giovedì, Ottobre 21

Una petizione per il matrimonio delle coppie omosessuali image

0

Giuseppe Fiammingo

Sposato, con due figli, perché Giuseppe Fiamingo dovrebbe interessarsi ai diritti delle persone Lgbt? Eppure lo ha fatto, ha preparato una petizione, indirizzata direttamente a Matteo Renzi, chiedendo di approvare anche in Italia il matrimonio per le coppie omosex.

«L’articolo 3 della Costituzione prevede che non sono ammesse discriminazioni tra i cittadini, tra l’altro, anche alla luce del sesso. Invece attualmente non è possibile a cittadini dello stesso sesso contrarre matrimonio civile e ciò provoca una discriminazione di questi rispetto ai cittadini che hanno contratto matrimonio civile. »
Così inizia il documento di Fiamingo, nato a Catania, ma che si definisce ‘cittadino del mondo’, e vive in Belgio dal 1984. Spinto alla fine degli anni 70 a studiare all’estero da una madre antesignana, dopo aver frequentato l’università Bocconi a Milano, ha lavorato in Belgio nella consulenza in settori attinenti all’attività dell’Unione europea, in particolare agricoltura ed agro-industria».

Vale la pena ricordare che oggi il matrimonio tra persone omosex è legale in 17 Paesi nel Mondo: il primo nel 2000 è stato l’Olanda e l’ultimo, lo scorso giugno, il Lussemburgo. Va anche precisato che per molti Paesi il matrimonio è stato una conseguenza logica rispetto alla legge che regolarizzava le ‘civil partnership’ tra persone dello stesso sesso.

Per conoscere meglio la sua iniziativa e i motivi che lo hanno spinto a dar vita alla petizione, abbiamo rivolto alcune domande a Giuseppe Fiamingo.

  

Quando hai iniziato a interessarti al matrimonio per coppie omosessuali e perché? 

Nonostante sia un Paese cattolico, il Belgio è un pioniere per i diritti degli omosessuali: il  matrimonio gay è stato introdotto nel 2003.
Dopo più di 10 anni, in Belgio il matrimonio tra persone dello stesso sesso è ormai un fatto normale.
Sono da sempre molto sensibile alla parità dei diritti per tutti gli esseri umani e se osservo l’Italia, trovo naturale insorgere su una palese ingiustizia: gli omosessuali italiani che desiderano sposarsi non lo possano fare. Non mi sembra giusto che non abbiano gli stessi diritti delle coppie etero sposate, riguardo, ad esempio, all’abitazione coniugale, ai congedi sul lavoro, all’assistenza sanitaria, alla possibilità di visitare il coniuge in una struttura ospedaliera, alla reversibilità della pensione, e alla successione, al di là del testamento.

 

Come ti è venuta l’idea di lanciare un petizione per il matrimonio egualitario?

La ‘cultura della petizione’ per di più on-line, in quanto democrazia dal basso, appare come un ottimo strumento per richiamare l’attenzione dei cittadini su tematiche urgenti e meritevoli di attenzione. Inoltre, proporzionalmente alle firme raccolte, queste iniziative sono in grado di attrarre l’attenzione dei politici che dovrebbero decidere, o quanto meno, proporre leggi sulle questioni messe al centro dalla petizione. Infine, possono aiutare anche a contrastare gli slogan odiosi e retrogradi di certi politici reazionari che purtroppo siedono nel Parlamento italiano.

  

E i tuoi familiari come hanno reagito quando hai comunicato la tua idea? 
La reazione di mia moglie e dei miei figli è stata di interesse e partecipazione. Sono stati positivamente sorpresi dal fatto che la petizione sia già stata firmata da più di 2500 italiani, anche all’estero.

 

In Italia come è stata accolta la petizione dagli esponenti del Movimento Lgbt? 

Sinceramente mi aspettavo più sostegno sia da parte di certi politici attivisti per i diritti delle persone Lgbt sia dal Movimento. Osservandolo dall’estero, il Movimento italiano mi appare frazionato in diverse associazioni, in cui ognuno coltiva il proprio ‘orticello’, senza riuscire a fare massa critica sulle questioni dei diritti e quindi di vera rilevanza politica.

 

Come sta andando la petizione? 

