domenica, Maggio 22

Ucraina – Russia: l’improbabile guerra spaziale “Sarebbero tutti perdenti. Qualsiasi conflitto nello spazio potrebbe creare così tanti detriti da rendere difficile, forse impossibile, il lancio di altri satelliti, un disastro visto che la vita moderna dipende molto dallo spazio“. Intervista a Mark Hilborne (King's College of London)

0

Con il progredire dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia di Vladimir Putin, il duello nello spazio tra aggredito e aggressore potrebbe influenzare direttamente gli stivali sul terreno.

Prima dell’invasione russa dell’Ucraina, la pratica recente suggeriva che l’esercito russo si sarebbe mosso rapidamente per degradare l’accesso a Internet ucraino. Sebbene alcuni servizi web del governo ucraino, così come parti del settore finanziario, siano stati interrotti da operazioni di negazione distribuita del servizio, l’Ucraina non ha ancora registrato interruzioni di Internet diffuse. Tuttavia, permangono i persistenti timori di interruzioni massicce. Per combattere queste paure, il vice primo ministro ucraino, Mykhailo Federov, ha chiesto il terzo giorno del conflitto che Elon Musk “fornisca all’Ucraina stazioni Starlink”. Solo due giorni dopo, Federov ha twittato una foto dell’arrivo delle stazioni Starlink insieme a una dichiarazione di apprezzamento.

Le stanzioni Starlink sono ricevitori di terra che si collega a una rete di oltre 2.000 piccoli satelliti in orbita terrestre bassa che forniscono accesso a Internet a velocità di banda larga. Sebbene non ci siano indicazioni che l’Ucraina stia utilizzando Starlink per scopi militari, il potenziale esiste e, qualora diventasse realtà, l’azienda e i suoi ricevitori non sarebbero più ritenuti solo ‘civili’, mettendo a rischio l’espresso non coinvolgimento statunitense. A chiarire la questione c’è la Convenzione (V), con i diritti e i doveri delle potenze neutrali in caso di guerra terrestre (Aia V). Secondo l’articolo 7 dell’Aia V, uno Stato neutrale non è tenuto ad impedire “l’esportazione o il trasporto, per conto dell’uno o dell’altro dei belligeranti, di armi, munizioni da guerra, o, in generale, di qualsiasi cosa può essere utile a un esercito oa una flotta” da parte di attori privati. Una lieve incertezza, tuttavia, resta perché l’articolo VI dell’articolo VI del Trattato sullo spazio extra-atmosferico (OST) attribuisce allo Stato la responsabilità internazionale e i requisiti per l’autorizzazione e la supervisione continua delle attività spaziali non governative. L’Aia V contiene anche un’esenzione ai sensi dell’articolo 8 per la fornitura di “uso da parte dei belligeranti di cavi telegrafici o telefonici o di apparati telegrafici senza fili ad essa appartenenti o a società o privati”. A differenza dell’articolo 7, questa disposizione si applica esplicitamente sia agli Stati che alle società private. Tuttavia, questo uso di un “apparato” deve essere fornito allo stesso modo a tutte le parti in conflitto.

Qualcuno ha sollevato anche la questione della potenziale qualificazione dei satelliti Starlink come oggetti militari, il che non necessariamente comporta l’identificazione del relativo Stato come parte belligerante. Gli obiettivi militari includono “quegli oggetti che per loro natura, ubicazione, scopo o uso danno un contributo efficace all’azione militare e la cui distruzione, cattura o neutralizzazione parziale o totale, nelle circostanze vigenti in quel momento, offre un chiaro vantaggio militare”. Ma anche qualora i satelliti Starlink venissero identificati come obiettivo militare, la Russia sarebbe quindi probabilmente soggetta all’obbligo dell’API, articolo 57, chiedendo a SpaceX di interrompere l’uso di Starlink da parte dell’Ucraina prima di prendere di mira i satelliti Starlink.

Un’altra minaccia che ha destato scalpore e preoccupazione è stata quella del 24 febbraio, pronunciata da Dmitry Rogozin sulla Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e riguardante lo spegnimento dei sistemi di propulsione controllati dai russi della ISS, causando la caduta della stessa sulla Terra in una deorbitazione incontrollata.

