sabato, Maggio 15

Una notte di passione a Roma Negli ultimi anni, Internet è diventato il principale mezzo di contrattazione per i fornitori e i fruitori di questi servizi

0

La libertà sessuale e l’esistenza di app per rimorchiare non hanno ridotto il numero di clienti per le escort, o accompagnatrici. E sono sempre di più i giovani che si rivolgono a dei siti per contrattare i loro servizi. In questo senso, i dati dimostrano che il profilo del cliente ricorrente è quello di uomini da 25 a 35 anni.

Per la loro contrattazione esistono agenzie di accompagnatrici e alcune di loro hanno addirittura il loro sito web o profilo social (Onlyfans è il più famoso). Negli ultimi anni, Internet è diventato il principale mezzo di contrattazione per i fornitori e i fruitori di questi servizi.

Escort, oltre la passione

Nonostante si tenda a pensare che la contrattazione di una escort è propria di persone singole, sono sempre più diffuse le riunioni di dirigenti e le conferenze dove si offre questo tipo di opzione. Quindi in Italia non è difficile: incontri escort Roma per ogni tipo di evento.  Si è saputo di casi di congressi internazionali dove più di 200 escort accompagnavano ogni partecipante.

Tuttavia, fanno notare su EscortA.com, una delle piattaforme per contrattare escort internazionali più all’avanguardia, non bisogna confondere una escort con una prostituta. Mentre queste scambiano sesso per soldi, le escort vendono il loro tempo, la loro bellezza e le loro conoscenze. Che ci sia contatto sessuale o no fa parte dell’accordo fra le due parti.

Quanto guadagnano? Questa parte, spiegano, dipende dalla ragazza. Ci sono escort che ti accompagnano per 300 euro all’ora e ci sono altre che non lavorano per meno di 1000 euro all’ora. Questa evidente differenza di prezzo dipende dai servizi e dal prestigio che hanno piuttosto che dalla loro bellezza. Incide anche se avviene uno spostamento fuori dalla città o addirittura fuori dalla Spagna. Tutti questi elementi si negoziano e si firma il contratto del servizio corrispondente fra la ragazza e il cliente.

A differenza delle prostitute, le escort non lavorano tutti i giorni. Con uno o due giorni alla settimana di solito hanno raggiunto la quota. La maggior parte di loro finisce con una cartella fissa di clienti.

Che cosa si cerca in una escort?

Che cosa hanno le escort di lusso per essere tanto desiderate e ben pagate? Come spiegano su EscortA.com, bisogna capire che una escort va ben oltre uno scambio sessuale, che è sempre accordato come parte del servizio o no. Sono donne che si curano in tutti i sensi: su un piano fisico, oltre ad essere ragazze molto attraenti, si prendono molto cura della loro pelle, dei capelli e di tutta la loro apparenza per mostrare la loro miglior immagine davanti ai clienti e a chi potrebbe vederli insieme. Investono molto nei vestiti di marca, nel puntare sull’eleganza e la raffinatezza.

Ma esiste anche un altro elemento: quello culturale. Molte delle ragazze su questo tipo di siti web sono giovani con una buona educazione (master e dottorati, in alcuni casi), capaci di sostenere una conversazione con scioltezza e solvibilità. Le lingue sono un altro dei loro punti forti. In alcune occasioni il cliente, spiegano, richiede che si possa conversare in determinate lingue, con il conseguente aumento della tariffa.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->