mercoledì, Maggio 12

Usa-Cina, guerra commerciale senza fine Migranti, la Merkel scenderà in campo personalmente per trattare con gli altri Paesi coinvolti

0

La guerra commerciale tra Usa e Cina è ufficialmente iniziata oggi allo scoccare della mezzanotte con l’operatività dei dazi al 25% sull’import di 818 beni. Si tratta di misure del valore di 34 miliardi di dollari, prima tranche di un’azione preliminare da 50 miliardi. Tra l’altro Donald Trump ha minacciato dazi ulteriori per 500 miliardi di dollari nel caso Pechino decida ritorsioni. Ma in realtà Pechino ha replicato alla mossa dei dazi americani rendendo efficaci le ‘contromisure’ da 34 miliardi di dollari sulle importazioni di beni americani.

Contro gli Usa anche la Russia, che ha deciso di rispondere ai dazi americani sull’alluminio e sull’acciaio introducendo a sua volta delle imposte, dal 25 al 40% del valore, sull’importazione di alcuni prodotti statunitensi. Lo ha annunciato il ministro russo dell’Economia Maksim Oreshkin precisando anche i prodotti coinvolti.

Intanto gli Usa continuano le manovre internazionali. Il segretario di Stato Mike Pompeo è arrivato a Pyongyang per incontrare il leader Kim Jong-un e per provare a tracciare una road ma” definita del processo di denuclearizzazione.

Mentre l’Unione europea, la Cina, la Russia e l’Iran confermano l’impegno a rispettare ed applicare in toto quanto previsto dall’accordo sul nucleare iraniano. E’ quanto si legge in una nota diffusa dai servizi dell’Alto rappresentante Ue Federica Mogherini al termine della riunione ministeriale svoltasi oggi a Vienna.

Questione migranti sempre al centro dell’attenzione. Angela Merkel infatti ha annunciato che scenderà in campo personalmente, per trovare degli accordi coi Paesi coinvolti dalle nuove misure del governo tedesco per contrastare la migrazione secondaria. Nel frattempo il rappresentante per il sud Europa dell’agenzia Onu, Felipe Camargo, ha lanciato un appello: «Ad ogni imbarcazione con la capacità di effettuare operazioni di salvataggio dovrebbe essere consentito di sbarcare nel posto sicuro più vicino».

Torniamo in Gran Bretagna per l’ennesimo caso di avvelenamento. La polizia britannica ha perlustrato diverse zone di Salisbury e Amesbury alla ricerca di una piccola fiala che potrebbe essere stata contaminata con tracce del micidiale agente nervino Novichock. La polizia ritiene infatti che le due persone possano essere venute a contatto con una fiala o un altro tipo di oggetto o contenitore abbandonato in pubblico dopo l’attacco compiuto con un agente nervino contro l’ex spia russa Sergei Skirpal e sua figlia e sua figlia Yulia a Salisbury.

In Francia, le teste di cuoio sono da ieri sera presenti su ogni treno che circola nel Paese, in incognito e pronti a intervenire contro eventuali attentatori: lo ha reso noto la direzione della gendarmeria, precisando che l’operazione, scattata alla vigilia del grande esodo estivo, è stata denominata ‘Train Marshalls‘.

Chiudiamo con la Siria, dove le forze governative hanno conquistato oggi il valico frontaliero di Nassib con la Giordania, principale obiettivo strategico dell’attuale offensiva militare governativa e russa avviata lo scorso 19 giugno contro le milizie anti-regime della regione di Daraa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->