lunedì, Agosto 2

UK: la grande catena Bhs è sull'orlo del fallimento

0

Il Regno Unito rischia di perdere una delle catene di negozi più antiche e importanti del Paese: i grandi magazzini Bhs (British Home Stores), dopo il fallimento delle trattative con potenziali compratori, hanno annunciato ufficialmente di aver chiesto e di essere entrati in amministrazione controllata. Sull’orlo di un baratro economico, la grande catena che conta 11 mila addetti e 164 negozi, è finita in amministrazione controllata per gravi problemi finanziari. Nel frattempo,  continuerà a funzionare normalmente in attesa di trovare un acquirente, ma il rischio è che siano persi migliaia di posti di lavoro.

L’azienda, sorta nel 1928 nel quartiere di Brixton, a Londra, è stata venduta l’anno scorso da Philip Green, al prezzo simbolico di una sterlina all’uomo d’affari Dominic Chapell che, tuttavia, non è riuscito a mettere in sesto i conti di Bhs. Attualmente, la catena ha un indebitamento di 1,3 miliardi di sterline e un ‘buco’ di versamenti previdenziali stimato di circa 733 milioni di euro. Questo perché, secondo Jeremy Batstone-Carr, capo economista di Charles Stanley«i redditi reali delle persone rimangono in generale bassi e ciò ovviamente causa ripercussioni negative per chi lavora nella distribuzione».

«Non e’ colpa di nessuno. E’ un mix composto da un trend sfavorevole delle vendite e dall’incapacita’ di raccogliere abbastanza soldi», ha detto Chapell. In ogni caso, il fallimento della catena costituisce uno dei più grandi fallimenti del Regno Unito, nel campo della distribuzione.

 

Video tratto dal canale Youtube: Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->