sabato, Novembre 27

Una rilettura recente e critica del Mein Kampf field_506ffbaa4a8d4

0

In Germania si è fatta una lunga ricerca preliminare sulle parti del Mein Kampf non ancora edite dopo la Seconda guerra Mondiale, prima di dare in stampa una nuova edizione del manifesto nazista di Hitler. Un’edizione critica con annotazioni del Mein Kampf è venuta fuori dopo che il  copyright di titolarità era scaduto da parte dello Stato di Baviera.

Alcuni dicono che il lavoro dovrebbe essere vietato con il titolo dato nella forma definitiva; altri dicono che dovrebbe essere letto in modo che sia visto per quello che è a distanza di anni. Serdar Somoncu, un artista che ha parlato a favore della pubblicazione, ha dichiarato che nessuno sarà condotto sulla strada sbagliata leggendo tale edizione del Mein Kampf più di quanto sarebbe stato chiaramente messo fuori dall’ideologia che è nel libro, se lo vedrà in maniera concettualmente errata fin dall’inizio della sua lettura.

Gruppi di insegnanti in Germania hanno anche detto che il libro dovrebbe essere studiato in modo critico per ricordare, a chi non era presente, l’orrore delle atrocità naziste subìteEsther Bejarano, un sopravvissuto del campo di concentramento di Auschwitz, ha detto che trova tale idea di una nuova edizione terribile ed è assolutamente senza parole e sconvolto per le ripercussioni che potrebbe portare il fatto che sia tornato tra i libri da leggere. Il dibattito si presenta come un argomento politico legato anche alla recente questione sull’estrema destra del Partito Nazionale Democratico, che ha ricevuto una pena (già sospesa con condizionale) di sei mesi per incitamento all’odio.  Un uomo è infatti stato fotografato in una piscina pubblica con un tatuaggio sulla schiena con quello che sembrava essere un’immagine di un campo di concentramento e una scritta come quella utilizzata dai nazisti.

(tratto dal canale ‘Youtube’ di ‘Euronews’, in inglese)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->