A dirimere la questione, ci sono ben 5 trattati: l’OST, l’accordo di salvataggio, la convenzione sulla responsabilità, la convenzione di registrazione e l’accordo intergovernativo del 1998 (IGA) tra le parti coinvolte con la ISS.

In primo luogo, l’articolo 10 dell’IGA impone a ciascun partner il dovere di far funzionare gli elementi dell’ISS forniti in modo “sicuro, efficiente ed efficace”. L’OST impone un obbligo simile nell’articolo IX di condurre tutte le attività spaziali “nel rispetto dei corrispondenti interessi di tutti gli altri Stati parti del Trattato”. La disattivazione da parte della Russia dei sistemi di propulsione della ISS e la conseguente minaccia di deorbita violerebbero questo dovere e violerebbero gli obblighi IGA e OST della Russia.

In secondo luogo, l’articolo IX dell’OST richiede agli Stati parti del Trattato di impegnarsi in consultazioni internazionali prima di condurre qualsiasi attività che “causa un’interferenza potenzialmente dannosa” con l’esplorazione pacifica e l’uso dello spazio extraatmosferico da parte di altri Stati parte.

Inoltre, sette membri del personale sono attualmente a bordo della ISS (quattro astronauti americani, due cosmonauti russi e un ingegnere di volo dell’Agenzia spaziale europea). L’articolo V dell’OST dichiara gli astronauti come “inviati dell’umanità” e impone il dovere di fornire “tutta l’assistenza possibile agli astronauti di altri Stati Parte”. L’articolo 3 dell’accordo di salvataggio fa un ulteriore passo avanti, richiedendo alle parti contraenti di “estendere l’assistenza nelle operazioni di ricerca e salvataggio” del personale di un veicolo spaziale che necessita di assistenza. Sebbene i trattati non prevedano di deorbitare intenzionalmente un veicolo spaziale con personale a bordo, l’intento e lo scopo delle disposizioni suggeriscono chiaramente di vietare tali atti. Inoltre, deve essere preso in considerazione anche il resto del diritto internazionale, incorporato in riferimento alle attività spaziali all’interno dell’articolo III dell’OST. Deorbitare intenzionalmente un veicolo spaziale con la probabile morte delle persone a bordo e l’impatto distruttivo accidentale sul territorio di uno Stato bersaglio è una chiara violazione dell’articolo 2(4) della Carta delle Nazioni Unite.

Infine, l’articolo VII dell’OST e gli articoli II e III della Convenzione sulla responsabilità stabiliscono un quadro di responsabilità per i danni causati da oggetti spaziali sulla superficie della Terra, nello spazio aereo terrestre o nello spazio extraatmosferico. L’articolo II della Convenzione sulla responsabilità prevede che uno Stato di partenza si assume la responsabilità assoluta per i danni causati alla superficie terrestre. La responsabilità, quindi, è incentrata sullo Stato di lancio, definito come lo Stato che lancia o procura il lancio di un oggetto spaziale o dal cui territorio o struttura l’oggetto è lanciato. Ciò ha senso nel caso di stazioni spaziali a stato singolo o per oggetti spaziali solitari potenzialmente “lanciati” da più Stati. Tuttavia, la natura multilaterale della ISS, con moduli multipli lanciati e gestiti da Stati diversi ma amalgamati in un’unica stazione spaziale combinata, rende estremamente complicata una determinazione formale della responsabilità.

L’IGA attua una rinuncia incrociata di responsabilità nell’articolo 16, in base al quale gli Stati partner della ISS rinunciano a tutte le pretese reciproche per i danni derivanti da “operazioni spaziali protette”. La rinuncia incrociata, tuttavia, esclude esplicitamente richieste di risarcimento danni causati da dolo. Un arresto russo dei sistemi di propulsione della ISS senza il permesso o il consenso dei restanti partner costituirebbe “condotta intenzionale”, esponendo la Russia a rivendicazioni di responsabilità da parte dei suoi Stati partner della ISS. Per mettere insieme il tutto, se la Russia dovesse intenzionalmente deorbitare l’ISS, causando danni a uno Stato terzo, l’articolo IV della Convenzione sulla responsabilità imporrebbe agli Stati membri dell’ISS una responsabilità solidale per il danno. Tuttavia, gli altri Stati partner dell’ISS avrebbero un’azione contro la Russia per recuperare i danni.

