martedì, ottobre 23

Ucraina, Stepan Bandera e il riconoscimento dell’ideologia nazista Fiaccolata a Kiev per l'anniversario della nascita del leader dell'Organizzazione dei nazionalisti ucraini

0

Più di un migliaio di sostenitori del partito nazionalista Svoboda ha preso parte alla fiaccolata per l’anniversario della nascita del leader dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini, Stepan Bandera,  che si svolge ogni anno nel centro di Kiev. A commentare in maniera sorprendente questo avvenimento il governatore della Crimea, Sergey Aksenov, che ha indicato il nazismo una parte integrante dell’ideologia ucraina ed ha esortato a riconoscerne l’ideologia criminale a livello internazionale.

«Questo governo ha ancora una volta mostrato al mondo che il nazismo ucraino è parte integrante dell’ideologia statale dell’Ucraina. Babij Jar, il massacro di Volyn, Khatyn, Odessa, Donbass, sono anelli della stessa catena. In questa tragica lista poteva esserci anche la Crimea», ha detto Aksenov, facendo riferimento alle manifestazioni per Bandera.

Il governatore della Crimea ha spiegato che le autorità ucraine hanno dedicato a Bandera decine di strade, parchi e piazze in molte città e ritiene assolutamente necessario tenere una tempestiva conferenza internazionale in Crimea contro i crimini del nazismo ucraino: «Credo che sia necessario chiedere l’immediato riconoscimento a livello internazionale della criminalità dell’ideologia nazista ucraina».

Video tratto dal canale Youtube di RT)

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Commenti

Condividi.