mercoledì, Maggio 19

UE e America Latina: Mission for Growth Panama, Argentina e Paraguay aprono ad una nuova cooperazione industriale con l’UE

0

Tajani-Panama-2

 

Dal 12 al 14 giugno scorsi, il Commissario all’ industria, Antonio Tajani, ha visitato Panama, Argentina e Paraguay nell’ambito del progetto Mission for Growth, progetto che vede insieme alcuni paesi dell’Unione Europea e le proprie PMI rilanciare le trattative sulla cooperazione industriale UE-America Latina.

Le relazioni UE-America Latina stanno diventando sempre più importanti. Come recita un comunicato della Commissione Europea : «l ‘UE resta la principale fonte di investimenti diretti esteri nella regione: oltre il 40%. L’Europa investe in America Latina più di quanto investe in Cina, India e Russia , e questi investimenti sono in crescita anche progressivamente. I flussi commerciali sono raddoppiati negli ultimi dieci anni a 202 miliardi di euro. La rete di accordi che sono stati intessuti nel corso degli anni ha notevolmente contribuito. L’obiettivo principale della Commissione è quello di promuovere una crescita economica intelligente e sostenibile. Gli attori centrali e beneficiari di questa crescita sono le aziende, soprattutto le PMI (e attraverso loro società in generale). L’internazionalizzazione è forse l’elemento più importante per promuovere la crescita e migliorare la competitività. L’aumento degli scambi commerciali e tecnologiche a beneficio di tutti i partecipanti».

La prima tappa è stata Panama, il 12 giugno. La delegazione che ha accompagnato il Commissario era composta da 32 aziende, 5 associazioni di categoria europee che rappresentano 11 Stati membri dell’UE. Durante la sua visita a Panama, il Vice Presidente Tajani ha incontrato il Ministro della Presidenza della Repubblica di Panama, Roberto Henriquez, e il Ministro degli Affari Esteri, Francisco Alvarez de Soto. Questo evento ha consentito agli imprenditori europei e panamensi a trovare partner per la cooperazione e dovrebbe aiutare le imprese europee di operare in settori industriali mirate, come le infrastrutture, l’edilizia, la tecnologia e l’armonizzazione delle norme.

Secondo i dati presentati dalla Commissione Europea, «Panama è un Paese a reddito medio-alto con un PIL pro-capite tra i più alti in America Latina e nei Caraibi. La crescita del PIL del 10,7% nel 2012 è stato il più alto tasso in America Latina. Il recente accordo raggiunto da parte dell’Autorità del Canale di Panama e il consorzio Grupo Unidos por el Canal consentirà il completamento di questo elemento chiave per le infrastrutture che è importante per facilitare il commercio internazionale».

 Questa visita ha permesso di implementare concretamente la cooperazione industriale, nonché di consolidare la cooperazione UE-Panama in aree strategiche e favorire la presenza e lo sviluppo delle imprese dell’UE in America Centrale.

Per inquadrare le relazioni tra UE e Panama bisogna tornare indietro al giugno 2012 quando l’Unione europea e la regione dell’America centrale (Panama, Costa Rica, El Salvador, Guatemala, Honduras e Nicaragua) hanno concluso un nuovo accordo di associazione che si basa su tre pilastri: dialogo politico, cooperazione e commercio. L’accordo, in parte (il pilastro commerciale) è stato applicato provvisoriamente dal 1 agosto 2013 con Panama. Il trattato «migliorerà  l’accesso ai mercati per gli esportatori europei e panamensi. A lungo termine, gli esportatori di prodotti industriali e della pesca non dovranno più pagare dazi doganali, e il mercato dei prodotti agricoli si aprirà notevolmente».

 L’UE è il principale partner commerciale di Panama dopo gli Stati Uniti: il 10% delle importazioni di Panama provengono dall’UE, mentre il 22% delle esportazioni nazionali vanno verso l’UE. In aggiunta a ciò, Panama è il primo beneficiario di investimenti europei a livello regionale e l’UE è il più grande investitore a Panama, dopo gli Stati Uniti. Le imprese europee investono soprattutto nel settore bancario, telefonico, energetico e immobiliare.

