sabato, Maggio 21

Ucraina: Turchia e Israele puntano sulla cooperazione estesa in Asia centrale Per Erdogan, riparare le relazioni con Israele e forgiare un potenziale partenariato nel Caucaso e nell'Asia centrale significa camminare sul filo del rasoio

0

Una recente cena a Washington suggerisce che una visita apparentemente imminente in Turchia del Presidente israeliano Isaac Herzog potrebbe essere qualcosa di più che porre fine alle relazioni tese tra i due ex alleati.

Ideata da un influente leader ebreo americano, Malcolm Hoenlein, vicepresidente della Conferenza dei presidenti delle principali organizzazioni ebraiche americane, la cena ha visto la partecipazione degli ambasciatori a Washington di Israele, Turchia, Uzbekistan e Kazakistan e ospitata dall’inviato dell’Azerbaigian.

È stato progettato per trovare un percorso per una più stretta cooperazione economica e di sicurezza tra Israele e i paesi turchi, che hanno relazioni diplomatiche con lo stato ebraico.

Il significato della cena non sta solo nel fatto che è avvenuta prima della visita del signor Herzog. Gli ambasciatori si sono incontrati quando la crisi ucraina ha minacciato di costringere la Turchia a scegliere tra NATO e Russia.

Inoltre, la Turchia, l’Azerbaigian e gli stati dell’Asia centrale hanno tentato tre mesi prima di dare nuova vita al loro Consiglio di cooperazione degli Stati di lingua turca.

Membro della NATO con stretti legami con la Russia che ha acquistato un sistema antimissilistico russo, la Turchia ha sostenuto l’Ucraina, rafforzato la cooperazione militare con lo stato assediato dell’Europa orientale e condannato l’occupazione russa nel 2014 della Crimea.

Erdogan ha visitato Kiev all’inizio di questo mese, ma ha visto la sua offerta di mediare il conflitto dell’Ucraina con la Russia respinta da Mosca.

Da allora il Presidente turco ha dichiarato di voler riprendere i colloqui con Israele sul trasporto del gas israeliano in Europa. L’approvvigionamento di gas dell’Europa potrebbe essere in pericolo se l’Occidente sanzionasse la Russia in risposta a una potenziale operazione militare russa in Ucraina. Le sanzioni potrebbero fermare le vendite di gas russo in Europa.

Le sanzioni potrebbero riguardare anche TurkStream, un gasdotto che aggira l’Ucraina andando dalla Russia sotto il Mar Nero alla Turchia, da dove il gas viene pompato in Europa.

La cooperazione turco-israeliana sul gas rafforzerebbe l’offerta di Erdogan di posizionare la Turchia come hub di energia alternativa per l’Europa. L’Azerbaigian ha dichiarato di essere pronto a fornire all’Europa gas di emergenza che scorrerebbe attraverso la Turchia se la crisi ucraina interrompesse le spedizioni russe.

Sebbene Israele non abbia ancora confermato il viaggio, Herzog sembra destinato a diventare il primo capo di stato israeliano a visitare la Turchia in 15 anni. Il fratello del signor Herzog, Michael, è l’ambasciatore israeliano a Washington che ha partecipato alla cena.

Le relazioni tra Israele e Turchia si sono interrotte dopo l’uccisione nel 2010 da parte di commando israeliani di 10 attivisti turchi a bordo di una nave che faceva parte di una flottiglia di aiuti che tentava di violare il blocco israelo-egiziano di Gaza.

Il mese scorso, una telefonata tra Yair Lapid e Mevlut Cavusoglu è stata la prima conversazione confermata tra i ministri degli esteri dei due paesi in 13 anni.

L’arresto a novembre con l’accusa di spionaggio e il successivo rilascio di una coppia di turisti israeliani per aver fotografato il Palazzo Dolmabahce di Istanbul, una delle principali attrazioni turistiche della città, ha spinto l’appello e ha aperto la strada a un riavvicinamento israelo-turco.

