domenica, Maggio 16

Ue: multa da 1 miliardo a Qualcomm che avrebbe pagato Apple per escludere i rivali L' azienda, pagando Apple, avrebbe impedito ai concorrenti di competere

0

«Qualcomm ha illegalmente estromesso i suoi concorrenti, consolidando così la sua posizione dominante», ha detto la commissaria alla Concorrenza, Margrethe Vestager.  La Commissione europea ha inflitto una multa di 997 milioni di euro al colosso americano Qualcomm, tra i principali produttori mondiali di chip e semiconduttori: al colosso viene contestato un abuso di posizione dominante nel mercato dei chipsets LTE. In che mondo? Qualcomm avrebbe impedito ai concorrenti di competere pagando Apple affinché l’ azienda di Cupertino non si rifornisse da altre aziende.

«La società ha versato miliardi di dollari a un cliente maggiore, Apple, per fare in modo che non si approvvigionasse presso i suoi concorrenti. Questi pagamenti non erano dei semplici sconti, ma erano effettuati a condizione che Apple utilizzasse esclusivamente i chipsets di banda di base di Qualcomm» ha affermato la Vestager.

«Questa pratica è illegale per le regole dell’Ue in materia di pratiche anti-concorrenziali» ha dichiarato la commissaria europea. Qualcomm è pronta a presentare appello contro la sentenza della Commissione Europea in quanto «siamo certi» – ha detto  Don Rosenberg della Qualcomm – «che l’accordo non violasse le norme antitrust dell’Unione Europea né pregiudicasse il mercato né danneggiasse i consumatori europei. Crediamo che ci siano gli estremi per un riesame del caso e inizieremo subito l’iter dell’appello».

(Video tratto dal canale Youtube Euronews)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->