martedì, Maggio 17

Ucraina: scenari della prossima fase di guerra Tre possibili scenari di uscita dalla prima fase della guerra e le 'questioni filosofiche' e politiche che la prossima fase imporrà all'Europa e in generale all'Occidente

0

Con la fine della terza settimana di guerra, il conflitto in Ucraina è passato dall’offensiva fulminea progettata per prendere la capitale, a una brutale guerra di logoramento progettata per soffocare l’Ucraina, come affermano gli analisti militari del Scowcroft Center for Strategy and Security dell’Atlantic Council.
Mentre si stanno tenendo colloqui di pace, la Russia continua ad attaccare le città ucraine e ad organizzare operazioni di combattimento su larga scala su più fronti. Secondo Benjamin Jensen, ricercatore senior su ‘guerra futura’ e strategia nell’International Security Program presso il Center for Strategic and International Studies (CSIS), e docente di studi strategici presso la Marine Corps University School of Advanced Warfighting, «È sempre più improbabile che la Russia possa detenere anche i guadagni limitati che sta ottenendo in Ucraina. Di conseguenza,
la guerra entrerà probabilmente in una nuova fase, più simile aiconflitti congelati‘ che la Russia ha usato per destabilizzare i suoi vicini dalla caduta dell’Unione Sovietica, piuttosto che alle attuali operazioni di combattimento su larga scala. L’Occidente deve iniziare a prepararsi ora per quella fase e a ridurre i vantaggi della Russia nella concorrenza futura».

Prepararsi alla nuova fase della guerra in Ucraina significa intanto riflettere sul tipo di uscita che Russia e Ucraina potranno o dovranno accettare. Esther Tetruashvily, già diplomatica statunitense nelle ambasciate in Asia centrale e Cina, specializzata in affari russi, eurasiatici e cinesi, nonché studiosa di sicurezza informatica e governance digitale globale presso il Georgetown University Law Center, disegna tre scenari possibili.

Il primo scenario è quello di uno stallo.
«
Una sconfitta parziale per Putin potrebbe comportare l’acquisizione delle oblast’ di Donetsk e Luhansk come territori russi o regioni autonome, nonché il riconoscimento della Crimea come parte della Russia. L’Occidentedovrebbe accettare la graduale rimozione delle sanzioni in cambio del ritiro delle truppe russe. Le società private potrebbero essere persuase a riprendere gli affari con la Russia. Putin avrebbequindi punito i dissidenti in Parlamento, i suoi circoli più stretti, e avrebbe adottato ulteriori misure per reprimere il sentimento antigovernativo. I media verrebbero censurati e la Russia potrebbe adottare il modello della sovranità informatica cinese per il controllo del flusso di informazioni all’interno del Paese. Per evitare ulteriori vittime, Zelensky acconsentirà a un cessate il fuoco. Ciò lascerebbe entrambi i Paesi con l’ennesimo conflitto congelato, forse un po’ più caldo degli altri ai confini della Russia, maZelensky manterrebbe il controllo del governo e l’Ucraina potrebbe potenzialmente entrare nell’UE. L’Ucraina avrà bisogno di sostegno per ricostruire le sue infrastrutture e la sua economia, e probabilmente seguirà una nuova epurazione di politici, cittadini e attivisti filo-russi. L’enorme crisi dei rifugiati sarà anche difficile da invertire poiché oltre 3 milioni di ucrainisono fuggiti, con altri milioni che dovrebbero andarsene nelle prossime settimane. La NATOsarebbe ancora fuori discussione, poiché le due regioni separatiste obbligherebbero le Nazioni della NATO a impegnarsi in un ciclo senza fine di contributi militari all’Ucraina se si unisse. LaRussia si ritirerebbe, sarebbe completamente isolata dall’ordine internazionale e potenzialmente sarebbe accusata di crimini di guerra contro personale militare e politici. Sarebbe articolata una sorta di road map per la normalizzazione delle relazioni, ma non è chiaro in quali termini. La rimozione delle sanzioni sarebbe subordinata alle assicurazioni di Putin di rispettare la sovranità ucraina».

