martedì, Maggio 17

Ucraina: quel nazionalismo che costa sangue Una breve storia del nazionalismo ucraino e delle sue tumultuose relazioni con la Russia

0

Sono trascorse tre settimane da quando il Presidente russo Vladimir Putin ha lanciato la sua violenta e non provocata invasione dell’Ucraina. Mentre i suoi obiettivi dichiarati alludevano all’eliminazione della difesa dell’Ucraina -la smilitarizzazione- e alla rimozione della sua classe politica -la denazificazione-, la logica dietro l’invasione è più difficile da decifrare.
La visione del mondo di Putin si basa su una versione estrema della narrativa nazionalista russa sull’Ucraina. Un aspetto fondamentale è l’affermazione che i russofoni (coloro che preferiscono parlare russo) e i russi etnici sono fondamentalmenterussie minacciati in Ucraina.

Secondo Dominique Arel, Docente de L’Université d’Ottawa/University of Ottawa, «il 23 febbraio, Putin ha lanciato l’accusa infondata che l’invasione fosse per proteggere i russofoni che sarebbero stati uccisi nella provincia ucraina orientale del Donbas. Un altro aspetto fondamentale è l’affermazione che uno Stato ucraino indipendente è un’invenzione straniera e una minaccia alla sicurezza per la Russia. Per questo, il 24 febbraio, ha affermato che ‘l’operazione militare’ era un atto di autodifesa contro l’espansione della NATO.
Basata su questa visione del mondo è la convinzione di Putin che russi e ucraini siano ‘un popolo‘ e che l’Ucraina sia semplicemente un’estensione della Russia, un’idea che può essere fatta risalire alla rappresentazione imperiale russa degli ucraini (Piccoli Russi) come fratelli minori dei russi (Grande russi). 
L’idea dell’autodeterminazione ucraina può essere fatta risalire al 19° secolo, in un momento in cui i movimenti nazionalisti apparvero in tutta Europa. Il nazionalismo si basa sull’affermazione che una nazione culturalmente distinta ha il diritto all’autogoverno.
In Europa, ad eccezione dei Balcani, il nazionalismo si basava sulla pretesa di una lingua distinta. I primi nazionalisti ucraini credevano anche che l’unico vernacolo ucraino, distinto dal russo e dal polacco, rendesse l’ucraino una nazione.
Mentre l’idea moderna del nazionalismo ucraino ha avuto origine a Kiev e nell’Ucraina orientale -allora sotto il dominio imperiale russo- il nazionalismo come movimento di massa si è sviluppato nell’Ucraina occidentale, che allora era sotto il dominio austro-ungarico.
L’Austria, dopo il 1867, riconobbe i diritti delle minoranze nazionali, come gli ucraini (allora chiamati ruteni). Gli ucraini occidentali sono stati in grado di fondare le proprie scuole e ottenere rappresentanza politica nei parlamenti locali e nazionali. L’impero russo, invece, vietò l’uso pubblico e lo studio dell’ucraino (allora chiamato ‘Piccolo russo’) e qualsiasi attività politica ad esso associata.
La politica austriaca è alla base della convinzione di Putin che il nazionalismo ucraino sia un’invenzione occidentale che cerca di indebolire la Russia. Ecco come lo vedeva l’impero russo allora: il nazionalismo ucraino -l’idea che l’identità ucraina sia distinta dalla russa e che gli ucraini dovrebbero determinare il proprio destino- è fabbricato e una minaccia per lo Stato russo. La contro-narrativa russa è che russi e ucraini condividono la stessa storia e quindi hanno un destino comune».

