lunedì, Agosto 2

USA 2016: dibattito Repubblicano, Trump ammazzatutti Trump continua a farsi largo, Rubio e Cruz si contendono il titolo di valida alternativa

0
1 2 3


25 febbraio, un giovedì qualunque solo se non ti chiami Donald Trump, Marco Rubio o Ted Cruz, e se il tuo prossimo obiettivo non è la Casa Bianca.
Houston si è scaldata ieri sera per il decimo dibattito delle primarie, e i due si sono giocati il tutto per tutto. Il dibattito che precede il Super Tuesday si presentava infatti come un’occasione di quelle da non perdere.
Alle 20.30 (orario della California) il Moores Opera Center dell’Università di Houston ha ospitato quello che era atteso come un duello all’ultimo sangue, tanto che secondo il ‘Dallas Morning News accaparrarsi un biglietto per assistere è stata un’impresa durissima.

A dirigere le danze Wolf Blitzer, moderatore della serata, coadiuvato da Hugh Hewitt, Dana Bash e Maria Celeste Arraras.

20160225175148770

credits: Huffingtonpost

Gli ultimi sondaggi prima del confronto mostravano un Cruz in vantaggio in Texas.

I 5 candidati arrivavano al dibattito in posizioni diverse: Trump ha sbaragliato la concorrenza in Nevada e South Carolina, imponendosi come leader tra gli altri contendenti, mentre Rubio e Cruz dovevano dimostrare di essere una valida alternativa al magnate newyorchese. In questo, lo Stato del Texas potrebbe dare un contributo fondamentale. Cruz è ovviamente avvantaggiato nello Stato di cui è Senatore, e una vittoria per lui significherebbe rimanere ai vertici tanto quanto una sconfitta lo catapulterebbe nello scenario diametralmente opposto. Il Texas è anche lo Stato al centro del problema dell’immigrazione statunitense, proprio uno di quelli lungo il cui confine Trump vorrebbe costruire un muro.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->