Il secondo scenario vedrebbe Putin raggiungere tutti i suoi obiettivi.
«
In uno scenario in cui la Russia sconfigge l’Ucraina e installa un regime fantoccio oppressivo, le forze russe annienterebbero brutalmente le truppe e i civili ucraini, non diversamente dal leader sovietico Nikita Khrushchev in Ungheria nel 1956. Per le sue azioni, la Russia continuerebbe ad essere isolata e ricostruirebbe una cortina di ferro attorno a Ucraina e Bielorussia. Gli ucraini probabilmente non capitolerebbero mai veramente davanti a un leader insediato dalla Russia, producendo un’insurrezione brutale a lungo termine.
Osservando la risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite che condanna l’invasione della Russia, gli astenuti sono degni di nota, quasi rispecchiano l’appartenenza
all’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai. Questi Paesi, visto il successo di Putin, saranno sicuramente incoraggiati, e diventeranno alleati della Russia in un nuovo ordine multipolare. Con Putin ancora in carica, i piani di Russia e Cina per il disaccoppiamento di alcune dipendenze economiche dall’Occidente proseguiranno. In effetti, i controlli sulle esportazioni statunitensi su tecnologie cruciali come i semiconduttori verso la Russia ricordano quelli imposti alla Cina e le catene di approvvigionamento alternative e l’autosufficienza diventeranno ancora una volta una priorità per la Russia.

Verrà inoltre accelerato il progetto di Russia e Cina di sostituire l’egemonia monetaria statunitense. Nel 2015, quando la Cina ha lanciato i sistemi di pagamento interbancari transfrontalieri, era in parte in risposta alle sanzioni occidentali alla Russia per la sua invasione della Crimea. Allora, Cina e Russia hanno deciso di fare uno scambio di valuta in renminbi per alleviare parte delle conseguenze, che è stata recentemente rinnovata. Certamente, i regimi preoccupati di trovarsi un giorno alla fine di un simile pacchetto di sanzioni economiche saranno incentivati ad allontanarsi dal dollaro. Infine, non possiamo dimenticare che la Russia è ancora un importante fornitore di petrolio e gas verso l’Europa. In questo scenario, le preoccupazioni energetiche forse forzerebbero la divisione in Europa e eroderebbero l’interesse europeo a processare la Russia per crimini di guerra».

Il terzo scenario si concentra sull’ipotesi di unarivoluzionein Russia.
«
Il cambio di regime in Russia avverrebbe a seguito di un colpo di Stato interno o di una rivolta popolare poiché il popolo russo e l’élite politica sentono la pressione delle sanzioni. Ciò provocherebbe una crisi di successione.
Se fatto dalla rivolta popolare,
Alexey Navalny, beniamino dei russi populisti, è ancora in prigione epotrebbe essere eliminato prima che abbia la possibilità di guidare la rivoluzione. Per i liberali, Mikhail Khodorkovsky, che vive in esilio a Londra, potrebbe tentare un ritorno ma potrebbe ricevere un’accoglienza impopolare.
Teoricamente, secondo la costituzione, Mikhail Mishustin come primo ministro dovrebbe intervenire come Presidente ad interim e le elezioni si terranno tre mesi dopo, ma questo tipo di
transizione graduale è altamente improbabile.

