lunedì, Maggio 16

Ucraina: quegli errori che la Russia (non) ha dimenticato “Se Putin cercherà di occupare l'Ucraina, le forze russe continueranno ad affrontare resistenza e un'insurrezione armata, mantenendo il territorio, ma non i ‘cuori e le menti’ della popolazione ucraina“. Intervista a Tracey German (King’s College of London)

0

In Ucraina, le forze armate di Kiev resistono all’assedio russo di Kiev, attaccata a nord e sud occidentali. Nei pressi dell’aeroporto di Hostomel, le forze ucraine hanno annientato un’intera colonna russa, prendendo il controllo di alcuni dei 56 carri armati in possesso del nemico. Nel corso di questi scontri, inoltre, sarebbe stato ucciso il generale russo Magomed Tushajev, comandante del 141mo reggimento della guardia russa. Sempre secondo alcuni spifferi ucraini, un ponte nella zona di Bucha, un sobborgo a nord ovest di Kiev, è stato fatto saltare per rallentare l’avanzata delle truppe di Mosca. Proprio a Bucha, la notte scorsa, un proiettile di artiglieria russo ha colpito un palazzo residenziale,  con missili anticarro e lanciarazzi multipli Mlrs.

A sud ovest, invece, continua l’opera ucraina di rimessa in manutenzione di un deposito di idrocarburi colpito a Vasylkiv, il sobborgo sud occidentale di Kiev dove è presente anche una base aerea militare. E’ certo, tuttavia, che si è deciso di tagliare la corrente alla stazione centrale per la presenza di “pesanti bombardamenti vicino alla struttura”, non lontana dall’aeroporto Zhuliany.

Per quanto concerne il resto del Paese, l’irruzione delle forze armate russe a Kharkiv – la notizia più importante giunta dai vari teatri di scontri in corso nel Paese – è stata confermata da fonti ucraine. Sono almeno 400 i militari russi che sono riusciti a entrare questa mattina a Kharkiv, seconda città dell’Ucraina, e anche in questo caso le forze russe hanno colpito un deposito di gas.

Oggi, però, mentre Vladimir Putin chiedeva al Ministero della difesa russo di tenere in massima allerta il sistema di deterrenza nucleare, il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha confermato che una delegazione di Kiev incontrerà domani una controparte russa in Bielorussia per tentare di trovare una soluzione diplomatica al conflitto in corso nel Paese. In una nota rilasciata dalla presidenza ucraina, Zelensky ha affermato che le due delegazioni si incontreranno “senza precondizioni” vicino al fiume Pripyat, anche se non crede in un “esito positivo” dei negoziati con la Russia: “Ma lasciamoli provare, in modo che nessun cittadino ucraino dubiti che io, come presidente, ho cercato di fermare la guerra quando c’era ancora una possibilità, per quanto piccola”.

Le delegazioni sono già arrivate nel luogo prefissato. Il ministro ucraino degli Esteri Dmytro Kuleba ha tenuto a precisare che la delegazione ucraina incontrerà quella russa per dei colloqui, che però non si terranno nella città di Gomel bensì in una località al confine ucraino-bielorusso. “Andiamo a vedere cosa dicono, andiamo per ascoltare e dire cosa pensiamo di questa guerra. Nel periodo che intercorre fra ora e il momento dei colloqui, Lukashenko ha assicurato Zelensky che le forze bielorusse non saranno più usate contro l’Ucraina. Fra adesso e l’avvio dei colloqui continueremo a difendere il nostro Paese contro le forze russe, e continueremo a sconfiggerli, non ci fermeremo. Non c’è niente di male nei colloqui, e se il risultato è la pace è un bene. Ma noi non ci arrenderemo, non daremo un centimetro del nostro territorio”, ha detto Kuleba.

Oggi, è apparso più chiaro di ieri – a fronte del l’ulteriore inasprimento delle sanzioni occidentali contro Mosca che comprenderanno anche l’esclusione dal sistema SWIFT – che l’offensiva russa sembra rallentare a causa, soprattutto, di una resistenza – civile e militare – ucraina superiore alle aspettative. Le principali città sono ormai assediate, ma non ancora prese.

