mercoledì, Giugno 23

Unioni Civili e 'famiglie', l'apertura della Chiesa Valdese

0
1 2


La Chiesa cattolica parla di ‘famiglia voluta da Dio’ come la famiglia composta da un uomo e una donna. Su quali basi teologiche voi considerate che una ‘famiglia’ possa essere invece anche omosessuale?

Nella Bibbia già non è così. Se noi facciamo un punto di riferimento nelle scritture sacre, ci sono nell’Antico Testamento vari tipi di famiglia che sono giunti fino a quella di oggi, ma ‘papà, mamma, due bambini’ è veramente la famiglia degli ultimi 50 anni, perché prima c’erano per esempio la zia che non si sposava, i genitori, c’era la grande famiglia e quindi è un po’ difficile dichiarare che Dio vuole questo modello di famiglia recente occidentale. Dio si occupa, credo, non so, di tutte le relazioni umane perché siano svolte nel rispetto reciproco, nella solidarietà e via dicendo. Noi abbiamo una concezione anche dal punto di vista religioso e teologico, un po’ più leggera… non così caratterizzata da una serie di preoccupazioni dogmatiche, che derivano dal fatto che il Concilio di Trento ha deciso che doveva essere uno dei sacramenti della Chiesa Cattolica romana. Questo dovrebbe far capire la differenza delle nostre posizioni, che è comune un po’ a tutte le società di cultura protestante, dal Nord America, al Nord Europa.. La famiglia è tenuta in grande considerazione, però non è caricata di significati simbolici che si possano far risalire alla volontà di Dio. Siamo prudenti su questo perché chi pensa di interpretare la volontà di Dio, a volte rischia di andare veramente troppo lontano.

 

Cosa spinge un protestante ad appoggiare la legge Cirinnà?

Guardi che io non appoggio la legge Cirinnà. Ho soltanto dichiarato che non si capisce perché bisognerebbe essere contrari ad una normativa che, tra l’altro, in Europa, ma quasi tutti i Paesi, da stabilità e riconoscimenti a unioni tra etero e omosessuali. Dopo di che se la legge Cirinnà andrà bene o non andrà bene non lo deciderò io, lo decideranno i Parlamentari che sono stati eletti dal popolo. Io posso avere le mie opinioni, mi può piacere tutta questa proposta di legge o in parte, però nel dibattito che c’è in questo momento in Italia, dato che ci sono delle posizioni che si sono espresse con motivazioni religiose, io ho ritenuto opportuno chiarire che ci sono posizioni religiose aperte che ritengono che una sistemazione legislativa vada non solo cercata, ma anche definita, trovata… e quindi se si pensa che la legge Cirinnà possa andare in quella direzione, va benissimo insomma. Poi nei dettagli si può discutere fino a domani mattina questa proposta di legge.

 

Parliamo di adozioni: quale la vostra posizione sulla Stepchild adoption?

Prima di tutto bisogna capire cosa dice questa legge. E c’è un po’ di confusione. E a volte anche chi si occupa di comunicazione non aiuta. Se io ho capito bene la proposta, si tratta di riconoscere una situazione di fatto. C’è già qualcuno, un bimbo, due bimbi, bimbe, che vivono in una famiglia – e io la chiamo ‘famiglia’ – in cui c’è un genitore biologicamente genitore di uno o più figli, che ha un compagno o una compagna che non è genitore biologico dei suoi figli. Se è dello stesso sesso oggi non è possibile un’adozione. Ecco, se la legge Cirinnà dice che regolamenta una situazione di fatto che esiste, cioè c’è una compagna o compagno che comunque assiste, partecipa all’educazione di figli o figlie del suo o della sua compagna, perché no?! E’ un’assunzione di responsabilità, è una stabilizzazione di una situazione di fatto. Se veramente Cirinnà dice questo, io personalmente dico ‘perché no?’. Invece se vuole fare qualche altra cosa o le intenzioni sono altre, allora è legittimo avere qualche preoccupazione e chiarire meglio le cose.

 

Potrebbe dare qualche dato su quante sono al momento le coppie omosessuali benedette in Italia?

Sono poche perché in tutta questa materia in realtà c’è una grande questione di principio che viene svolta da tutte le parti, sia da parte dei favorevoli che dei contrari. I numeri in realtà sono tutti molto piccoli, da quelli dei matrimoni civili che sono in calo vertiginoso, a quelli dei matrimoni religiosi che sono ancora più in calo, da noi, nella Chiesa Cattolica e altrove. E anche le benedizioni delle famiglie sono per la nostra Chiesa poche, poche unità che ogni anno ci vengono richieste, perché comunque in Italia o nell’Europa occidentale c’è un vero problema di rapporto delle persone che vivono una sessualità non codificata, con la religione, con le istituzioni religiose. Un rapporto di non grande fiducia che secondo me bisognerebbe ricostituire. Noi lo facciamo perché riteniamo che sia giusto farlo non per propaganda o per moda o per essere politicamente corretti, perché crediamo che ci venga dalla nostra vocazione, da quello che abbiamo capito, dalla predicazione di Gesù, dall’annuncio della Grazia che Gesù ha rappresentato. Di queste cose le Chiese si dovrebbero preoccupare e dovrebbero parlarne molto di più, invece che a mio avviso difendere un unico modello di famiglia quando oggi nel vissuto di tutti – ma di tutti! e chi fa pastorale lo sa, i parroci, i pastori, tutti hanno in famiglia le situazioni più diverse. Perché non si deve aiutare queste famiglie a vivere in modo responsabile, in un vincolo d’amore e d’affetto che c’è quando si costruisce quotidianamente una vita insieme?

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->