Arel sottolinea poi «fino alla prima guerra mondiale, i nazionalisti ucraini nell’Ucraina imperiale russa credevano di dover avere autonomia all’interno dell’Impero. Con il crollo della monarchia russa, nel febbraio 1917, a Kiev fu dichiarata una Repubblica nazionale ucraina‘ (UNR).Dopo che i bolscevichi presero il potere a Mosca, l’UNR dichiarò l’indipendenza nel gennaio 1918.
L’indipendenza fu di breve durata perché
il principale campo di battaglia della guerra civile nella Russia post-imperiale era in Ucraina, con quattro diversi eserciti impegnati in battaglie: i rossi (bolscevichi), i bianchi (controrivoluzionari), i gialli e i blu (nazionalisti ucraini) e Verdi (anarchici contadini). L’intera guerra civile provocò la morte di 15 milioni di persone.
Alla fine, l’Ucraina è stata nuovamente divisa in due.
La maggior parte dell’Ucraina occidentale cadde sotto la Polonia ricostituita, mentre i territori a est, inclusi Kiev, Odesa, Kharkiv e Donetsk, furono conquistati dai bolscevichi in quella che divenne l’Unione Sovietica.
I bolscevichi erano marxisti che credevano che il nazionalismo fosse semplicemente un fenomeno borghese che alla fine sarebbe svanito sotto il dominio socialista. Ma Vladimir Lenin comprendeva il potere del nazionalismo e, in particolare, la psicologia delle persone che si sentivano offese dal senso di superiorità della Russia.
Ciò ha portato l’
Unione Sovietica a riconoscere l’ucraino come lingua separatae a concedere all’Ucraina lo ‘statoufficiale sotto forma di Repubblica socialista sovietica ucraina. L’aspettativa era che l’uguaglianza formale delle nazioni avrebbe dissipato il nazionalismo. Eppure la statualità sovietica non significava un’effettiva autonomia politica. Tutte le decisioni principali venivano ancora prese a Mosca, all’interno del Partito Comunista dell’Unione Sovietica. Il punto di svolta chiave delle relazioni dell’Ucraina con Mosca avvenne tra la fine degli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30. L’Unione Sovietica aveva intrapreso la ‘collettivizzazione’ del suo settore agricolo, abolendo la proprietà privata nelle aree rurali e formando al suo posto fattorie controllate dallo Stato. Lo scopo era di sbarazzarsi dei contadini per alimentare l’industrializzazione.
L’Ucraina, conosciuta come il ‘cesto del pane’ dell’impero russo per via dei suoi fertili terreni agricoli, resistette alle richieste impossibili della requisizione del grano. La risposta di Joseph Stalin, che all’epoca governava l’Unione Sovietica, fu di associare questa resistenza alla minaccia antisovietica del nazionalismo, portando a un’epurazione dell’intera élite culturale ucraina nell’Ucraina sovietica.
Questo preparò il terreno per l’Holodomor, una carestia nel 1932-33 che uccise quattro milioni di ucraini. Il termine Holodomor deriva dalle parole ucraine ‘holod’, che significa fame, e ‘moryty’, uccidere. Da questo punto di vista, la carestia non era naturale, ma un atto di omicidio. Anche le aree della Russia hanno subito una carestia, ma il tasso di mortalità in Ucraina è stato molto più alto.
La carestia devastò il tessuto sociale delle campagne, dove si parlava il volgare ucraino e l’identità nazionale era fiorente. Le epurazioni del 1937, in cui tre quarti di milione di persone furono assassinate in tutta l’Unione Sovietica, terrorizzarono ulteriormente l’Ucraina sovietica. Una delle numerose fosse comuni è stata successivamente riesumata nella provincia centrale di Vinnytsia. L’Ucraina non otterrebbe la sua indipendenza fino al crollo dell’Unione Sovietica nel 1991».

Nelle osservazioni televisive del 24 febbraio – fa notare il Professore di Ottawa – «Putin ha giustificato la sua invasione dell’Ucraina dicendo che la sua offensiva mirava a ‘smilitarizzare e denazificare’ il Paese. Dagli anni ’60, il principale pilastro della legittimità a Mosca è stata la vittoria sovietica sulla Germania -sempre presentata come la vittoria sul fascismo- nella seconda guerra mondiale. La Russia, come successore dell’Unione Sovietica, si presenta come uno Stato antifascista.
Nel 1941, un movimento ultranazionalista -l’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN)- si schierò con le forze tedesche nel 1941 durante l’invasione dell’Ucraina occidentale, un territorio che era stato annesso solo due anni prima, dopo che la Germania e l’Unione Sovietica si erano spartite Polonia. L’annessione sovietica aveva distrutto la società civile e politica e portato ad arresti e deportazioni di massa, lasciando l’OUN clandestino come l’unica forza ucraina praticabile.
La proclamazione da parte dell’OUN della rinnovatastatualità ucraina nel giugno 1941 fu annullata dalla Germania. Il loro coinvolgimento con i battaglioni e le milizie tedesche li ha trasformati infascisti nella propaganda sovietica e il nazionalismo ucraino è stato associato al fascismo. L’affermazione di Putin di ‘denazificare’ l’Ucraina è una continuazione della narrativa sovietica in tempo di guerra che mira a delegittimare il nazionalismo ucraino, o l’idea stessa che gli ucraini determinino il proprio destino».

Dalle proteste di Maidan a Kiev nel novembre 2013 – afferma Arel – «gruppi di estrema destra politicamente visibili in Ucraina, come Azov, hanno rivendicato il lignaggio dell’OUN. La propaganda russa li ha dipinti come i motori della politica ucraina. Ma le affermazioni di Putin di ‘denazificare’ l’Ucraina vanno ben oltre questi gruppi: il suo obiettivo è rimuovere l’intera classe politica ucraina ‘contaminata’ da questa idea di nazionalismo fabbricata all’estero.
Secondo la logica contorta di Putin, Volodymyr Zelensky, un Presidente dell’Ucraina orientale di origine ebraica che ha perso la famiglia nell’Olocausto, è a capo di un governo ‘nazista’. Per Putin, Zelensky simboleggia la resistenza ucraina alla Russia sullo Stato della Crimea e del Donbas, sulle questioni di sicurezza e sulla natura del sistema politico ucraino.
Nazionalismo, per Putin, significa qualsiasi comportamento o politica anti-russa. Lo vede nella determinazione dell’Ucraina ad aderire all’Unione Europea e alla NATO, a fare dell’ucraino la sua unica lingua ufficiale e a promuovere una memoria storica che enfatizzi il passato (e il futuro) divergente di ucraini e russi. La guerra della Russia in Ucraina è letteralmente una guerra contro la statualità ucraina».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->