sabato, Maggio 21

Una via d’uscita dalla crisi ucraina Non è tempo per un accordo che garantisca la sovranità e l'indipendenza dell'Ucraina in cambio della sua neutralità?

0

L’invasione russa dell’Ucraina potrebbe arrivare “da un giorno all’altro“, avverte l’amministrazione Biden, con voci di intelligence. Se la Russia dovesse invadere, gli Stati Uniti e i loro alleati si sono impegnati a imporre “gravi sanzioni economiche” alla Russia. Il risultato sarebbero terribili vittime in Ucraina e, con la Russia che ora fornisce fino al 40% del gas naturale europeo, significative interruzioni economiche sia in Russia che in Europa che sicuramente influenzerebbero anche il resto del mondo.

Se l’Ucraina dovesse esplodere, le domande sul nostro corso – già ristrette dai funzionari dell’amministrazione che lanciano accuse in stile McCarthy a critici e giornalisti – potrebbero essere facilmente sopraffatte dal fanatismo patriottico. Quindi vale la pena chiedersi ora: cosa riguarda questo conflitto?

Certamente non si tratta della difesa dell’Ucraina da parte dell’Occidente. Tre presidenti degli Stati Uniti hanno chiarito che gli Stati Uniti non credono che l’Ucraina valga la pena difendere militarmente. Nonostante i continui flirt, l’Ucraina non fa parte della NATO, né è probabile che venga mai ammessa alla NATO. In realtà, l’Ucraina è la cosa più vicina che l’Europa ha a uno stato fallito. È l’unica repubblica sovietica la cui economia è peggiorata da dove era al momento della dissoluzione dell’Unione Sovietica. Come ha spiegato in dettaglio lo storico Adam Tooze, dal 1990 al 2017 il prodotto interno lordo pro capite dell’Ucraina (in dollari costanti) è sceso del 20%. Questa è la quinta peggiore al mondo, al di sopra solo della Repubblica Democratica del Congo, degli Emirati Arabi Uniti, del Burundi e dello Yemen.

La richiesta centrale della Russia è che l’Ucraina non sia ammessa nella NATO. Piuttosto che essere d’accordo, i membri della NATO hanno deciso che l’alleanza non può dire che non farà ciò che non ha intenzione di fare. Invece, il Segretario di Stato Antony Blinken sostiene che l’Ucraina, come ogni nazione sovrana, ha il diritto di decidere con chi allinearsi e la NATO difenderà la sua politica di ammissione della ‘porta aperta’. Nel radunare gli alleati, Blinken ha persino affermato che è in gioco lo stesso ordine internazionale del dopo Guerra Fredda, e che i principi di quell’ordine “rifiutano il diritto di un paese di cambiare i confini di un altro con la forza; dettare a un altro le politiche che persegue o le scelte che fa, incluso con chi associarsi, o esercitare una sfera di influenza che soggiogherebbe i vicini sovrani alla sua volontà.

Ma nessuno di questi argomenti regge. L’Ucraina ha certamente i diritti di una nazione sovrana, ma non può allinearsi con la NATO senza essere ammessa. La politica della ‘porta aperta’, secondo il trattato istitutivo della NATO, si applica ai Paesi ‘in una posizione … per contribuire alla sicurezza dell’area del Nord Atlantico’. L’Ucraina non è nella posizione di farlo.

Inoltre, l’ordine internazionale del dopo Guerra Fredda, con gli Stati Uniti come potenza unipolare, è già finito. La Cina è emersa come potenza economica globale e forza militare regionale. Qualunque cosa si pensi del Presidente russo Vladimir Putin, il suo Paese non è più un cagnolino e ora si vede nuovamente come una grande potenza, con interessi di sicurezza da difendere. Questo mese, i leader russi e cinesi hanno dichiarato in un comunicato congiunto che cercano una ‘nuova era’ e non aderiranno più all’ordine guidato dagli americani.

Infine, quei principi che Blinken invoca apparentemente erano destinati ad applicarsi solo ad altri. Dopo la disastrosa guerra offensiva scelta in Iraq, gli Stati Uniti non sono esattamente l’esempio di un ordine basato sulle regole. La Dottrina Monroe, le sanzioni contro Iran e Venezuela, l’embargo su Cuba e persino la stessa NATO prendono in giro le restrizioni di Blinken contro le sfere di influenza e le politiche di altri paesi.

Il test per questa amministrazione non è difendere le pretese e le follie di nessun ordine internazionale. È adeguare la politica globale degli Stati Uniti per far fronte alle minacce che dobbiamo affrontare. Questi includono i cambiamenti climatici catastrofici e le pandemie globali, che causano più danni e morti rispetto ai conflitti militari.

L’obiettivo di Putin è lo status quo: tenere l’Ucraina fuori dalla NATO. Abbiamo già chiarito che non siamo preparati a difendere militarmente l’Ucraina. Non è tempo per un accordo che garantisca la sovranità e l’indipendenza dell’Ucraina in cambio della sua neutralità? Come ho scritto il mese scorso, tale risultato è già stato dettagliato negli accordi di Minsk, negoziati da Russia, Francia, Germania e Ucraina e approvati dall’Unione Europea e dalle Nazioni Unite. Piuttosto che invocare un ordine globale che non esiste più, l’amministrazione Biden dovrebbe prendere in considerazione un accordo che offra una via d’uscita da questo pasticcio.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->