martedì, Maggio 11

USA 2016: scintille fra Hillary Clinton e Bernie Sanders Scontro televisivo tra i due democratici, soprattutto sulla politica estera

0

Dibattito televisivo importante ieri sera in casa democratica fra Hillary Clinton e Bernie Sanders a Milwakee, che lanciava la corsa alle primarie in Nevada e South Carolina. Normale che fosse teso, perché l’ex first lady, uscita sconfitta in New Hampshire, doveva assestare dei buoni colpi per risollevare una immagine, la sua, in caduta libera al cospetto di un rivale capace di recuperare oltre 10 punti a livello nazionale e ponendosi come vero antagonista. Dall’altra parte Sanders, oltre a mostrare sicurezza, era chiamato a incrinare le certezze delle comunità nera e ispanica, che stravede per la Clinton.

 

Ma dopo poche emozioni nel dibattito sulla politica interna (pochi gli scambi duri su finanza e sanità), lo scontro è arrivato su quella estera. Qui Hillary ha accusato Sanders di aver tradito Obama durante gli ultimi sette anni, e lui le ha rinfacciato di prendere consigli anche da Henry Kissinger: «Si è vantata di avere fra i suoi consiglieri Henry Kissinger, che con i bombardamenti in Cambogia aveva favorito le stragi dei khmer rossi», l’accusa del senatore del Vermont. «Io ascolto molte persone, invece non abbiamo ancora capito con chi parli tu di politica estera», la replica piccata della Clinton, che poi sul presidente ha detto al rivale: «Lo hai criticato dicendo che chi lo ha votato ora ha il rimorso». Sanders ha risposto che «non sono io ad aver corso contro di lui in una campagna presidenziale». Insomma la Clinton sembra voler puntare sulla difesa di Obama, conscia che solo lui, ancora in alto nei sondaggi, possa aiutarla nella corsa alle primarie. Ma sarà la tattica giusta per battere Sanders e riprendere quel vantaggio che solo un paio di mesi fa sembrava irrecuperabile?

(video tratti dal canale Youtube della Associated Press)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->