lunedì, Ottobre 18

Ungheria, Viktor Orban sostiene Trump field_506ffb1d3dbe2

0

Il Premier dell’Ungheria Viktor Orban torna a far parlare di sé e della sua politica anti-immigrazione. Ieri ha dichiarato alla stampa il proprio sostegno alle idee che Donald Trump propone negli Stati Uniti:«la politica estera dei democratici è un male per l’Europa e la morte per l’Ungheria. Al contrario, la politica estera dei repubblicani e dal candidato presidenziale Trump è un bene per l’Europa e significa vita per l’Ungheria». Pensiero diametralmente opposto alle politiche di accoglienza alla base della Comunità Europea, Orban appoggia un progetto estero che prevede la ferma opposizione all’immigrazione, come quello repubblicano di Trump. Il leader della destra magiara esprime così, primo tra i leader europei, l’esplicito sostegno verso uno dei due candidati alla Presidenza della Casa Bianca.

Durante il suo incarico, Orban (al potere dal 2010) si è spesso scontrato con le politiche migratorie dell’Unione Europea e ha deliberato, in direzione opposta, delle scelte conservatrici e protezioniste. Non ultima, la tanto discussa decisione di costruire un recinto di filo spinato sul confine meridionale dell’Ungheria lo scorso anno, al fine di contrastare il flusso migratorio proveniente dal Medio Oriente. Il recinto, lungo 175 km, avrebbe dovuto arginare i profughi che tentavano di fuggire da Siria, Afghanistan e Pakistan, lungo la cosiddetta ‘rotta balcanica’; tuttavia, lo scopo di Orban era di deviare il flusso migratorio verso i Paesi vicini e mantenere i propri confini ‘al sicuro’.

(video tratto dal canale Youtube ‘wochit News’)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->