mercoledì, ottobre 24

Una passeggiata virtuale su Marte grazie a Google e Nasa Si chiama Access Mars l'applicazione liberamente accessibile e compatibile con Apple e Android

0

Volete farvi una passeggiata su Marte? Dal vivo ahimè si dovrà attendere ancora un bel oo’, ma intanto potete effettuarla in maniera virtuale accanto al rover Curiosity grazie ad Access Mars, l’applicazione liberamente accessibile e compatibile con Apple e Android e nata dalla collaborazione fra il Jet Propulsion Laboratory (Jpl) della Nasa e Google.

Questa app si basa sulle stesse tecnologie messe a punto per la missione che nel 2012 ha portato Curiosity su Marte e il software è lo stesso che permette alla Nasa di pianificare e seguire i percorsi del rover grazie a un casco per la realtà virtuale indossato dai ricercatori, che così esplorano il paesaggio marziano insieme al robot laboratorio.

Si possono visitare tutti i paesaggi esplorati da Curiosity nei suoi primi 5 anni su Marte. Fra questi, il sito dell’atterraggio di Curiosity nel cratere Gale, ma anche la collina ‘Marias Pass’, la stessa in cui Curiosity si è scattato uno dei celebri selfie e dove ha scoperto una grande quantità di silice. Naturalmente è richiesta una connessione internet attiva, e l’uso di un visore ci consentirà di ricreare la sensazione di camminare fianco a fianco a Curiosity nell’esplorazione di Marte.

(video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.