lunedì, Ottobre 25

UE: droghe, un mercato da 24mln di euro

0

Il mercato delle droghe in Europa ha raggiunto la cifra di 24 milioni di euro. E’ questo il dato che emerge dal primo rapporto realizzato dal Centro per il Monitoraggio europeo sulle droghe e Europol. La droga più diffusa è la cannabis, a cui seguono eroina, cocaina, anfetamine ed ecstasy. E la criminalità organizzata ovviamente, visti i numeri, sta investendo ancora di più, diversificando i prodotti presenti su piazza. «Abbiamo già osservato casi di gruppi criminali che impegnati nello spaccio di droga hanno da un giorno all’altro cambiato la loro attività e sono passati magari ad occuparsi del traffico illegale di migranti. O il contrario», dice il Direttore di Europol Rob Wainwright. E la Rete in questo commercio di sostanze stupefacenti è uno strumento chiave, come ammette Alexis Goosdeel del Centro per il Monitoraggio europeo sulle droghe: «Soltanto lo scorso anno abbiamo scoperto circa 100 nuove sostanze psicoattive. Questo significa che ogni settimana sono almeno 2 le nuove sostanze messe sul mercato. Sei, otto anni fa non era nemmeno una nuova sostanza per settimana».

(video tratto dal canale Youtube di Euronews)

 

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->