Usa 2016: in New Hampshire vittorie per Trump e Sanders field_506ffb1d3dbe2

Negli USA continuano le primarie e il New Hampshire conferma le attese della vigilia: in casa repubblicana, dopo il ko in Iowa, risorge Donald Trump, che chiude a sorpresa (questa sì non prevista) davanti al governatore dell’Ohio John Kasich e alla coppia Jeb Bush – Ted Cruz. Per Bush forse è servito l’aiuto della mamma Barbara nelle ultime settimane, deluso invece Cruz, che aveva trionfato nella prima tornata elettorale, così come Marco Rubio, dietro a tutti e che ha pagato a caro prezzo il disastroso ultimo dibattito televisivo. E ora proprio Jeb Bush sembra poter continuare la risalita, con il sostegno di coloro che erano pronti a puntare su Rubio, ossia i moderati del partito.

In campo democratico Bernie Sanders surclassa letteralmente Hillary Clinton, superandola con oltre 20 punti di vantaggio. I sondaggi non lasciavano sperare in una vittoria della ex first lady, che puntava a limitare i danni. Il tonfo però è stato pesante e ora per la Clinton c’è subito bisogno di lanciare un segnale forte, già in South Carolina, dove si voterà a fine febbraio, oltre che nel ‘Supertuesday’ del primo marzo, giorno in cui si voterà in una decina di Stati: «Mi congratulo con il senatore Sanders ma sono io che rappresento la vera svolta. So che ho molto lavoro da fare, e lavorerò più di ogni altro, lotterò per ogni voto. E alla fine vinceremo insieme la nomination e queste elezioni», ha detto la Clinton ammettendo la sconfitta. Ma Sanders è carico: «Vinceremo in tutto il Paese, perché la gente vuole il vero cambiamento».

(video tratti dai canali Youtube della CNN e SKY News)