martedì, Aprile 13

Un nuovo satellite per monitorare gli oceani e il clima Fornirà la copertura sistematica di tutta la terra e delle aree oceaniche

0

È stato lanciato dalla base russa di Plesetsk il satellite Sentinel 3A del programma di osservazione Copernicus, promosso dall’Agenzia Spaziale Europea (ESA) che controllerà il livello degli oceani, la sicurezza in mare e il clima.

Il satellite Sentinel-3A fornirà la copertura sistematica di tutta la terra e delle aree oceaniche. I dati raccolti dal satellite contribuiranno a migliorare le previsioni sui cambiamenti degli oceani e dell’atmosfera. Sentinel 3-A ci aiuterà, inoltre, a comprendere meglio la condizione di salute dei nostri oceani, a gestire l’industria ittica, l’agricoltura, la selvicoltura, la biodiversità, le risorse idriche, la salute pubblica, la produzione di cibo e la nostra sicurezza, nonché a monitorare, in modo puntuale, anche i cambiamenti dei livelli del mare e lo scioglimento dei ghiacci del Mar Artico.

 

Sentinel 3-A, che segue il lancio di Msg-4 e Jason-3, è il terzo satellite realizzato da Thales Alenia Space destinato al monitoraggio del clima e dell’ambiente ad essere lanciato in poco più di sei mesi” ha sottolineato Jean Loïc Galle, Presidente e Ceo di Thales Alenia Space.

Il satellite, che pesa 1150 kg, è stato collocato nell orbita stabilita a un distanza di 815 km dalla Terra e dopo 92 minuti dalla partenza ha inviato il suo primo segnale, captato dalla stazione di Kiruna in Svezia.

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->