Il successore più probabile verrebbe dalla cerchia ristretta di Putin, ma solo dopo una sanguinosa corsa al potere. Gli oligarchi entrerebbero nella mischia, così come i forti leader regionali. La società civile e i tecnocrati potrebbero forse allinearsi per ottenere i risultati più rosei, ma tali gruppi non hanno una visione unitaria della Russia. L’ultima volta che la Russia ha attraversato una rivoluzione, è stata nostrana e non catalizzata dall’esterno. Negli eventi che hanno portato allo scioglimento dell’Unione Sovietica, Mikhail Gorbaciov ha tentato di mantenere il sostegno nella sua cerchia ristretta prima che si rivoltasse contro di lui in un colpo di Stato in gran parte fallito. Quel colpo di Stato, tuttavia, aprì la strada all’ascesa al potere di Boris Eltsin, una figura populista al di fuori della cerchia ristretta di Gorbaciov.
I russi, sebbene forse sempre più amareggiati per Putin, si risentiranno della distruzione della loro economia e, dopo aver trascorso gli ultimi due decenni a ricostruire un senso di identità e orgoglio nazionale, probabilmente si rivolgeranno al feroce populismo e al nazionalismo per ricostruire. La mia ricerca sulla politica dell’immigrazione russa mostra che il sentimento populista e nazionalista russo sta crescendo. La classe media russa, disillusa dalle promesse del capitalismo occidentale, crede che i suoi problemi economici derivino dagli immigrati che prendono il loro lavoro e dai gruppi minoritari con un potere smisurato. Negli ultimi anni, la più grande minaccia al regime di Putin è venuta dall’opposizione nazionalista e populista interna. Putin ha dovuto trovare un equilibrio molto attento, promuovendo spesso un’identità nazionalista che non è solo slava, ma fa parte di un mondo russo che include russi non slavi. Negli ultimi anni, Putin ha usato la retorica nazionalista per focalizzare l’animo dei russi colpiti dalle sanzioni occidentali verso la leadership occidentale, in particolare gli Stati Uniti. Qualunque sia l’aspetto della Russia dopo Putin,potrebbe non essere la Russia che le democrazie occidentali vogliono».

«»

Secondo Esther Tetruashvily, la sconfitta parziale descritta nel primo scenario è l’esito più probabile di questa guerra. Ma sia questo o altro l’esito, l’Occidente deve, da subito, iniziare a ragionare sulle scelte che, nelle diverse eventualità, si troverà a dover compiere.

Sulla necessità di ‘scelte’ si inserisce, però, in primo luogo, quella che Mark Leonard, co-fondatore e direttore del primo think tank paneuropeo European Council on Foreign Relations, definisce come ‘questione filosofica’. «La crisi che Putin ha creato per l’Europa non riguarda solo la sicurezza. È filosofica».
Leonard, sostiene che
Vladimir Putin, con il suo attacco all’Ucraina, ha innescato l’istinto di sopravvivenza dell’Europa e del più ampioOccidente‘, il mondo sta così entrando in una nuova pericolosa fase di conflitto esistenziale.
L’Unione Europea, con la guerra in Ucraina, «si è improvvisamente trasformata da progetto di pace introspettivo in una comunità di sovranità e sicurezza».
«Il progetto europeo è stato costruito sull’idea che gli ex nemici potessero diventare
amici attraverso l’interdipendenza economica, legale e (eventualmente) politica. Dall’esterno, la guerra in Ucraina sembra un intervento militare del ventesimo secolo. Ma questo conflitto non si sta svolgendo attraverso una cortina di ferro. Coinvolge parti totalmente legate tra loro e viene combattuta non solo con aerei e carri armati, ma anche con sanzioni, catene di approvvigionamento, flussi finanziari, persone, informazioni e bit digitali. Questa iperconnessione rende impossibile una pace stabile. L’Europa dovrà essere preparata a continui sconvolgimenti e disordini, almeno finché Putin rimarrà al potere». Così, nel ripensare l’ordine europeo, i politici devono confrontarsi con quattro serie di domande.
Primo interrogativo che Mark Leonard pone è «
dove dovrebbero trovarsi i confini dell’Europa e della NATO? Per anni, quando gli europei hanno pensato ai confini, è stato nel contesto di rimuoverli internamente (o rilassarli per riconoscere un Kosovo indipendente). I confini precisi dell’Unione Europea e della NATO erano alquanto ambigui. Ma ora ci sarà un grande dibattito su chi è dentro e chi è fuori.

