mercoledì, Maggio 25

Ucraina – Russia: le opzioni degli Stati Uniti Biden e le persone che lo circondano sono molto radicate nella visione errata della politica estera americana, che è diventata più decisa a indebolire la Russia, anche se porta miseria a numerosi altri Paesi

0

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha un modo per dire periodicamente cose che possono essere applicate a lui. Durante il suo recente incontro a Kiev, Blinken ha dichiarato che l’Ucraina esisterà più a lungo del Presidente russo Vladimir Putin. Invece, Putin ha una buona occasione per mantenere il suo incarico dopo che Joe Biden e Blinken hanno lasciato la Casa Bianca.

In tutto lo spettro geopolitico, c’è una scarsa considerazione per la prospettiva di relazioni USA-Russia notevolmente migliorate. C’è una base per non escludere un cambiamento evidente in meglio, che potrebbe accadere prima di quanto alcuni si aspettino. Non sembra probabile che Biden ricoprirà più di un mandato come Presidente. Sebbene sia evidente, l’influenza neocon/neolib tra i repubblicani non è così grande rispetto ai democratici.

In un podcast Katie Halper-Aaron Mate del 22 aprile, l’ex marine degli Stati Uniti ed ex ispettore delle armi delle Nazioni Unite Scott Ritter ha detto che Biden potrebbe essere rieletto e nominato per un Premio Nobel per la Pace, se  dicesse al Presidente ucraino Volodymyr Zelensky che la guerra con la Russia è finita, senza più armi al regime di Kiev. Allo stesso tempo, Biden potrebbe quindi concordare con la Russia un’Ucraina neutrale e un nuovo accordo di sicurezza euro-atlantico con Mosca. C’è anche la questione della ricostruzione delle infrastrutture danneggiate sul territorio ucraino.

La proposta di Ritter può essere impostata sulla premessa che la guerra per procura in Ucraina danneggia l’economia globale. Questa convinzione ha alcuni ostacoli. Biden e le persone che lo circondano sono molto radicate nella visione errata della politica estera americana, che è diventata più decisa a indebolire la Russia, anche se porta miseria a numerosi altri (americani inclusi) in tutto il mondo.

Allo stesso modo, si è sviluppata un’estrema mancanza di cultura con le misure anti-russe intraprese senza precedenti, inclusa la punizione collettiva (fanatismo) contro i russi nello sport e nell’intrattenimento. Non c’è alcuna difesa dell’establishment occidentale che vieti gli ucraini per la corrotta carneficina del regime di Kiev influenzata dai neonazisti nel Donbass negli ultimi otto anni. Gli americani e gli israeliani non sono stati banditi quando la loro rispettiva nazione ha ucciso molti civili in altri paesi in un passato storico non troppo lontano.

Quindi non c’è nessun malinteso, non sostengo la punizione collettiva. A proposito, Wimbledon ha permesso ai sudafricani bianchi di competere durante il periodo dell’apartheid.

Barack Obama da Presidente era contrario all’armamento dell’Ucraina. In confronto, Biden è stato simile alla posizione anti-russa eccessivamente provocatoria assunta dal defunto senatore repubblicano dell’Arizona John McCain.

Al momento, Donald Trump e il governatore della Florida Ron DeSantis sembrano essere i principali contendenti per la nomina presidenziale repubblicana del 2024. Trump e DeSantis non esibiscono lo zelo neocon/neolib in politica estera. Il problema è: Trump e DeSantis si daranno battaglia o lavoreranno insieme durante le primarie? Forse competono l’uno contro l’altro, seguiti dal perdente dei due che sostiene il vincitore. È anche possibile che uno o entrambi non funzionino. Dato il corso passato della politica elettorale negli Stati Uniti, c’è tutto il tempo per vedere qualcun altro ottenere l’approvazione repubblicana per la presidenza.

Nel prepararmi per questo articolo, sono stato piacevolmente sorpreso di imbattermi nel suggerimento di Tulsi Gabbard come compagno di corsa di DeSantis. La menzione di questo si sposa bene con la convinzione valida che le basi per opporsi all’inclinazione della politica estera neocon/neolib non sono diminuite.

Come detto da alcuni altri oltre a me, il punteggio di popolarità di Zelensky tra gli americani potrebbe benissimo finire per seguire la strada di Michael Avenatti. (Ricordo anche la ridotta statura nazionale di Chris Christie, Cory Booker e dei fratelli Cuomo.) A lungo termine, i livelli di corruzione, i modi non democratici e l’influenza neonazista nell’Ucraina controllata dal regime di Kiev non possono essere coperti così facilmente.

Al contrario, la Russia post-sovietica non è la reincarnazione dell’Unione Sovietica, o qualcos’altro di eccessivamente sinistro. Come molti, se non la maggior parte dei conflitti, la situazione Russia-Ucraina non è (in realtà) un semplice fumetto di tipo buono/cattivo, come rappresentato in gran parte dei mass media occidentali.

