martedì, Ottobre 26

Un anno della 'duchessina' di Cambridge

0

La più piccola di casa Windsor oggi compie un anno e ieri le foto dei suoi primi dodici mesi di vita sono appare in anteprima sui social ufficiali della famiglia reale. Il post introdotto da qualche riga di testo recitava: «Il Duca e la Duchessa di Cambridge sono lieti di condividere nuove fotografie di principessa Charlotte». Nessun fotografo di grido o all’ultima moda per la secondogenita di William e Kate, quarta sin linea di successione al trono d’Inghilterra, ma la reflex della madre che immortala ogni piccolo gesto di Charlotte nella residenza di Norfolk, dove risiede maggiormente assieme ai genitori ed all’amatissimo fratello maggiore George. Nata al St Mary’s Hospital di Londra ha conosciuto dieci ore dopo la sua venuta alla luce il popolo britannico, che l’ha accolta con gioia e onori. Nel giorno della sua nascita  il Tower Bridge, la London Eye, e le fontane di Trafalgar Square a Londra e la Peace Tower a Ottawa, si tinsero di rosa grazie all’ausilio di neon colorati. La duchessa di Cambridge è molto amata dai ‘sudditi’ reali e gode di grande popolarità, considerato che, secondo alcuni sondaggi dei media inglesi, supererebbe anche la stessa bisnonna Elisabetta e ciò sarebbe dovuto dal suo terzo nome ‘Diana‘, in onore della nonna paterna prematuramente scomparsa e tanto amata dagli abitanti dell’isola della Union Jack.

 

(fonte video tratta da canale YouTube ‘Euronews’)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->