L’ulteriore integrazione tra Panama e l’Unione europea è vantaggiosa per entrambe le parti in quanto non solo stimola la crescita, ma  porta anche ad una diversificazione per le imprese europee e panamensi. I Paesi dell’Unione che hanno partecipato alla riunione sono stati: Austria, Belgio, Francia, Germania, Ungheria, Italia, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Slovacchia e Spagna. Le aziende partecipanti generano posti di lavoro per più di 90.000 persone e rappresentano un fatturato di circa € 54 miliardi, cioè più del PIL della Slovenia ed Estonia, cioè € 53 miliardi (2013). Le associazioni imprenditoriali partecipanti rappresentano più o meno 280.000 aziende europee, generando nuovi posti di lavoro e fatturato.

Il 13 giugno il vicepresidente della Commissione europea si è recato a Buenos Aires, per condurre discussioni con politici e uomini d’affari su una più stretta cooperazione industriale tra l’Argentina e l’Unione europea. In questo caso, la delegazione da parte dell’Unione europea è stata composta da 23 aziende e 3 associazioni imprenditoriali, che rappresentano 11 paesi dell’UE.

In questa visita si è discusso di cooperazione industriale in settori strategici quali  le PMI, il turismo e lo spazio. Il vicepresidente Tajani ha incontrato Jorge Capitanich il Capo di Gabinetto del Presidente argentino; Lino Barañao  Ministro della Scienza e della Tecnologia; Daniel Aguilera, Segretario al Turismo; Héctor Timerman,  Ministro degli Affari Esteri e del Culto; Débora Giorgi, ministro dell’Industria; Horacio Roura Segretario per le PMI e lo sviluppo regionale; e Axel Kicillof, Ministro dell’Economia e Finanza Pubblica.

L’Unione europea, nel suo insieme, è il primo partner in Argentina, il primo investitore e il suo secondo più grande partner commerciale, con un volume di scambi di € 18,1 miliardi. E’ anche  il secondo più grande mercato di esportazione dell’Argentina, dopo il Brasile. L’ Argentina esporta principalmente prodotti agricoli e le materie prime verso l’UE. L’Unione esporta verso l’Argentina prodotti manifatturieri , come macchinari, attrezzature e prodotti chimici di trasporto: il commercio con l’Argentina rappresenta circa l’1% del commercio totale.

Dopo aver visitato Panama e Argentina, il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani si è recato in Paraguay  accompagnato da una nutrita delegazione di industriali. Le associazioni imprenditoriali partecipanti all’incontro, rappresentano più o meno 280 mila aziende europee, generando nuovi posti di lavoro e fatturato.

In Paraguay, il vice Presidente Tajani ha incontrato il Presidente della Repubblica  Horacio Cartes, per discutere di questioni chiave della cooperazione industriale e le relazioni economiche tra l’UE e Paraguay.  Insieme al ministro paraguaiano dell’Industria e del Commercio Gustavo Leite, Antonio Tajani ha inaugurato il Forum UE per gli investimenti del 23-24 ottobre 2014,  finalizzato a facilitare l’integrazione economica del Paraguay nel commercio internazionale e gli investimenti dell’UE in Paraguay. La delegazione dell’UE era composta da rappresentanti dell’ industria ambientale, informatica, edilizia, energia, dai rappresentanti del settore delle infrastrutture e dell’industria aerospaziale.

L’UE è un partner chiave nel settore del commercio perché dopo i Paesi del Mercosur ed è la seconda destinazione delle esportazioni del Paraguay (14,3% del valore totale nel 2013). Il Paraguay è anche il terzo esportatore di soia sul mercato dell’UE, mentre l’Unione esporta macchinari, mezzi di trasporto e prodotti chimici.

La missione del Commissario Tajani fa parte degli  impegni assunti nel corso del summit UE – CELAC (Vertice dell’UE e della Comunità dei paesi dell’America latina e dei Caraibi Uniti) tenutasi a Santiago del Cile nel gennaio 2013.

 Il prossimo vertice dei capi di Stato e di Governo UE – America Latina e Caraibi si terrà a Bruxelles nel 2015.

 

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->