domenica, Maggio 9

Una via verso Schengen! field_506ffbaa4a8d4

0

Il pensiero va subito ai padri fondatori di Schengen, figure come Jean Monnet, Robert Schuman e Altiero Spinelli, poco impressi nella memoria sono degli eventi. Il sito La storia dell’Unione europea contiene un eccellente archivio di testi, foto e video degli ultimi 50 anni.

Alcuni esempi di momenti salienti della costruzione europea:

  • nel 1979, i cittadini europei eleggono per la prima volta a suffragio diretto i propri rappresentanti al Parlamento europeo;
  • nel 1987 i primi studenti beneficiano del programma Erasmus  per trascorrere un periodo di studio all’estero;
  • nel 1993 si assiste alla nascita del mercato unico, il più grande mercato interno del mondo industrializzato, e ad una notevole spinta all’integrazione grazie al Trattato di Maastricht ;
  • nel 1995 la Convenzione di Schengen  apporta un’innovazione fondamentale, la possibilità di viaggiare senza passaporto
  • nel 2002 l’euro arriva nelle tasche dei cittadini europei.

La progressiva rimozione degli ostacoli agli scambi e alla libera circolazione ha determinato un aumento della prosperità economica. Nel 2004 l’UE ha registrato il suo maggiore ampliamento, con l’arrivo di dieci nuovi membri. L’adesione della Bulgaria e della Romania nel 2007 ha ora portato a 27 il numero di Stati membri. Abbiamo fatto molta strada dalla firma del Trattato di Roma e il futuro ci riserva certamente altri risultati positivi come quelli prospettati da Juncker oggi nel suo discorso.

(tratto dal canale ‘Youtube’ della ‘BBC News’)  2004

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->