martedì, Settembre 21

Una riconversione ecologica del Paese

0
1 2 3 4 5


L’ultima domanda di questa intervista l’abbiamo posta alla Di Pierri, curatrice del libro.

 

Questo libro vuole promuovere il progetto di Legge Regionale sulla Riconversione Ecologica e Sociale della Regione Lazio. Cosa porterebbe l’applicazione di questa legge?

Intanto questa legge è una legge che abbiamo costruito insieme a molte altre realtà, sindacali, produttive, associative, cooperative del tessuto produttivo del Lazio. Abbiamo lavorato un anno, tutto il 2014 per la scrittura di questa legge che abbiamo poi proposto alla firma di alcuni consiglieri regionali che l’anno quindi firmata e presentata alla Regione Lazio per la sua approvazione. In questo momento la legge giace in Regione e aspettiamo che sia calendarizzata e che si arrivi alla sua discussione in consiglio.
Porterebbe ad un risultato semplicissimo quanto fondamentale, cioè all’istituzione di strumenti legislativi e finanziari finalmente concreti per sostenere nella pratica del territorio della regione Lazio dei processi di concreta riconversione ecologica delle piccole e medie imprese in crisi. In realtà la fattispecie della legge è allargata anche ad altri beneficiari, quindi sia ai lavoratori di imprese in fase di fallimento, ma anche cooperative, ONLUS, enti che tutelano beni comuni. La legge definisce ambiti e scopi d’azione, ma istituisce anche degli strumenti e delle procedure per sottoscrivere accordi di paternariato, attraverso cui le realtà interessate potrebbero accede a fondi che sostengono processi di riconversione. Questi processi possono riguardare chiaramente diversi aspetti della produzione, il ciclo produttivo, lo studio di nuovi prodotti, la massimizzazione della compatibilità ambientale lungo tutta la catena di fornitura, l’approvvigionamento energetico, la riqualificazione di luoghi in disuso a fini produttivi.
Ma la cosa più importante è che questa legge vuole essere un precedente, che può essere adattata ad altri contesti regionali e quindi la nostra idea, anche tramite questo libro, è quella di dare visibilità a questa proposta affinché anche altre regioni, altri attori sociali economici, sindacali e istituzionali, possano appropriarsi di questo lavoro partecipato per aprire il dibattito sulla riconversione ecologica anche in altre regioni e farlo poi approdare al dibattito nazionale che è di fatto l’obiettivo ultimo di questo testo.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->