Abbiamo già superato le 2500 adesioni ma il nostro obiettivo è di arrivare a 10.000. Privilegiamo una presa di coscienza ed un’azione progressiva di sensibilizzazione, perché siamo coscienti della forte influenza sulla cultura italiana da parte della religione cattolica. D’altra parte, il governo Renzi, nonostante le timide promesse sulle unioni civili, non ha partorito proprio nulla, salvo la ‘grande’ riforma sul Senato, ed anzi sembrerebbe lasciare cadere il sofferto Ddl n. 14 sulla disciplina delle coppie di fatto e delle unioni civili di cui è relatrice anche Monica Cirinnà del PD, sostituendolo con un nebuloso testo governativo in materia.

 

Ti aspettavi risultati migliori? 

La petizione è stata lanciata a febbraio. All’inizio ci eravamo dati un obiettivo di 1000 firme, ma visto il successo iniziale, abbiamo deciso di continuare e di porci un traguardo decisamente ambizioso. Certo, per raggiungere le 10.000 firme avremmo bisogno del sostegno fattivo delle organizzazioni Lgbt e di tante persone convinte che si tratta di una battagli di civiltà. Confidiamo molto sul ‘passaparola’, un metodo che si è rivelato vincente in molte occasioni. Non mi stanco di rilanciare la petizione su Twitter con l’hastag #matrimoniomosex!
E invito anche a chi legge a farlo e, ovviamente, a firmare la petizione.

 

A tuo avviso, perché in Italia c’è ancora tanta titubanza nel consentire alle persone omosessuali di sposare la persona che amano? 

Nella decisione di negare alle coppie omosessuali i diritti riconosciuti alle coppie eterosessuali può agire il riflesso cattolico.
Tuttavia in Italia, in cui esiste anche una Chiesa cattolica tollerante, mi sembrano maggiormente responsabili, riguardo alla discriminazione della comunità Lgbt, certi politici che veicolano giornalmente messaggi omofobi ed oscurantisti. Questi, a mio avviso, andrebbero contrastati con grande forza.
Per onestà intellettuale e rispetto alla propaganda degli omofobi fondamentalisti, mi sembra opportuno sottolineare e dare ampia diffusione al un concetto molto semplice: col matrimonio omosex vengono semplicemente allargati i diritti del matrimonio tradizionale alle coppie     omosessuali e le coppie eterosessuali non hanno nulla da perdere o da temere da questa semplice estensione di diritti.

 

Pensi che i governi si lascino influenzare da quanto sostiene il Vaticano?

Gli italiani devono esigere dai loro politici una netta separazione tra la professione della propria fede, che è un fatto privato, e la tutela dei valori universali e costituzionali, come l’uguaglianza tra tutti i cittadini.
La Costituzione italiana è ispirata dal principio della laicità dello Stato e quindi vanno tutelati una pluralità di valori e non solo quelli attribuibili ad una sola religione o orientamento filosofico.
Credo poi che sia urgente porre fine alla vergognosa discriminazione per cui solo per i parlamentari (cioè proprio coloro che dovrebbero legiferare in materia) e per i giornalisti è previsto, dai rispettivi enti previdenziali, che i loro partner (di qualunque sesso siano) possano avere accesso all’assistenza sanitaria. Inoltre per i soli parlamentari è ammessa anche la pensione di reversibilità per il partner, anche in questo caso senza distinzione di sesso.

 

Dopo il matrimonio per le coppie omosessuali, credi si potrà parlare di adozione e legalizzazione dei figli all’interno del matrimonio?

Alla luce dell’esperienza negli altri Paesi, mi sembra che quelli dell’adozione e del riconoscimento dei figli siano diritti legittimi, che possano essere successivamente acquisiti, dopo il conseguimento del matrimonio omosessuale.
Ma ho la fondata impressione che già per il conseguimento della parità dei diritti tra coppie etero ed omosessuali col matrimonio paritario, la strada in Italia sia ancora lunga ed in salita!
Sono convinto, infatti, che la battaglia per l’adozione e la legalizzazione dei figli delle coppie omosessuali sarà ancora più difficile e questo nonostante la recente sentenza del Tribunale di Roma che ha riconosciuto l’adozione di una bambina da parte di una coppia omosessuale formata da due donne.

Chi desidera firmare la petizione, lo può fare al seguente link.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->