La cristallizzazione di queste distinzioni risulterà in un Occidente leggermente più piccolo ma più consolidato. Svezia e Finlandia potrebbero aderire alla NATO, ma ci sarà meno tolleranza per i Paesi che cercano di rimanere sulla recinzione: Ungheria, Turchia e Serbia dovranno scegliere da che parte stare. Ci sarà anche un grande dibattito sui Paesi che vogliono entrare nell’UE ma non hanno i requisiti per l’adesione: Ucraina, Moldova, Georgia, Stati dei Balcani occidentali».
Seconda domanda «è se l’Europa sia pronta per un assetto regionale basato su un equilibrio di poteri piuttosto che su leggi e istituzioni. La vecchia visione di un ordine con la Russia è stata sostituita da una contro la Russia, senza istituzioni o fiducia comuni. Ci sarà una forte spinta al riarmo, un processo che è già iniziato in Germania e Danimarca. Ci sarà anche un nuovo dibattito sulle basi militari e le armi nucleari, che distoglierà l’attenzione (e probabilmente le risorse) dell’Europa dall’impegno multilaterale globale».
«In
terzo luogo, l’Europa ha una base politica per costruire la resilienza economica e sociale? Nelle guerre di connettività -conflitti tra poteri interdipendenti- le chiavi del successo sono la pazienza e la capacità di sopportare il dolore. Sebbene attualmente vi sia molto sostegno pubblico per le sanzioni contro la Russia, ciò potrebbe non durare se i prezzi del petrolio e del gas continueranno a salire, accelerando una recessione. Dopo aver creato un enorme fondo per la ripresa per evitare che il Covid-19 faccia a pezzi l’UE, le istituzioni europee stanno ora valutando nuovi meccanismi di solidarietà per aiutare i consumatori a far fronte all’impennata dei prezzi dell’energia e ad altri effetti a catena delle sanzioni. In un modo o nell’altro, l’Europa ristrutturerà i suoi mercati energetici, le catene di approvvigionamento e le finanze, il che avrà importanti implicazioni globali».
«L’
ultima grande domanda è se l’Europa fa parte di un ordine regionale o globale. Fino a poche settimane fa, l’Europa era vista come un’esibizione geopolitica per la sfida decisiva del ventunesimo secolo: la battaglia per il controllo dell’Indo-Pacifico. Ma il riemergere della guerra nel continente e la stretta collaborazione tra Cina e Russia hanno riportato l’Europa e l’Eurasia al centro della scena. Come sostieneJeremy Shapiro del Consiglio europeo per le relazioni estere, la NATO dovrà ora collegarsi con le democrazie asiatiche, coordinare la politica e persino forzare posizioni nei teatri dell’Europa e del Pacifico». Conclude Mark Leonard: «La geopolitica in Eurasia è diventata una competizione per la sopravvivenza».

Chiarite le ‘questioni filosofiche’ che il conflitto impone all’Europa, trovate le risposte di fondo, l’Europa e l’Occidente in generale potranno passare al lavoro politico pratico proposto da Esther Tetruashvily.
La sconfitta parziale riduce le vittime ucraine e getta un’ancora di salvezza ai normali cittadini russi, per tanto potrebbe essere l’obiettivo a cui l’Occidente dovrebbe puntare. «Il raggiungimento di questo obiettivo richiederà sforzi diplomatici su più fronti. Gli europei devono accettare di accogliere l’Ucraina nell’UE, offrire a Putin la rimozione delle sanzioni in cambio di un’attenuazione della violenza e negoziare un trattato che fornisca alla Russia alcune garanzie che i suoi interessi economici e di sicurezza saranno rispettati.
Individui chiave dovrebbero essere processati per crimini di guerra in contumacia e la NATO dovrebbe rivedere il suo mandato di intervento militare, magari in mancanza di una dichiarazione di guerra, come deterrente per i membri dell’UE. Ciò potrebbe comportare l’immediata applicazione di sanzioni crescenti sulle transazioni finanziarie e un certo numero di stivali a terra nel modello delle truppe di mantenimento della pace.
Se un regime fantoccio viene insediato in Ucraina, l’Occidente deve identificare le conseguenze durature per il regime russo, compreso il sostegno alle sanzioni contro i leader militari chiave e il settore energetico. Gli ucraini continueranno a combattere e tali gruppi di ribelli cercheranno sostegno dalla NATO e dai Paesi europei. In risposta a tali richieste di assistenza, sarebbe probabile che si verificasse una rappresaglia della brutale repressione. In questo contesto, i leader della NATO devono articolare per chi e come combatteranno.
Ad esempio, se la Russia, nel tentativo di reprimere un movimento di resistenza, attacca inavvertitamente un membro della NATO, ciò scatenerebbe un’azione militare? Se Putin, avendo avuto successo in Ucraina, stabilizza in qualche modo l’economia russa e poi decide di tentare la fortuna in altri Paesi non NATO, come la Moldova o la Georgia, ancora una volta, come risponderà l’Europa? Non ci saranno conseguenze per le azioni di Putin?
Forse è giunto il momento di rivedere gli articoli del Trattato del Nord Atlantico e creare uno sforzo di intervento militare a metà strada, qualcosa tra l’articolo 5 e il nulla, come una forza di osservazione o di mantenimento della pace schierata nei Paesi confinanti con i membri della NATO. Dobbiamo
rendere la NATO più agile in modo che possa rispondere a nuovi tipi di guerra».

