lunedì, Settembre 20

USA-Cina: guerra nello spazio tecnologico per la leadership dell’innovazione Dietro la guerra dei dazi USA-Cina si cela una guerra tecnologica, ne parliamo con Gavin Parry di Parry Global Group e Alberto Forchielli del Fondo Mandarin

0

Gli Stati Uniti erano una rete esportatrice di dollari (USD), avevano un tasso di risparmio interno molto elevato, cioè la maggior parte dei titoli di guerra statunitensi erano venduti agli americani, dati i livelli di risparmio interni. Gli Stati Uniti hanno fatto il giro del mondo mettendo l’USD nelle mani dei potenziali consumatori. L’esempio classico è quello della Banca Mondiale -originariamente chiamata Banca internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo (IBRD) e fondata nel 1944- questa aveva il compito di distribuire l’USD per la ricostruzione dell’Europa post-bellica. Gli Stati Uniti avevano un grosso capitale e lo fecero vedere negli anni ’50 e ’60 raggiungendo traguardi storici come far arrivare un uomo sulla luna. Quella americana era una società ricca che ci ha condotto all’innovazione, portandoci alla tecnologia moderna con Apple, IBM, Microsoft ecc.

 “Vorrei fare un paragone con la Cina moderna”, commenta Parry. “La Cina si sta rapidamente urbanizzando e sta trasformando la sua economia guidando gli investimenti e la domanda interna, proprio come fecero gli Stati Uniti dopo la seconda guerra mondiale”.

La Cina mira ad essere la prima fabbricadel mondo, secondo Parry: “E’un esportatore di valuta netta, ha persino creato una propria ‘Banca mondiale’, l’AIIB che distribuisce prestiti denominati in renminbi per progetti. Il Renminbi è già una valuta commerciale transfrontaliera e si sta espandendo all’uso come valuta finanziaria. Tuttavia, mentre il FMI ha riconosciuto l’RMB come una valuta mondiale principale, aggiungendola al suo paniere, non può fisicamente raggiungere la fase di valuta finale dello stato di riserva finché non vi è abbastanza liquidità globale, da qui l’AIIB”. LaCCN ha affermato che la Cina arriverà su Marte entro il 2020. Tuttavia, secondo Parry, cosa ancora più importante è che la crescita della Cina è stata rapida e ha permesso a Pechino di apprendere efficaci lezioni di microgestione e pianificazione. “Lezioni apprese e ancora in una fase di sviluppo economico, ma Pechino ha già compiuto grandi mosse per distribuire il suo capitale in modo tale da raggiungere la prossima fase di crescita economica pianificata, fase che include l’innovazione scientifica e tecnologica”, aggiunge Parry.

Il Consiglio di Stato ha emanato un piano nazionale di innovazione scientifica e tecnologica nel 2016, che si concentra sullo sviluppo dell’innovazione tecnologica durante il periodo del 13 ° piano quinquennale (2016-2020). Il piano mira a migliorare in modo sostanziale le capacità tecnologiche e di innovazione della Cina e ad elevare le capacità di innovazione globale del Paese ai 15 migliori Paesi del mondo.

Parry afferma che guardando i dati del 2015, la spesa nazionale lorda per la ricerca e lo sviluppo (GERD) ha visto la Cina aumentare di una media del 22,8% all’anno, che ha portato la quota di GERD al PIL dallo 0,9% all’1,54%. “La Cina punta ad aumentare questa percentuale al 2,5% entro il 2020 e nel 2016 ha raggiunto poco più del 2%. Gli Stati Uniti guidano ancora il mondo in GERD. Tuttavia, la quota globale degli Stati Uniti è scesa da circa il 37% nel 2000 al 26% nel 2015, mentre la quota della Cina è aumentata al 21% (US National Science Board (NSB) Indicatori di scienza e ingegneria 2018, un’analisi congressuale emessa il 18 gennaio)”, spiega Parry.

Nel 2015 il Consiglio di Stato ha lanciato l’iniziativa ‘Made in China 2025’, volta a migliorare l’industria cinese, che è strettamente connessa con la sua strategia nazionale di crescita scientifica e tecnologica, con l’obiettivo di passare alla produzione intelligente, vale a dire applicare gli strumenti di tecnologia dell’informazione alla produzione. “Per me è importante analizzare la storia economica, perché la storia si ripete, ma i mercati hannoricordi brevi”, commenta Parry

La Cina è stata un leader mondiale nel campo della scienza e della tecnologia fino ai primi anni della dinastia Qing. Le scoperte cinesi e le innovazioni cinesi come la fabbricazione della carta, la stampa, la bussola e la polvere da sparo hanno catapultato la società a livello globale e tutto questo oggi potrebbe costituire una minaccia per gli americani.

Secondo Forchielli, Trump avrebbe imposto dazi su più di 1300 articoli, molti dei quali l’America neanche importa. “Quando dice di aver importo dazi per un valore di 50 miliardi di dollari, non è vero. Hanno messo barriere sull’importazione di tutti i prodotti tecnologici cinesi”, afferma.

I cinesi hanno compreso bene che dietro agli attacchi sul fronte commerciale si cela altro, ovvero un attacco allo sviluppo tecnologico della Cina. Basti vedere l’editoriale di ‘Global Times‘ del 4 aprile. Forchielli afferma che non sono i cinesi ad averlo capito, ma gli americani stessi avrebbero chiesto ai cinesi di interrompere i finanziamenti statali in settori altamente tecnologici.

Ma, la loro risposta ai dazi di Trump quanto colpisce davvero il sistema delle imprese americane e quanto risponde all’attacco sul fronte tecnologico tentato da Trump?

La risposta cinese alle richieste di Trump ancora non può colpire le aziende americane, ma andando avanti probabilmente si”, afferma Forchielli. Secondo Forchielli sarebbero due le minacce principali che si celano dietro questa guerra tecnologica: “In primo luogo quella che sia la Cina che l’America mettano dei dazi che vadano a toccare il supply chain delle multinazionali americane, questo sarebbe un problema, perché le decisioni di investimento fatte in passato diventerebbero inutili, le aziende sarebbero costrette a resettarsi”.

In secondo luogo, la minaccia è quella che le aziende cinesi possano farla sporca andando a ricattare le aziende americane. La Cina lo ha già fatto, ma minacciare sistematicamente in questo momento porterebbe a zero gli investimenti stranieri”, afferma Forchielli.

Il discorso di Xi Jinping al Baoao Forum for Asia secondo i commentatori cinesi sarebbe una sorta di tabella di marcia della Cina verso il futuro, almeno per quanto attiene le riforme e l’apertura del mercato cinese. Secondo Forchielli nessun tipo di futuro è tracciato in questo intervento per quanto attiene allo sviluppo tecnologico in quanto: “I cinesi fanno le aperture solo dopo che controllano ampiamente il mercato, sono delle aperture fasulle. E’ il solito inganno, la gente ci ride sopra alle promesse dei cinesi”, afferma.

Per l’economia cinese, come per ogni altro Paese, lo sviluppo tecnologico in atto è vitale.

Per superare la famosa trappola del reddito medio un Paese per svilupparsi ad un certo punto ha bisogno di passare da produzioni low capitalintensive a produzioni più technologyintensive.  Se un Paese vuole trasformarsi in una realtà avanzata deve fare questo passaggio obbligato. Non è una vanità, è una necessità”, conclude Forchielli.

 

Visualizzando 2 di 2
Visualizzando 2 di 2

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->