martedì, Settembre 21

Usa 2016: Barbara Bush attacca Donald Trump field_506ffb1d3dbe2

0

Attaccato per mesi, reso innocuo da Donald Trump. Ora Jeb Bush passa al contrattacco. Anzi no, al suo posto lo fa… la mamma. Sì perché Barbara Bush, ex first lady e mamma già di un ex presidente, scende in campo per l’altro figlio, forse in un tentativo disperato di risollevare le sorti di una campagna elettorale, quella di Jeb, che ormai sembra essere fallimentare. In una intervista alla CNN, Barbara Bush non le ha mandate a dire nei confronti del maggior denigratore del figlio, ossia Trump. «Sono stufa di lui. Non dà molte risposte su come vorrebbe risolvere i problemi. Fa facce strane e dice cose insultanti». Poi si spiega meglio: «Ha detto cose terribili sulle donne, cose terribili sui militari. Io non capisco perché le persone lo appoggiano. Sono una donna e non sono pazza di quello che dice sulle donne». Da parte sua, Jeb Bush ha montato una campagna aggressiva nelle ultime settimane contro Trump, senza sortire effetti. Magari la mossa di portare la madre in tv ha smosso qualche animo, ma ad attaccarlo è stato immediatamente proprio Trump, che ha deprecato l’operazione fatta dal rivale. Ma Barbara Bush vuole proseguire il suo tour con il figlio, nonostante la veneranda età di 91 anni. Perché lei crede in Jeb: «Anche George non era partito bene, poi sappiamo come è andata. Io credo in lui». Ma gli elettori?

(video tratto dal canale Youtube della CNN)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->