sabato, Maggio 21

Ucraina: Russia, il default che verrà I costi militari della guerra sono stati esacerbati da un livello senza precedenti di sanzioni internazionali. L'economia russa potrebbe ridursi del 7% nel 2022, del 35% solo nel secondo trimestre del 2022. E se vincesse la guerra sarebbe anche peggio

0

Anche prima della guerra in Ucraina, l’economia della Russia era in crisi. L’invasione del 24 febbraio è stato il colpo di grazia su di un ‘corpo’ già debilitato. Oggi la Russia è sull’orlo del fallimento.
L’agenzia di rating
Fitch ha declassato il debito sovrano russo al suo secondo livello più bassoall’inizio di questa settimana, dicendo che un default è «imminente». Giovedì l’economista capo della Banca mondiale, Carmen Reinhart, ha avvertito che la Russia e il suo alleato Bielorussia sono «molto vicini» al default. L’amministratore delegato del Fondo Monetario Internazionale (FMI), Kristalina Georgieva, ieri ha affermato che le sanzioni imposte dai Paesi occidentali a Mosca porteranno a una «forte contrazione» dell’economia russa. Ha inoltre sottolineato che la Russia «sta entrando in una profonda recessione» con il deprezzamento del rublo, e che un default del debito non è più «un evento improbabile». Un test chiave arriverà mercoledì della prossima settimana, quando lo Stato russo dovrà effettuare un pagamento di 117 milioni di dollari su alcuni dei suoi debiti denominati in dollari statunitensi.
L
a Russia avrebbe avuto abbastanza valuta estera per coprire i pagamenti del debito, avendo accumulato 630 miliardi di dollari di riserve, ma gli Stati Uniti, il Regno Unito e l’UE congelando le attività della sua banca centrale hanno reso inaccessibile gran parte di questa somma.
I costi militari della guerra sono stati esacerbati da un livello senza precedenti di sanzioni internazionali, sostenute da una larga coalizione di Paesi. I cittadini russi, non possono convertire i soldi che hanno in valuta estera, i tassi di interesse sono raddoppiati, il mercato azionario ha chiuso, il rublo è sceso al livello più basso di sempre.
Le banche internazionali hanno un debito di oltre 121 miliardi di dollari da parte di entità russe, secondo la Bank for International Settlements, che giovedì ha sospeso l’adesione della Russia. Le banche europee hanno crediti totali per oltre 84 miliardi di dollari, con Francia, Italia e Austria le più esposte, e le banche statunitensi hanno debiti da parte russa per circa 14,7 miliardi di dollari. E gran parte di queste banche se ne stanno andando. Così come se ne vanno le aziende, che abbandonano joint venture, fabbriche, negozi, uffici e altri beni. McDonald’s, che ha fatto la storia del capitalismo quando ha aperto il suo primo ristorante sovietico a Mosca, 32 anni fa, sta lasciando la Russia. Così fanno BP, Shell, Ferrari, Ikea, Ford, Mercedes-Benz, Unilever, Volkswagen, Apple, IKEA, Microsoft, IBM, Porsche, Toyota, H&M e una miriade di altre società occidentali, 59 secondo stime recenti, mentre la Russia sta iniziando il processo di nazionalizzazione degli asset che le aziende occidentali hanno ancora nel Paese e ha lanciato un piano per introdurre la ‘gestione esterna’ delle società straniere che lasciano la Russia. Ma l’uscita di queste aziende causerà enormi danni all’economia russa, per esempio in primo luogo molti posti di lavoro andranno persi.
Vladimir Potanin, presidente del colosso dei metalli Norilsk Nickel (NILSY) e suo maggiore azionista, ha messo in guardia il Cremlino contro la confisca dei beni delle società che hanno lasciato il Pese, dicendo che un tale passo riporterebbe il Paese indietro di oltre 100 anni, ai giorni tumultuosi della rivoluzione del 1917. La conseguenza sarebbe la sfiducia globale nei confronti della Russia da parte degli investitori.
Il Presidente americano
Joe Biden è pronto ad annunciare la revoca dello status commerciale diNazione più favoritadella Russia, il che consentirebbe di imporre tariffe più elevate su alcune importazioni russe, e apre la strada agli Stati Uniti e ai loro alleati per imporre dazi su un’ampia gamma di merci russe.

