sabato, Ottobre 16

Uganda: lavoro minorile nelle piantagioni della Chiesa Cattolica?

0
1 2


Kampala – Una inchiesta condotta da ‘BBC‘ Africa rivela che a Kabare, sud ovest dell’Uganda, dei bambini di età inferiore ai 10 anni lavorano presso la piantagione di tè Kigezi Higlands Tea Limited, appartenente alla Chiesa Cattolica. A seguito di una denuncia di Alex Turyaritunga, infermiere presso l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Profughi (UNHCR) la ‘BBC‘ ha inviato una equipe per condurre le indagini sul caso. I risultati sono sconcertanti. Sotto protezione di anonimato, un supervisore ai lavori presso la piantagione di tè ha confermato la presenza di bambini. La loro paga giornaliera varia dai 1.000 ai 2.000 scellini ugandesi (dai 0,26 ai 0,52 centesimi di euro). L’equipe della ‘BBC‘  ha potuto constatare di persona la presenza nei campi di almeno 15 bambini incaricati della raccolta del foglie di tè e nelle operazioni di diserbo dei filari delle piante di tè.

La verifica della reale proprietà della Kigezi Higlands Tea Limited è stata fatta presso il catasto locale. Il terreno risulta proprietà della Diocesi di Kabare su cui sorge la piantagione di tè. Secondo la versione fornita dalla stessa diocesi alla ‘BBC‘, l’affitto del terreno alla Kigezy Higlands Tea Limited serve per garantire la sostenibilità finanziaria delle attività pastorali. La Diocesi di Kabare sarebbe proprietaria della ditta di esportatrice di tè sui mercati regionali ed europei, gestita da un presta nome. Il Vescovo Callisto Rubaramira ha negato che vi siano lavoratori minorenni sul terreno della Chiesa. Le affermazioni del Vescovo di Kabare sono state smentite all’uscita della sua residenza. L’equipe della ‘BBC‘ si è imbattuta in una squadra di bambini nel cortile della diocesi che stavano scaricando le casse di tè da un camion. La tattica di negare l’evidenza è stata adottata anche dal portavoce del Papa, Federico Lombardi. «Nego di avere la responsabilità e il dovere di rispondere a questo. Se c’è un problema per la Chiesa locale, non sono responsabile», risponde Lombardi alla ‘BBC‘.

La diocesi di Kabare è tristemente famosa nel Paese non solo per lo sfruttamento minorile nelle piantagioni di tè appartenenti alla diocesi. Da anni si sta consumando una guerra su alcuni terreni tra la Chiesa Cattolica e la Chiesa Protestante. Il contenzioso, finito anche in tribunale, ha spaccato la comunità di Kabare, innescando  conflittualità etniche che rischiano di creare una situazione di conflitto tribale assai pericolosa, contenuta a fatica dalle autorità locali.

Il lavoro minorile in Uganda è diffuso, anche se azioni del Governo stanno riducendo il fenomeno. Si calcola che il 30% dei bambini di età compresa tra i cinque e i 14 anni siano impiegati nel mondo del lavoro senza diritti. Anche la legislazione del codice del lavoro ugandese è debole in questo senso. L’età legale per un lavoratore è fissata a 14 anni. Dal 2012 il Governo assicura la gratuità della scuola fino alle medie. Una decisione presa per aumentare la scolarizzazione nel Paese e combattere la piaga del lavoro minorile. Purtroppo senza un intervento alla radice del problema, tale  decisione ha un modesto impatto.

La radice dello sfruttamento minorile risiede nella sacche di povertà diffuse negli ambienti rurali del Paese, che si sta avviando a diventare una potenza industriale regionale. Il lavoro minorile è uno dei strumenti per le famiglie povere per avere delle entrate finanziarie per sopravvivere, a scapito del futuro dei propri figli.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->