martedì, ottobre 23

Ue: arriva la nuova black list dei paradisi fiscali Secondo le anticipazioni di Bloomberg, fino a undici Paesi sarebbero a rischio di finire nel mirino di Bruxelles

0

E’ arrivato il tanto atteso aggiornamento da parte della Ue della lista nera dei Paesi considerati paradisi fiscali. Secondo le anticipazioni di Bloomberg, fino a undici Paesi sarebbero a rischio di finire nel mirino di Bruxelles in quanto non cooperativi nel settore fiscale. Tra questi Corea del Sud, Panama, Tunisia, Emirati Arabi, Barbados, Capo Verde, Grenada, Macao, Isole Marshall, Palau e Santa Lucia.

La lista, che non vede presente alcun Paese Ue, non avrebbe alcuna conseguenza pratica nell’immediato. Procurerebbe soltanto un danno di reputazione che potrebbe spingere i Paesi ‘nominati’ a diventare più trasparenti e collaborativi con le autorità fiscali europee.

La lista dei paradisi fiscali redatta dalla Ue è fondata su criteri oggettivi che tengono conto di un adeguato livello di trasparenza fiscale.

(video tratto dal canale Youtube di France 24)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.