Ucraina: Russia – Turchia, trattative cruciali per le forniture di grano Mosca e Ankara sembrano avviarsi verso un negoziato, sostenuto dagli alleati arabi, per rielaborare la produzione di grano e la sua logistica in modo sicuro attraverso convogli navali

Mentre le mosse diplomatiche continuano a plasmare il futuro delle esportazioni di grano dai porti ucraini del Mar Nero e del Mar d’Azov in Russia a seguito dell’aggressione di Mosca, il risultato dei tentativi di ‘ricablare’ la logistica mondiale del trasporto del grano sta complicando l’ambiente geoeconomico internazionale inducendo la sicurezza alimentare i problemi.

Il conflitto tra i due principali produttori ed esportatori di grano del mondo, scoppiato a febbraio, sta agitando i mercati cerealicoli globali e suscitando timori di una crisi alimentare globale. Diversi Paesi africani, come l’Egitto e la Somalia, dipendono fortemente da questi cereali.

Le operazioni portuali e il traffico agricolo del Mar Nero e del Mar d’Azov non sono nuovi in ​​termini di cosiddetti modelli commerciali terra-bocca. Ma ora si discute molto su come immettere sul mercato i prodotti a base di grano durante la guerra in corso nell’Europa orientale. Come funzionerà tutto questo per portare il prodotto sul mercato? Come funzionano insieme ora prodotti alimentari, spedizione e assicurazione?

Sembra che Turchia e Russia stiano negoziando il punto di dividere la responsabilità delle spedizioni agricole dai porti del Mar Nero e del Mar d’Azov. Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov visiterà la Turchia l’8 giugno, accompagnato da una squadra militare/navale, nel tentativo di far avanzare i piani per sbloccare le esportazioni di grano dall’Ucraina, che sono state ostacolate dalla guerra russa. Sperano di aprire un corridoio di sicurezza che copra anche le spedizioni di grano.

Ankara sta offrendo i suoi servizi a questo riguardo in un momento critico: non solo come membro della NATO, ma anche come interlocutore russo nelle zone chiave di conflitto intorno al Medio Oriente, al Nord Africa e alle regioni del Caucaso. C’è un profondo interesse per quale potrebbe essere il prezzo di questo aiuto. Sempre più spesso, sembra che il costo possa coinvolgere l’annuncio da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdogan di una nuova operazione militare in Siria per creare una zona demilitarizzata ampia e applicabile, in modo che Ankara possa iniziare a riportare i rifugiati siriani nelle parti settentrionali del Paese.

I colloqui bilaterali volti a trovare modi per revocare il blocco dei porti cerealicoli dell’Ucraina hanno migliorato le prospettive. Lunedì il Presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che la Russia è pronta a facilitare l’esportazione senza ostacoli di grano dai porti ucraini in coordinamento con la Turchia. Queste osservazioni sono state fatte dopo che Putin ha detto ai leader di Germania e Francia che la Russia era disposta a discutere i modi per riprendere le spedizioni di grano ucraine nella prossima settimana.

Putin aveva sperato che lo sblocco delle esportazioni di grano ucraine avrebbe visto la revoca di alcune sanzioni alla Russia, ma potrebbe dover fare un passo indietro perché è probabile che la Turchia aiuti a spedire grano da Kherson, che per ora è sotto il controllo russo. È chiaro che la mossa di Ankara potrebbe legittimare la presa di Mosca sulla regione del Mar Nero grazie al suo coordinamento con l’ufficio del Presidente turco.

Gli osservatori riconoscono che la guerra ha interrotto anche la semina del grano in Ucraina, il che avrà un impatto sul prossimo raccolto. Si prevede che il raccolto di grano invernale nelle aree controllate dall’Ucraina raggiungerà i 20,1 milioni di tonnellate nel 2022, in calo rispetto ai circa 32,2 milioni di tonnellate per il raccolto complessivo di grano nel 2021. La crescita prevista dalla Russia nella produzione di grano è più del triplo di quella dell’Ucraina, quindi con il tempo, è probabile che i requisiti di spedizione di grano diventino più permanenti, data la probabile longevità del conflitto. Mosca sta pensando a lungo termine alle questioni di sicurezza alimentare e prevede di utilizzare partner regionali per distribuire il suo grano.

Paesi specifici stanno ora adottando misure chiave per salvaguardare la sicurezza del loro grano. L’India, ad esempio, ha ricevuto richieste per la fornitura di oltre 1,5 milioni di tonnellate di grano da diversi Paesi che hanno bisogno di trovare una fonte alternativa all’Ucraina e alla Russia. Tuttavia, il Paese dell’Asia meridionale ha vietato le esportazioni private di grano. Nel frattempo, nell’UE, i contratti future su semi di girasole, mais, grano, soia e farina di soia stanno aumentando di prezzo e i venditori netti di olio di soia stanno iniziando a subire interruzioni nell’offerta.

Lo svolgimento della quinta riunione ministeriale congiunta Russia-GCC a Riyadh mercoledì potrebbe fornire alcuni rimedi per lo sblocco del traffico di grano. È da notare che la conferenza si è svolta una settimana prima dell’incontro turco-russo sulle pattuglie di scorta navale per le spedizioni di grano. Inoltre, il coordinamento tra Mosca e gli Stati arabi sull’apertura dei porti e sulla spedizione del grano sembra essere parte del ciclo di pianificazione politica in corso. Le compagnie di navigazione arabe potrebbero essere in grado di aiutare con la spedizione di generi alimentari, ma è probabile che gli europei si arrabbieranno abbastanza per quella che sarà vista come la regione dalla parte della Russia di Putin.

Certo, l’unità americana ed europea sulla questione dell’applicazione delle sanzioni russe è difficile. L’Ucraina ha già fatto della Romania una via di uscita. Nel frattempo, Turchia e Russia sembrano avviarsi verso un negoziato, sostenuto dagli alleati arabi, per rielaborare la produzione di grano e la sua logistica in modo sicuro attraverso convogli navali.

Nel complesso, la guerra violenta in questo granaio chiave sta riorganizzando l’approvvigionamento alimentare globale e la consegna del grano. Le accuse secondo cui la Russia sta usando il cibo come arma possono essere valide, ma questo è un argomento occidentale che va contro gli interessi e le esigenze orientali. La ristrutturazione delle forniture di grano fa eco al divario energetico già in aumento.