venerdì, Settembre 24

Usa, arrivano i cyber-guerrieri Secondo il nuovo protocollo, avranno rotazioni di sei mesi e saranno integrati nelle unità di fanteria

0

L’esercito Usa si sta preparando a inglobare ‘cyber-guerrieri’ all’interno di unità di fanteria regolari. A confermarlo i funzionari del Pentagono. Gli Stati Uniti sono stati finora bloccati dalle leggi, ma ora i funzionari militari hanno promesso di potenziare le loro capacità offensive nella guerra cibernetica.

Secondo il nuovo protocollo, i cyber-guerrieri dell’esercito avranno rotazioni di sei mesi e saranno integrati nelle unità di fanteria. Ma a differenza dei loro compagni armati di fucili, i guerrieri della tastiera cercheranno il controllo sul campo di battaglia con mezzi non cinetici. «Non tutto è attacco e distruzione. Come posso influenzare con mezzi non cinetici? Come posso raggiungere e creare confusione e ottenere il controllo?», ha detto in una conferenza stampa il colonnello Robert Ryan, che comanda una squadra di combattimento con base alle Hawaii.

I cyber-guerrieri adatteranno le operazioni in base alle esigenze dei loro comandanti. Negli ultimi tre anni, l’esercito ha addestrato specialisti cyber per tali operazioni in un enorme centro nel sud della California.

(video tratto dal canale Youtube di Al Jazeera)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->