Un film già visto? La guerra del 2008 con la Georgia vide le forze armate russe combattere una guerra convenzionale, dopo anni di conflitto contro i ribelli che cercavano l’indipendenza dalla Russia in Cecenia e nel Caucaso settentrionale. Nonostante la schiacciante superiorità numerica e la rapida espulsione delle forze armate georgiane dall’Ossezia meridionale, la Russia mostrò la corda: mancanza di munizioni a guida di precisione e l’incapacità di ottenere la superiorità aerea nell’area delle operazioni. Nelle riforme e nel riarmo degli anni successivi i, particolare attenzione è stata dedicata allo sviluppo di armi a lungo raggio e ad alta precisione. La Russia ritiene che tali armi svolgano un ruolo decisivo nel conflitto contemporaneo, utilizzate per prendere di mira le infrastrutture nazionali critiche di un avversario.

Non imparare dai tuoi errori. Impara dagli errori degli altri così che tu possa  non farne” diceva Thomas Hobbes. Ancor più importante, se dalla guerra in Georgia imparò che le sanzioni sono un prezzo accettabile e che, in fondo, l’Occidente abbaia, ma non morde perché non interviene, l’Occidente, a sua volta, cosa non ha imparato? E la Russia sta pagando lo scotto delle lezioni dimenticate? Lo abbiamo chiesto a Tracey German, Docente di Conflitti e Sicurezza delKing’s College of London, oltre che grande esperta di politica estera russa e di conflitti nell’area post-sovietica come quello ucraino, a cui ha dedicato numerosi studi e libri tra cui quello intitolato ‘The Ukrainian Crisis: the role of, and implications for, sub-state and non-state actors(Abingdon: Routledge, 2017)’ scritto con Emmanuel Karagiannis.

Professoressa German, ieri Mosca ha ordinato l’’offensiva totale’. Sono ore di attacchi intensi intorno a tutte le principali città ucraine. L’impressione è che l’invasione si sia rallentata, soprattutto a causa della resistenza. È così?

Sembrerebbe così. I rapporti di oggi suggeriscono che la città di Kharkiv rimane sotto il controllo ucraino, hanno respinto un attacco russo. È stato riferito ieri che il Pentagono statunitense ha valutato che alcune forze russe sono state rallentate da problemi di logistica e capacità di sostegno, in particolare la fornitura di carburante, e stanno utilizzando più di quanto previsto.

Invece che ‘guerra lampo’, si combatte ‘casa per casa’. C’è stato errore di calcolo da parte russa sulla resistenza ucraina?

Penso che la forza della resistenza offerta dall’Ucraina abbia sorpreso Mosca, che forse stava calcolando che gli attacchi missilistici e un’invasione su più fronti delle forze di terra avrebbero portato a una rapida resa. Ci sono echi dell’intervento russo in Cecenia alla fine di dicembre 1994 qui, quando la leadership russa pianificò una massiccia offensiva corazzata contro la capitale cecena Groznyy, con l’intenzione di organizzare un attacco decisivo con il supporto aereo, facendo affidamento sulla velocità per cogliere di sorpresa la leadership cecena e assicurarsi che la Russia tenesse l’iniziativa. Le forze cecene erano state preparate da tempo per un attacco contro la città e l’attacco fu un triste fallimento. I russi hanno sottovalutato la volontà dei ceceni di difendere la loro patria. Il pensiero militare russo si concentra sulla sorpresa, sulla velocità e sul tempo durante il periodo iniziale di guerra (IPW), con l’obiettivo di prendere l’iniziativa strategica e ottenere risultati nel più breve tempo possibile stordendo il nemico, paralizzando la sua volontà e minando la sua capacità di resistere. Nonostante l’iniziativa, l’invasione russa dell’Ucraina non è riuscita a raggiungere questi obiettivi.

Cosa pensa della resistenza dei civili in armi? E di quella dell’esercito ucraino?

Civili e militari stanno combattendo per difendere il loro paese da un’invasione straniera, la loro resistenza è stata strenua.

Zelensky resta a Kiev, rifiutando salvacondotti. Tramite l’uso accorto della comunicazione, è diventato il leader della resistenza. È lui la vera rivelazione? E sta aiutando a cementare la resistenza?

Assolutamente sì, la sua leadership è importante, dando un forte esempio e inviando un chiaro messaggio che il Paese non sarà intimidito.

“Da Putin lo stesso errore dell’URSS di quarant’anni fa” ha dichiarato l’economista, Paul Kennedy. Il Presidente francese Emmanuel Macron parla di conflitto che «durerà» a lungo. Pensi che l’Ucraina possa trasformarsi in un ‘Afghanistan’, in un pantano per Putin? E la lezione afghana è la lezione non imparata da Putin?