Se misurata ai tassi di cambio odiernil’economia russa sarebbe la 22a più grande del mondo, con un prodotto interno lordo (PIL) non molto più grande di quello dello Stato dell’Ohio, afferma Eric Werker, docente di affari internazionali, presso la Simon Fraser University. Nel 1913 era la quinta economia più grande del mondo, dietro a Stati Uniti, Cina, Germania e Gran Bretagna. Nel 1957, quando l’URSS superò gli Stati Uniti nel lanciare il primo satellite nello spazio, l’economia sovietica era la seconda più grande del mondo dopo quella americana.
Le previsioni
fanno rabbrividire. Stime generose suggeriscono che l’economia russa potrebbe ridursi del 7% nel 2022 (del 35% nel secondo trimestre del 2022), invece di una crescita del 2% prevista prima dell’invasione. Altri dicono che il calo potrebbe arrivare fino al 15%.
«Una tale caduta sarebbe più grande del crollo dei mercati azionari russi del 1998, un grave shock per una economia che non ha visto quasi nessuna crescita nell’ultimo decennio e non è riuscita a diversificare dall’esportazione di petrolio e gas», afferma Renaud Foucart, docente senior in Economia, alla Lancaster University Management School. «Nel frattempo l’Unione Europea sta pianificando di ridurre drasticamente la sua dipendenza energetica dalla Russia, mentre gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno iniziato a eliminare gradualmente le proprie importazioni, già limitate».
Le prospettive a lungo termine, poi, secondo Foucart, «sono terribili. Se le sanzioni verranno mantenute, la Russia sarà tagliata fuori dai suoi principali partner commerciali a parte Cina e Bielorussia. Le agenzie di rating ora prevedono che la Russia non sarà presto in grado di ripagare i suoi creditori, sempre con un impatto colossale a lungo termine sull’economia. La sua reputazione di mutuatario poco rispettabile renderà difficile attrarre investimenti esteri senza massicce garanzie, rendendola potenzialmente completamente dipendente dalla Cina».

Putin è stato eletto Presidente in seguito alla caotica disintegrazione dell’Unione Sovietica e alla crisi finanziaria del 1998, nel corso della quale la Russia è andata in default sul suo debito e ha abbandonato il tasso di cambio fisso, afferma Eric Werker. «A quel tempo, il valore di mercato del PIL della Russia aveva toccato il fondo a 210 miliardi di dollari, rendendola la 24° economia più grande del mondo, dietro l’Austria». «Putin ha stabilito un contratto sociale informale con il popolo russo basato sulla sua capacità di fornire una forte crescita economica.
Sotto il governo di Putin
, e sostenuto da un superciclo dei prezzi delle materie prime che si estenderà fino al 21° secolo, il PIL russo nei tassi di cambio di mercato è aumentato di dieci volte,riportando la Russia alla rilevanza globale e fornendo potere d’acquisto alla sua classe media.
I ricercatori russi hanno affermato che quando l’economia russa ha iniziato a vacillare, da un picco nel 2013, Putin ha cercato una nuova legittimità per governare attraverso azioni di politica estera per ristabilire lo status della Russia di ‘grande potenza‘. Questi sforzi sono stati sintetizzati dall’annessione della Crimea del 2014. L’invasione russa dell’Ucraina, sullo sfondo del tasso di mercato del PIL russo che perde un terzo del suo valore tra il 2013 e il 2020, rappresenta un raddoppio della strategia di Putin di cercare legittimità dallostatus di grande potenza‘, piuttosto che dalla performance economica. Le incessanti sanzioni finanziarie ed economiche dell’Occidente hanno solo accelerato la caduta economica della Russia».

«Le azioni russe scambiate sul mercato britannico sono diminuite del 98%, spazzando via 572 miliardidi dollari di ricchezza, mentre le azioni sulle borse russe rimangono sospese. La valuta russa è scesa a 155 rubli per dollaro, un calo di oltre il 50% rispetto ai 75 rubli per dollaro USA prima dell’invasione. Se non fosse per i recenti controlli sui capitali e l’aumento dei prezzi delle materie prime -determinato dalle sanzioni stesse- che costituiscono la maggior parte delle esportazioni russe, il prezzo cadrebbe ulteriormente».
Prosegue
Eric Werker: «Il PIL del tasso di mercatodi un Paese è il suo PIL convertito in una valuta globale come il dollaro USA. Mentre ci sono altri modi per misurare il PIL, quando si tratta di commercio globale, investimenti e potere economico, il tasso di mercato è ciò che conta. Il tasso di mercato interno lordo della Russia nel 2021 è stato di 1,65 trilioni di dollari, abbastanza per renderlo l’undicesima economia più grande del mondo, dietro la Corea del Sud. Se convertiamo grossolanamente il PIL della Russia stimato per il 2021 entro il 7 marzo 2022, i tassi di cambio, anziché il tasso di cambio medio utilizzato l’anno scorso, e lo mettiamo contro la tabella del PIL del tasso di mercato del 2021, la classifica cambia e la Russia scivola al 22° posto, scendendo tra Taiwan e la Polonia. Questo calo è probabilmente una sottostima. Mentre un rublo in calo abbassa il tasso di cambio del PIL russo in dollari USA, la suaeconomia in indebolimento abbassa direttamente il PIL del rublo. E l’isolamento della Russia eroderà la sua competitività economica, allargando ulteriormente il divario economico nel medio termine».

