venerdì, Maggio 14

Usa: aumentano i casi di malattie sessualmente trasmissibili Il 26 settembre è stata la Giornata Mondiale della Contraccezione. E i dati dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono allarmanti

0

Il 26 settembre è stata la Giornata Mondiale della Contraccezione. E i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sono allarmanti: «Dei 208 milioni di gravidanze annue in tutto il mondo ben il 41% rappresenta gravidanze non programmate e, dato sconcertante, ben 16 milioni (circa l’11%) riguarda giovani tra i 15 e i 19 anni di età».

A fronte di questi risultati Bayer insieme a GKF Health ha supportato uno studio che ha mostrato le attitudini di 3000 adolescenti a riguardo di sessualità e contraccezione. Innanzitutto emerge che oltre un quarto degli intervistati non usa alcun contraccettivo perché ritiene (a torto) l’eventualità di una gravidanza piuttosto improbabile. Inoltre emerge un quadro di giovani che sanno ben poco di sesso e prevenzione. Il tutto perché a scuola ancora l’argomento è un tabù.  Per questo molti si affidano ad internet, che in molti casi, risulta essere fuorviante rispetto alla realtà.

E negli Usa intanto la faccenda si fa molto grave. I dati infatti mostrano un aumento esponenziale nel 2016 di malattie sessualmente trasmissibili.

(video tratto dal canale Youtube di Usa Today)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->