Il palazzo sulle rive del Bosforo servì come quartier generale amministrativo dei sultani ottomani nel 19° secolo e luogo di morte nel 1938 di Kemal Mustafa Ataturk, il fondatore della moderna Turchia.

Il rilascio della coppia ha anche innescato la prima telefonata tra Erdogan e i massimi leader israeliani in nove anni, con Herzog e il primo ministro Naftali Bennett che hanno telefonato separatamente al presidente turco per ringraziarlo.

Il rilascio della coppia israeliana e l’intervento del Erdogan sono serviti a molteplici scopi. Il leader turco non voleva che l’incidente spaventasse i turisti di cui avevano disperato bisogno in un momento di grave crisi economica.

L’incidente ha anche fornito a Erdogan l’opportunità di sfondare in Israele e ridurre il vantaggio geopolitico degli Emirati Arabi Uniti nel mantenere stretti legami con lo stato ebraico. Dal punto di vista di Erdogan, la crisi ucraina ha solo aumentato l’utilità di migliorare le relazioni con Israele.

Erdogan questa settimana è arrivato negli Emirati Arabi Uniti per una visita di due giorni come parte di un atto di bilanciamento regionale in cui vari stati del Medio Oriente stanno cercando di garantire che le loro differenze e molteplici conflitti regionali non sfuggano al controllo.

Il principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed ha annunciato la visita, la prima di Erdogan in quasi un decennio, come l’inizio di una “nuova fase prospera” di cooperazione con la Turchia. Gli Emirati Arabi Uniti sono il principale partner commerciale della Turchia nel Golfo.

Nel frattempo, Sabah, un quotidiano turco di punta del governo, ha riferito nei giorni scorsi che l’intelligence turca lo scorso autunno aveva sventato un tentativo di assassinare l’uomo d’affari turco-israeliano Yair Geller.

Alcuni analisti sospettano che la tempistica della divulgazione fosse intesa a contrastare gli appelli israeliani alla Turchia di interrompere il suo sostegno ad Hamas, il gruppo islamista che controlla la Striscia di Gaza, nell’ambito di un riavvicinamento con Israele.

Il giornale affermava che diversi sospetti legati all’Iran erano stati arrestati. Funzionari turchi hanno suggerito che il tentativo di omicidio fosse una rappresaglia per l’uccisione dello scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh nel 2020 da parte di agenti israeliani.

Per Erdogan, riparare le relazioni con Israele e forgiare un potenziale partenariato nel Caucaso e nell’Asia centrale significa camminare sul filo del rasoio.

Erdogan deve bilanciare il miglioramento delle relazioni con Paesi come Israele, Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti percepiti dai loro critici come aver abbandonato la difesa delle cause musulmane, inclusa la difficile situazione dei palestinesi, con la proiezione di se stesso come il leader musulmano che ha a cuore il suo correligionari.

Di conseguenza, il signor Cavusoglu, il ministro degli Esteri turco, ha sottolineato la scorsa settimana che “qualsiasi passo che faremo con Israele riguardo alle nostre relazioni, qualsiasi normalizzazione, non sarà a scapito della causa palestinese, come alcuni altri paesi .”

Più o meno nello stesso periodo, la Turchia ha accusato 16 persone arrestate lo scorso autunno con l’accusa di far parte di una rete di spionaggio israeliana. Fonti dell’intelligence israeliana hanno negato l’esistenza di una tale rete.

“Le accuse di ‘spionaggio’ di Ankara e le apparenti minacce di aumentare il prezzo dei detenuti mostrano che stava usando la diplomazia degli ostaggi che coinvolgeva turisti innocenti. È così che si è comportato anche Hamas, che è sostenuto dal partito al governo di Ankara… I regimi normali non detengono persone innocenti“, tuonò Seth J. Frantzman, corrispondente di destra per il Medio Oriente del Jerusalem Post, poco dopo gli arresti dello scorso autunno.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->