«Lo scenario economico sembra ancora peggiore se Putin arrivase a poter rivendicare la vittoria in Ucraina», afferma Renaud Foucart. «Occupare il Paese e insediare un governo fantoccioimplicherebbe sicuramente assumersi la responsabilità della ricostruzione delle infrastrutture distrutte. E con i cittadini ucraini sempre più europeisti, mantenere la pace in un ambiente così ostile costringerebbe Putin a distogliere un’enorme quantità di risorse dal bilancio russo. Per avere un’idea di cosa comporterebbe, possiamo guardare a cosa è successo prima. Dopo due guerre e la distruzione di Grozny, in Cecenia, nel 1999-2000, la Russia spende fino a 3,8 miliardi di dollari all’anno per sostenere il suo regime nel Paese. Qualsiasi diminuzione dei trasferimenti monetari metterebbe la Russia a rischio di un’ulteriore rivolta e la Crimea costa alla Russia un importo comparabile.
La popolazione ucraina di circa 40 milioni è circa 40 volte più grande di quella della Cecenia e 20 volte quella della penisola di Crimea. Il secondo Paese più grande d’Europa per area (dopo la Russia), sarà un luogo molto costoso in cui sostenere un’occupazione.
Oggi, sebbene le perdite russe siano un segreto militare, le stime ucraine ipotizzano il costo materiale per Putin derivante dalla distruzione di carri armati, aerei e armi a circa 5 miliardi di dollari solo per i primi due giorni di guerra».

Ma non è solo l’hardware militare che costa denaro, afferma Foucart. «Può sembrare strano, persino sgradevole, ma i governi e gli economisti attribuiscono un valore monetario a ogni vita umana. Finora in Ucraina si stima che siano stati uccisi fino a 12.000 soldati russi. In confronto, circa 15.000 soldati morirono durante l’invasione sovietica dell’Afghanistan, 8.000 durante la prima guerra cecena e un numero leggermente maggiore (ma incerto) durante la seconda.

Una stima approssimativa basata sull’aspettativa di vita e sul PIL pro capite suggerisce che un bilancio delle vittime di 10.000 soldati russi corrisponderebbe a un costo di oltre 4 miliardi di dollari. A questo, si dovrebbe aggiungere l’enorme tributo per la salute mentale sulle loro famiglie e su tutti i soldati che hanno preso parte a una guerra attiva.

Questi costi però sono irrilevanti nell’immediato per il bilancio del governo.Così anche il misero risarcimento annunciato da Putin alle famiglie dei soldati morti, che sarà pagato in valuta locale, il che significa che il suo valore effettivo potrebbe presto essere prossimo allo zero. La maggior parte delle perdite materiali e umane può essere effettivamente elencata sotto la descrizione di ‘beni esistenti’ e il costo della loro sostituzione sarà sostenuto solo in futuro».

Nei prossimi giorni e settimane, se il costo della guerra sarà troppo alto per Putin dipenderà da due elementi, secondo Renaud Foucart«L’industria militare e della difesa russa può sopravvivere senza importazioni tecnologiche come elettronica e robot industriali dall’Occidente? E l’impatto delle sanzioni e delle vittime sarà sufficiente per spostare l’opinione pubblica in un modo che minaccia il Cremlino? Il resto delle fosche nuvole di avvertimento economico che si accumulano sulla Russia contano solo per un leader che si preoccupa dell’impatto a lungo termine della guerra sui suoi concittadini».
Conclude Eric Werker: «
la pretesa di Putin di legittimità attraverso la performance economica è quasi distrutta. Con lo ‘status di grande potere’ strettamente legato al potere economico, anche la fonte segreta di legittimità di Putin per suscitare l’orgoglio nazionalista ora sembra chiusa. Putin avrà guidato la Russia da un ‘times of troubles‘, ma lo ha consegnato a un altro».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->