lunedì, Maggio 17

USA, arriva lo stop ai rifugiati siriani field_506ff510725be

0

Gli attacchi di venerdì scorso a Parigi hanno sicuramente influito nella decisione della Camera Usa di fermare l’ingresso dei rifugiati siriani e iracheni nel Paese. Il Congresso, a maggioranza repubblicana, ha bloccato così il piano di Barack Obama, che ha anche minacciato di mettere il veto sulla questione. Ma decisivi sono stati i voti di molti parlamentari democratici, che si sono schierati contro la Casa Bianca.

L’idea proposta da Obama era quella di permettere l’ingresso di 10mila rifugiati per il prossimo anno. Il disegno di legge sullo stop ai rifugiati è passato con 289 voti a favore, mentre 137 sono stati i contrari. La richiesta dei Repubblicani è di maggiori controlli per la sicurezza, ma il Governo afferma che tutti i rifugiati vengono già sottoposti a screening rigorosi. Tra le misure approvate, anche l’approfondimento dei controlli alle frontiere.

Ma sotto la lente d’ingrandimento di diversi deputati, sia democratici che repubblicani c’è anche il programma che consente l’ingresso senza visto negli Stati Uniti per i cittadini di decine di Paesi, tra cui gran parte dell’Europa (e viste le nazionalità degli attentatori di Parigi, il timore è aumentato). Per questo i Repubblicani puntano a far approvare un disegno di legge secondo cui ogni singola richiesta di ingresso nel Paese sia approvata dal direttore dell’Fbi, dal segretario del dipartimento di sicurezza interna e dal direttore dell’intelligence, affinchè si abbia una certezza (quasi assoluta) che ogni persona che vuole entrare nel Paese non sia una minaccia. Ma la Casa Bianca promette battaglia.

(video tratti dai canali Youtube di Reuters e Al-Jazeera english)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->