Riguardo al conflitto armato, vorrei dire: uno o più torti non fanno un diritto, e l’ipocrisia non è una virtù. (Per capire di più, si deve confrontare la demonizzazione di Putin da parte di Biden con i commenti positivi del Presidente degli Stati Uniti su Madeleine Albright.) Una guerra è meno legittima quando l’attaccante non ha una motivazione particolarmente buona (per quanto riguarda le guerre) per intraprendere quella strada. Quando si valutano le circostanze, questo stesso problema può essere discutibile.

All’interno del commento, c’è l’opinione che Putin sia stato spinto ad attaccare l’Ucraina e che avrebbe potuto evitare di abboccare. Mettendo da parte la strategia militare, cosa avrebbe potuto fare di diverso Putin?

Se la Russia non avesse avviato la sua ‘operazione militare speciale’, i legami con la NATO del governo di Kiev si sarebbero probabilmente rafforzati, insieme a una maggiore minaccia per i ribelli del Donbass e il fattore neonazista in Ucraina. Per anni, la Russia post-sovietica ha cercato pacificamente un nuovo accordo di sicurezza euro-atlantico e che il regime di Kiev attuasse il Protocollo di Minsk approvato dalle Nazioni Unite nel 2015, chiedendo un’autonomia negoziata del Donbass all’interno dell’Ucraina.

Trump ha recentemente affermato che l’azione militare russa avrebbe potuto essere evitata e che l’opzione di risoluzione ora è qualcosa di diverso da quanto prima era più probabile entro limiti ragionevoli. La presidenza Trump ha visto gli Stati Uniti armare il regime di Kiev. Allo stesso tempo, Trump non ha mai (almeno da quello che ho visto) incitato a un conflitto Russia-Ucraina.

In un recente segmento della PBS, Marie Yovanovitch, ex ambasciatrice degli Stati Uniti in Ucraina (licenziata da Trump), ha suggerito che come il Presidente Trump avrebbe diplomaticamente evitato una guerra Russia-Ucraina. Yovanovitch ha aggiunto che non sarebbe stata una buona cosa. Per Yovanovitch e alcuni altri, lo spettro di russi e ucraini che si uccidono a vicenda con quest’ultimo che subisce il peso maggiore sembra più gradevole del percorso non violento di spingere per l’attuazione del Protocollo di Minsk approvato dalle Nazioni Unite nel 2015 (che chiede un’autonomia del Donbass all’interno dell’Ucraina ) e garantire che l’Ucraina non diventi una testa di ponte della NATO.

I modi di persone come Biden, Yovanovitch e Zelensky hanno fatto poco o niente per dissuadere l’azione militare russa. Come notato da Trump, la Russia ha rivisto gli obiettivi. In particolare, un riconoscimento dell’indipendenza del Donbass e della riunificazione della Crimea con la Russia, insieme a un’Ucraina militarmente neutrale. Più a lungo termine, il conflitto armato potrebbe portare a condizioni di insediamento ulteriormente riviste a scapito maggiore del regime di Kiev.

Il basso consenso nei sondaggi di Biden e la narrativa difettosa del regime di Kiev stanno aprendo la strada a una possibile ripetizione della storia, sottolineando ancora una volta che la Russia post-sovietica non è l’Unione Sovietica. L’amministrazione del Presidente repubblicano Richard Nixon ha visto un miglioramento nelle relazioni Mosca-Washington rispetto al predecessore democratico Lyndon Johnson. Lo stesso era evidente con il presidente repubblicano Ronald Reagan, relativo all’amministrazione democratica uscente Jimmy Carter.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Michael Averko è un analista indipendente di politica estera e critico dei media con sede a New York. È apparso come commentatore ospite alla radio talk BBC, RT e WABC, oltre ad essere stato relatore al World Russia Forum, al Russia Forum New York e al panel di esperti di US-Russia.org. Oltre alla rubrica Eurasia Review di Averko - Academia.edu, Counterpunch, Foreign Policy Journal, Global Research, History News Network, InoSMI.Ru, Johnson's Russia List, Journal of Turkish Weekly, Kyiv Post, Oriental Review, Penza News, Pravda.Ru, Pravoslavie .Ru, Radio Free Europe/Radio Liberty, Russia Insider, Sputnik News, Strategic Culture Foundation, The Duran, The Huffington Post, Valdai Discussion Club, Yonkers Tribune e WikiLeaks, sono tra i numerosi luoghi in cui i suoi articoli sono apparsi o sono stati citati . L'American Institute in Ukraine e la Lord Byron Foundation for Balkan Studies hanno fatto riferimento ad alcuni articoli di Averko, insieme a white paper accademici preparati per NATO Watch, Ohio State University, Problems of Post-Communism e Royal College of Defense Studies. È stato citato dal Council on Foreign Relations, Defense One e dal New York Times. Averko è una fonte citata nel libro di Richard Sakwa "Frontline Ukraine". Il suo articolo di Eurasia Review su Pavlo Skoropadsky, fornisce la prima trascrizione completa in lingua inglese online dell'editto di Skoropadsky che chiedeva una "Federazione tutta russa", comprese Russia e Ucraina. Tra le altre questioni, quell'articolo spiega le relazioni tra i principali combattenti nella guerra civile russa.

End Comment -->