Ma cosa sta succedendo nello spazio tra Ucraina e Russia? Esiste il pericolo di un’escalation spaziale tra NATO e Russia? Lo abbiamo chiesto a Mark Hilborne, docente al King’s College of London oltre che guida dello Space Security Research Group (@space_security).

Dottor Hilborne, la resistenza ucraina sta usando lo spazio? Come? E sta ricevendo assistenza dall’estero?

Ci sono molte immagini satellitari commerciali che l’Ucraina può utilizzare. Potrebbero esserci anche immagini delle agenzie di intelligence occidentali, ma la disponibilità commerciale ora è un nuovo aspetto delle immagini spaziali. Potrebbe anche essere visto come meno escalation rispetto a se le immagini provenissero da un’agenzia straniera. Queste immagini possono fornire una grande quantità di informazioni sulla direzione, le dimensioni e la configurazione delle forze nemiche. Quindi sì, stanno usando lo spazio, tramite -sembra- società spaziali commerciali.

C’è stato un brusco botta e risposta tra Elon Musk e il ceceno Kadirov, ma anche con il direttore generale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, Dmitry Rogozin. Lei ha scritto: “SpaceX fornisce comunicazioni. Il suo fondatore, Elon Musk, è venuto in aiuto all’ Ucraina fornendole terminali che consentono l’accesso al sistema Starlink, una megacostellazione di satelliti che offre accesso a Internet ad alta velocità”. Ci può approfondire il ruolo di Starlink in questa guerra tra Russia e Ucraina?

Starlink fornisce solo comunicazioni satellitari, in cioè Internet a banda larga via satellite. Durante l’invasione, la Russia ha tagliato Internet ove possibile, per ridurre le informazioni e le comunicazioni. Elon Musk ha volato in una serie di terminali – essenzialmente antenne paraboliche – verso l’Ucraina che consentono alle persone di rimanere in contatto con il mondo esterno. Ha notato tuttavia che questi terminali presentano una radiofrequenza e quindi potrebbero essere identificati e presi di mira. Quindi ha avvertito di stare attenti con il posizionamento. Ciò si sta rivelando utile anche per i militari, in quanto possono collegare una serie di funzioni via Internet che hanno acquisito dalle comunicazioni satellitari.

Lei ha scritto: “Ci sono state anche segnalazioni della Russia disturbato il segnale GPS dai satelliti nello spazio all’Ucraina. Ed è stato riferito che la Russia si aspetta che anche il proprio sistema di posizionamento satellitare GLONASS venga bloccato”. Come sta usando la Russia lo spazio nella sua offensiva all’Ucraina?

La Russia cercherà di negare a un avversario l’uso del prezioso segnale di posizione, navigazione e temporizzazione (PNT) dal GPS (o addirittura da altri sistemi di navigazione satellitare). Non è una novità e la Russia non è l’unico stato a farlo, quindi non sorprende. Il GPS e il suo segnale PNT sono molto preziosi per le forze armate moderne e consentono, ad esempio, il targeting di precisione. Ma in questo conflitto, alcuni dei più importanti sistemi militari utilizzati dagli ucraini non hanno necessariamente bisogno di questo segnale. Le armi anticarro NLAW sono un buon esempio: il bersaglio viene acquisito visivamente e il missile si aggancia, senza la necessità di utilizzare il GPS. Anche gli UAV turchi non sono il tipo a lungo raggio che richiede un relè satellitare (a differenza degli UAV Predator utilizzati in Afghanistan). Quindi ci sono alcune capacità chiave utilizzate dagli ucraini che non sono particolarmente interessate dalla negazione del GPS.

Chi sta vincendo, nello spazio, tra russi e ucraini?