Se invece l’Occidente punta al cambio di regime in Russia, allora, prosegue Tetruashvily dovrà prepararsi per affrontare l’incredibile caos che sicuramente seguirà. «Lo sconvolgimento nell’undicesima economia più grande del mondo e un futuro leader russo che potrebbe benissimo essere più nazionalista e populista che mai sarebbero difficili da integrare nell’ordine internazionale esistente», afferma Esther Tetruashvily. «Mentre l’élite russa, la società civile e le fazioni regionali combattono per il ‘trono’, le linee di comunicazione con la Cina e altri leader regionali saranno fondamentali per contenere la violenza, frenare i criminali informatici e qualsiasi possibilità di disastro nucleare. Per far fronte a un’economia decimata, le sanzioni potrebbero essere rimosse per fornire assistenza umanitaria ai russi comuni. Se credi che il risultato più roseo sia possibile, che la Russia potrebbe in qualche modo diventare una democrazia simile a quella occidentale, allora il sostegno alla società civile potrebbe essere utile, ma è più probabile che i russi preferiscano un uomo forte nazionalista e autoritario per ricostruire il Paese. Le Nazioni dovrebbero stabilire relazioni con questo nuovo leader e, nel frattempo, i meccanismi delle Nazioni Unite e le alleanze per la sicurezza dovrebbero riformarsi per chiarire quali azioni innescano particolari risposte militari ed economiche unite ad atti di aggressione unilaterale non provocata».

In tutti e tre gli scenari ci sono due questioni di fondo sulle quali l’Occidente dovrà confrontarsi. «Le maggiori fonti di influenza della Russia sull’Ucraina e sull’Europa rimangono la sua posizione centrale nei mercati globali delle risorse, nonché la sua portata strategica e le scorte nucleari», afferma Benjamin Jensen. «Le forze di terra russe non sono più così spaventose come sembravano una volta, ma la capacità di Mosca di sparare grandi volumi di missili da crociera e balistici rimane una sfida in Ucraina. Guardando più in generale, le sanzioni economichenon hanno ancora veramente attaccato il ruolo centrale della Russia nei mercati globali delle risorse o le istituzioni finanziarie che Putin usa per sostenere la sua guerra in Ucraina. In secondo luogo, l’unica parte della campagna militare russa che si è dimostrata efficace è l’uso di mezzi di attacco a lungo raggio per tenere in ostaggio le città ucraine durante i negoziati.

Quando l’atteso cessate il fuoco arriverà, offrirà una finestra di opportunità per iniziare a ridurre i vantaggi coercitivi russi. In primo luogo, l’infrastruttura è una strategia nel ventunesimo secolo. Gli Stati Uniti dovranno collaborare con i loro partner in Europa per aumentare gli investimenti infrastrutturali associati all’iniziativa di deterrenza europea per espandere le riserve di risorse strategiche e le infrastrutture a duplice uso che non solo sostengono le forze militari, ma riducono la dipendenza europea dall’energia russa. C’è un’opportunità per essere creativi e vedere la sicurezza energetica e la sicurezza nazionale come reciprocamente costituite e non singolarmente dipendenti dagli idrocarburi. In secondo luogo, le spese per la difesa degli Stati Uniti dovranno spostarsi per compensare le capacità di attacco della Russia che si sono dimostrati efficaci in Ucraina. Ciò include le reti di sensori e il lavoro con partner e alleati sulla difesa aerea e missilistica integrata».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->