lunedì, Ottobre 25

Unendo una "Baltimora divisa"

0

L’Università di Baltimora ha inaugurato un nuovo corso per il semestre autunnale, dal titolo “Divided Baltimora“, in risposta ai disordini e alle manifestazioni della primavera di quest’anno scaturite in seguito alla morte di Freddie Gray per mano della polizia. Una città sconvolta dalla violenza razziale: «scontri, feriti, arresti iniziarono tanto tempo fa, a causa di problemi su cui non si è mai parlato, ma il fatto che non se ne parli non significa che questi non esistano».

«Iniziamo affrontando il contesto storico: come siamo arrivati qui, come Baltimora è diventata una città segregata». «Il corso apre discussioni tra gli studenti», dice l’assistente del corso Sonce Reese, «la voce della comunità deve essere ascoltata, è un modo per far proseguire il dialogo, per dirci non solo cosa c’è che non va, ma anche cosa possiamo fare». Il 50% degli studenti bianchi di Baltimora arriva alle lauree superiori, nella stessa categoria si scende al 30% per gli afroamericani. «Il problema è: quale messaggio stiamo dando ai nostri bambini? È come se esistessero due diverse Baltimora, quella alta e quella del basso, fatta di case vuote e gente senza casa».

«Un razzismo strutturato, che sistematicamente taglia fuori gli afroamericani dalla capitale economica e sociale», dice la coordinatrice del corso Tylis Cooper, «presi di mira dalle forze di polizia, tagliati fuori da ogni opportunità di futuro e assunzione».

(tratto dal canale Youtube di The New York Times)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->