giovedì, Luglio 29

Usa: come ci si prepara alla possibile guerra con la Corea del Nord Ecco, in un reportage della 'BBC', come gli aviatori americani si allenano per un possibile conflitto

0

Vogliamo la pace e agire per via diplomatica, ma siamo pronti ad usare la forza militare, se necessario. E’ il succo del discorso di Donald Trump durante la sua visita in Corea del Sud. Il presidente americano ha detto di sperare che non sia necessario ricorrere all’uso della potenza militare degli Stati Uniti, ma ha ribadito: «Non possiamo permettere alla Corea del Nord di minacciare tutto ciò che abbiamo costruito». Poi però ha aperto uno spiraglio: «Vedo del movimento. Avrebbe davvero senso che la Corea del Nord venisse al tavolo e facesse un accordo».

La Corea del Nord non conduce test missilistici da 53 giorni, il più lungo periodo di ‘silenzio’ quest’anno, e i media del regime non hanno commentato l’arrivo di Trump nel Paese vicino. La scorsa settimana i servizi segreti di Seul avevano espresso la possibilità che Pyongyang si stesse preparando a un nuovo test missilistico, sollevando il timore che esso potesse accadere nel corso del viaggio asiatico del presidente americano.

E proprio viste le parole di Trump, negli Usa ci si prepara comunque ad un eventuale conflitto in Corea. Ecco, in un reportage della ‘BBC’, come gli aviatori americani si allenano alla guerra.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->