Davvero difficile da dire, ma penso che possiamo presumere che la Russia possa aver sottovalutato la quantità di capacità spaziali a cui gli ucraini possono accedere e quanti stati (e aziende) sono disposti ad aiutare, non solo nello spazio.
La Russia è anche pronta a utilizzare la tecnologia più vecchia se i loro sistemi GLONASS (il loro equivalente GPS) sono bloccati. Si chiama Chayka ed è come una forma più antica di navigazione marittima chiamata Loran. La sua precisione sarebbe di decine di metri, ma comunque utile.

La Cina, dal punto di vista spaziale, sta aiutando l’invasione russa?

Non ho visto alcuna prova di questo. La Russia ha comunque più esperienza in questo settore. Hanno dovuto usare molto la negazione del GPS in Siria per evitare di essere attaccati dagli UAV.

Il direttore generale dell’agenzia spaziale russa Roscosmos, Dmitry Rogozin, ha avvertito che la fine della cooperazione sulla ISS potrebbe farla cadere dall’orbita, forse verso gli Stati Uniti o l’Europa (o la Cina o l’India). stata interpretata come una minaccia. È possibile? E quali conseguenze avrebbe?

L’aspetto più allarmante è la retorica. Questo è il capo dell’agenzia spaziale russa che fa queste minacce. Ma sembra adattarsi alle dichiarazioni sempre più oltraggiose che emergono dalla leadership russa. In realtà, lo schianto della stazione spaziale sembra improbabile
Soprattutto in questo momento con 2 cosmonauti russi a bordo. E anche se non ce ne fossero, è un fiore all’occhiello per Roscosmos.
È un punto culminante delle conquiste spaziali russe, così come dei programmi statunitensi e occidentali. La minaccia era fermare le loro capsule spaziali Progress che riforniscono la nave e forniscono anche piccole quantità di spinta che mantengono l’orbita delle stazioni spaziali precisa
I russi erano fino a poco tempo l’unica nazione con la capacità di portare i membri dell’equipaggio alla stazione spaziale, dopo che lo space shuttle è stato ritirato. Tuttavia, SpaceX ha recentemente iniziato a operare anche con la sua capsula spaziale Dragon. Nel caso in cui la Russia ritiri i propri servizi, Elon Musk ha indicato che potrebbero anche intervenire e fornire la spinta per mantenere l’orbita della stazione spaziale.

Si è molto discusso, nelle ultime settimane, del pericolo di un’escalation nucleare del conflitto tra Russia e NATO. È possibile un’escalation, una guerra  spaziale tra Russia e NATO? E come potrebbe avvenire? Quali potrebbero essere i vinti e i vincitori?

Le tensioni nello spazio rispecchierebbero quelle sulla terra. Sarebbe improbabile che si verificasse un conflitto nello spazio senza quella tensione. Tuttavia, dove c’è tensione, qualcosa che sta accadendo nello spazio potrebbe essere una scintilla. Sembra improbabile: servirebbe un qualche tipo di attacco, e questa sarebbe una mossa altamente destabilizzante, quindi è difficile immaginare come potrebbe iniziare. In realtà, i perdenti in un evento del genere sarebbero tutti. Qualsiasi conflitto nello spazio potrebbe creare così tanti detriti da rendere difficile, forse impossibile, il lancio di altri satelliti, un disastro visto che la vita moderna dipende molto dallo spazio per molte funzioni. Tuttavia, gli Stati con il maggior numero di hardware e investimenti nello spazio soffrirebbero di più: gli Stati Uniti, seguiti dalla Cina.

Lei ha scritto: “Se la concorrenza continua, non è inconcepibile che possa portare a conflitti” e che “quindi, è importante che le minacce ostili nel dominio spaziale non possano degenerare ulteriormente”. Come si può evitare l’escalation? Esiste una ‘deterrenza spaziale’?

