domenica, Maggio 16

Ultimato in Cina il radiotelescopio da record Si chiama FAST ed è il radiotelescopio più sensibile e più grande al mondo

0

Terminato, in Cina, il radiotelescopio più grande del mondo. Si chiama FAST (Five-hundred-meter Aperture Spherical Telescope) e copre un’area equivalente a 30 campi da calcio. Sarà usato, soprattutto, per la ricerca di vita extraterrestre e per studiare l’Universo attraverso le onde radio. Questo colosso della scienza si trova in un bacino naturale a Pingtang County, a sud-ovest della Cina, nella provincia di Guizhou, e ci sono voluti cinque anni di lavoro per renderlo realtà. I costi ammontano a 180 milioni di dollari.

FAST non è soltanto il radiotelescopio più grande al mondo, superando  l’Osservatorio di Arecibo a Porto Rico, che in precedenza era considerato il più grande al mondo con circa 300 metri di diametro, passa in secondo piano.: si aggiudica anche il primato di telescopio più sensibile al mondo. Al fine di garantire il silenzio radio totale entro un raggio di cinque chilometri per assicurare un lavoro impeccabile, entro settembre più di 9.000 persone saranno trasferite fuori dalla zona circostante il telescopio, per essere reinsediate nelle contee limitrofe.

Il radiotelescopio sarà operativo da settembre ma ci vorranno due o tre anni prima che questo venga messo a disposizione dei ricercatori di tutto il mondo. Prima di allora, resterà una prerogativa esclusiva dei ricercatori cinesi.

(Video tratto dal canale Youtube: Wall Street Journal)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->