le azioni della Cina (sia all’interno che all’esterno della Cina) potrebbero influenzare il rapporto e costringere l’amministrazione Biden a rispondere e potrebbero verificarsi altre incognite.

Il ‘Global Times’ fa notare maliziosamente che mentre la Cina ha inviato il nuovo ambasciatore circa un mese dopo la partenza del predecessore, gli Stati Uniti, dopo nove mesi, ancora non hanno designato il nuovo diplomatico. Perché tanto ritardo, vista l’importanza e la delicatezza di una relazione diplomatica come quella tra USA e Cina?

L’amministrazione Biden è stata lenta nel nominare gli ambasciatori e il Senato per vari motivi è stato lento nel confermare nominativi diversi dai primi nominati confermati nelle prime settimane dell’amministrazione Biden come Segretario di Stato e ambasciatore presso le Nazioni Unite . L’amministrazione Biden ha solo se stessa da incolpare per il ritardo nel fare le nomine, anche se la loro scusa è che è impegnata con questioni relative al COVID-19 o che il Senato è lento a confermare i candidati. Inoltre, l’amministrazione Biden deve assumersi la responsabilità di non dare priorità alla nomina alla Cina. Ciò indica che potrebbe esserci ancora un dibattito interno non solo sulla politica cinese, ma anche su come funzioneranno i processi decisionali tra il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, Kurt Campbell del Consiglio di sicurezza nazionale responsabile delle questioni indo-pacifiche, il segretario di Stato Antony Blinken. , e chi mai è ambasciatore in Cina. Inoltre, probabilmente indica che ci sono problemi nell’esperienza passata di Nicholas Burns dentro e fuori il governo che l’amministrazione Biden è preoccupata potrebbe diventare controversa durante le udienze del Senato. Indipendentemente da ciò, il ritardo nella nomina degli Stati Uniti non è davvero qualcosa che influisce sulle relazioni USA-Cina o sul processo decisionale dell’amministrazione Biden negli ultimi mesi, anche se la Cina cerca di usarlo per criticare gli Stati Uniti.

Secondo alcuni rumors non confermato ufficialmente, l’ambasciatore USA a Pechino scelto da Biden dovrebbe essere Nicholas Burns, Docente di Harvard. Se confermato, come valutare questa scelta e quali effetti avrà nelle relazioni USA-Cina?

In un certo senso è simile a Qin Gang. Burns è qualcuno con cui il presidente Biden ha lavorato e di cui si fida, e Burns eseguirà in modo affidabile le politiche dell’amministrazione Biden. Ciò significa anche che Burns sarà criticato dai membri del Congresso, e da alcuni media statunitensi, per essere troppo morbido con la Cina, e quindi l’amministrazione Biden pensa che Burns, con la sua precedente esperienza nel governo, sia in grado di resistere alle critiche. Indica anche che l’amministrazione Biden pensa che un diplomatico tradizionale (cioè qualcuno con una lunga esperienza nel servizio estero degli Stati Uniti piuttosto che nominare qualcuno di spicco che in precedenza non era un diplomatico) potrebbe essere in grado di dialogare con la Cina su varie questioni utilizzando la tradizionale diplomazia stile. In questo, l’amministrazione Biden potrebbe essere ingenua, ma il tempo lo dirà.

Il profilo di Qin Gang, il nuovo ambasciatore cinese a Washington, è molto simile a quello di Zhao Lijiang, l’attuale portavoce del Ministero degli Esteri cinese. Entrambi condividono un carattere piuttosto forte, un forte nazionalismo, una grande capacità di comunicazione anche attraverso i social media. Si parla di ‘wolf warrior diplomacy’ cinese. A livello generale, cosa ci dicono questi nuovi giovani volti diplomatici cinese sul cambiamento in atto nella diplomazia del Dragone?

Qin Gang ha 55 anni, quindi non è corretto chiamarlo giovane anche se è di una generazione più giovane di Cui Tiankai. Ha infatti molti decenni di esperienza come diplomatico e la sua carriera ha attraversato molti eventi, e periodi diversi, in cui la Cina ha avuto esiti diplomatici positivi e negativi nelle sue relazioni con gli Stati Uniti e altri paesi del mondo. Allo stesso modo, la sua carriera ha attraversato lo sviluppo di Internet e, più recentemente, dei social media, con cui una vecchia generazione di diplomatici come Cui Tiankai potrebbe avere meno familiarità o utilizzare meno. Indipendentemente da ciò, la generazione di diplomatici di Qin Gang eseguirà le decisioni di politica estera della leadership, con o senza l’uso dei social media e con o senza l’uso di altre attività in stile “Wolf Warrior”. In definitiva, qualsiasi cambiamento nelle politiche cinesi che possa portare a un corrispondente cambiamento nelle relazioni con gli Stati Uniti o altri paesi spetta a Xi Jinping.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->