Questa è un’area molto importante. A breve termine, dobbiamo fare affidamento sul senso comune delle nazioni che viaggiano nello spazio: qualsiasi conflitto sarebbe reciprocamente dannoso, anche se, ancora una volta, lo è ancora di più per gli stati con programmi spaziali espansivi. È necessario più lavoro diplomatico per creare migliori sistemi di regolamentazione e governance. Il Regno Unito ha sponsorizzato una risoluzione delle Nazioni Unite nel 2020 sugli usi responsabili dello spazio. Continuano i negoziati su come modellare il dominio spaziale. Cercare di limitare una corsa agli armamenti nello spazio è da tempo un obiettivo delle Nazioni Unite, ma cose come la definizione di un’arma spaziale sono particolarmente difficili. Quasi tutto nello spazio può avere una capacità a doppio uso, quindi un raccoglitore di detriti spaziali “innocente” potrebbe avere usi offensivi. La mia opinione è che la deterrenza nello spazio sia difficile usando i concetti che abbiamo per la deterrenza nucleare, ovvero ‘reagire’. Contrattaccare crea enormi potenziali problemi (detriti). Invece dobbiamo fare affidamento sulla resilienza, ovvero chiarire che anche l’eliminazione di molti satelliti non avrà alcun impatto, poiché ce ne sono molti di più che fanno ancora parte di una costellazione. Vuol dire che qualsiasi attacco è inutile. Questo è ancora deterrente, ma non è deterrenza come classicamente definito.

Lei ha scritto: “Molti Paesi fanno ancora affidamento sulla Russia e sui suoi razzi Soyuz per una serie di lanci per varie applicazioni, creando un problema difficile”. Quanto e quali Paesi vengono penalizzati di più da questa decisione russa?

La preoccupazione principale è che gli Stati Uniti li utilizzino ancora. Sono razzi piuttosto vecchi, ma ancora tra i più efficienti. Gli Stati Uniti hanno accumulato un deposito di questi razzi, sviluppando le proprie alternative, quindi alla fine non saranno interessati.

Però, Lei ha anche scritto che “SpaceX e altre società, e in effetti altri paesi, sono sempre più in grado di colmare il divario, quindi è probabile che sia temporaneo”. In quanto tempo SpaceX potrebbe colmare il divario? E, per i Paesi, sarebbe preferibile abbandonare definitivamente l’apporto russo?

La ISS ha bisogno della cooperazione sia degli Stati Uniti che della Russia, per quanto ne so, non solo per la spinta di questi razzi quando sono attaccati, ma per un funzionamento più ampio della stazione. Ma per quella specifica capacità di spinta, SpaceX potrebbe probabilmente farcela immediatamente.

Lei ha scritto: “Sebbene la Russia abbia una grande esperienza nel dominio spaziale, il suo potere lì deve affrontare limiti chiari”. Quali?

Penso alla vasta gamma di diverse capacità, molte delle quali commerciali, nello spazio. La Russia non può fermarli tutti, probabilmente non può fermarne molti. Il numero di diversi operatori, ciascuno con sensori e tecnologie specifici, lo rendono impossibile.

Le sanzioni decise dall’Occidente sulla tecnologia danneggerà l’industria spaziale russa?

Ridurranno la capacità della Russia di accedere ad alcuni aspetti importanti. Ma potrebbe anche offrire l’opportunità a Russia e Cina di lavorare più a stretto contatto per colmare alcune di queste lacune.

Lei ha scritto che gli ultimi eventi fanno pensare ad “un futuro molto meno cooperativo nello spazio, con la ISS che verrà presto dismessa e Russia e Cina che si rifiutano di aderire al programma Artemis guidato dagli Stati Uniti con l’obiettivo di lanciare persone sulla Luna”. Qual è il futuro dello spazio dopo la guerra tra Russia e Ucraina? Lo spazio sarà più militarizzato?

Può essere. La Russia ha detto che ridurrà i suoi progetti scientifici e si concentrerà maggiormente sull’esercito. Ma è in ritardo sulle capacità commerciali, ed è qui che vengono fatti così tanti progressi. Quindi, tornando a un focus militare in stile Guerra Fredda, scivolerà ulteriormente dietro agli Stati Uniti e ad altri paesi in termini di progressi. Le capacità commerciali, come notato, possono anche avere utilità militare, quindi le tecnologie sviluppate dai laboratori commerciali possono avvantaggiare le capacità militari. Il lancio riutilizzabile è un esempio, anche l’uso di piccoli satelliti in grandi costellazioni è di origine commerciale. Quindi a volte è difficile dire cosa sia militare e cosa no.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->