domenica, Aprile 18

Usa, arriva un piano di raccolta fondi per l'Iraq field_506ffbaa4a8d4

0

È di ieri la notizia secondo cui i funzionari del Dipartimento di Stato hanno annunciato un piano dal nome ‘Usa per l’Iraq’. Il progetto prevede una sessione di donazioni in cui si spera di raggiungere la cifra di due miliardi di dollari e avviare contatti con i Paesi di tutto il mondo per ricevere dei contributi economici. Domani ventiquattro Paesi prenderanno parte alla conferenza che si terrà a Washington, dove saranno promossi gli impegni finanziari alla presenza del Ministro degli Esteri iracheno Ibrahim al-Jaafari. Ci si concentrerà soprattutto sull’assistenza umanitaria, sulla creazione di posti di lavoro e sulla stabilizzazione di servizi igienici ed elettricità.

L’attenzione tuttavia non può non concentrarsi anche sulla situazione militare. La guerra in Iraq contro l’Isis ha devastato numerose città, distruggendo infrastrutture vitali, oltre che elementi abitativi. L’esercito iracheno si prepara per l’attacco decisivo a Mosul e l’evento di domani sembra arrivare con tempismo per sostenere le operazioni militari e umanitarie (Unami) legate alla situazione bellica in corso. Attualmente il contingente Usa in Iraq è composto di 3.500 soldati; tuttavia, stando alle dichiarazioni del Segretario alla Difesa, Ash Carter, ci sarebbe l’intenzione di aggiungere un supplemento di altre 560 truppe.

(video tratto dal canale Youtube ‘wochit News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->