Ha il potenziale per esserlo. Se Putin cerca di occupare l’Ucraina, le forze russe continueranno ad affrontare resistenza e un’insurrezione armata, mantenendo il territorio, ma non i “cuori e le menti” della popolazione ucraina.

Cosa è cambiato rispetto all’annessione senza colpo ferire della Crimea nel 2014, con l’uso di militari senza insegna? E in questa guerra in Ucraina, le milizie mercenarie Wagner sono impiegate?

Secondo quanto riferito, gli agenti della Wagner erano tra i “piccoli uomini verdi” che hanno sequestrato la Crimea nel 2014 e poi hanno partecipato al conflitto nell’Ucraina orientale, con gruppi che hanno preso parte alla battaglia per l’aeroporto di Donetsk e all’assalto a Debaltseve, oltre a operazioni e omicidi.

Cosa hanno, invece, insegnato alla Russia le guerre in Cecenia?

Penso che ci siano una serie di lezioni dalle guerre in Cecenia che potenzialmente non sono state ascoltate. Ad esempio, sottovalutando l’avversario, le sfide del combattimento urbano. L’esperienza in Cecenia ha dimostrato un’apparente disprezzo da parte dei comandanti per le lezioni apprese in Afghanistan, il che significa che l’invasione iniziale, lanciata in seguito al fallito intervento delle forze per procura nel novembre 1994, è stata un umiliante fallimento. Nonostante l’esperienza sovietica relativamente recente in Afghanistan contro un avversario che utilizzava tattiche simili, le forze russe non erano preparate per una guerra di contro-insurrezione contro guerriglie altamente armate e motivate e non avevano l’iniziativa contro un avversario che si stava preparando per un intervento militare russo da quando 1991. L’azione russa mancava di credibilità e capacità agli occhi del loro avversario, così come agli occhi della più ampia popolazione interna russa, minando ulteriormente la determinazione e la credibilità di Mosca. Questa è stata la prima guerra televisiva della Russia post-sovietica e le autorità federali hanno perso la guerra di propaganda in una fase molto iniziale della campagna.

Il possibile arrivo di 70mila ceceni sarebbe d’aiuto all’invasione oppure no? Va sottolineato anche che c’è uno scontro anche tra ceceni: da una parte c’è Ramzan Kadyrov, l’attuale sanguinario padrone filo-russo della Cecenia; dall’altra parte, il gruppo “Sheikh Mansour” nemici giurati di Mosca.

Kadyrov afferma che le sue forze si sono già schierate in Ucraina. Il loro dispiegamento sembra in parte mirato a cercare di minare la volontà di resistenza degli ucraini, parte di una guerra informativa/operazione psicologica russa: le forze cecene di Kadyrov hanno una reputazione di brutalità. Tuttavia, i ceceni combattono da diversi anni contro i separatisti filo-russi e i gruppi di milizie a sostegno dell’Ucraina. C’erano almeno due battaglioni composti da ceceni che combattevano per l’Ucraina, secondo quanto riferito su invito di Kiev: il battaglione di pace Dzhokhar Dudayev e il battaglione di pace Sheikh Mansur, entrambi fondati da Isa Munaev, un veterano delle guerre cecene post-sovietiche, che è riportato come affermando che la ‘lotta del popolo ucraino contro la Russia imperiale fa parte della nostra comune lotta per la decolonizzazione del Caucaso”.

Lei ricorda che “sulla scia della guerra con la Georgia, l’ex ministro della Difesa Anatoly Serdyukhov ha avviato un’ambiziosa riforma della difesa”. Come si sono ammodernate le forze militari russe in questi dieci anni?

Hanno subito una significativa modernizzazione dal 2008 con l’obiettivo di creare un esercito più mobile con un focus di spedizione. Le aree chiave includono miglioramenti al comando e al controllo; professionalizzazione delle forze armate, ovvero riducendo il numero dei coscritti e sostituendoli con soldati professionisti o “a contratto”. Tuttavia, i coscritti costituiscono ancora una parte significativa delle forze armate. Più in generale, il ministero della Difesa russo ha lavorato per migliorare il prestigio del servizio militare: uno degli obiettivi chiave della riforma militare del 2008-2011 era aumentare la paga di ufficiali e soldati professionisti. Gli stipendi e i benefici sono migliorati e le misure per ridurre l’evasione alla leva, il suicidio e il bullismo sembrano aver avuto risultati positivi. La più grande riforma è stata un programma decennale di modernizzazione delle armi lanciato nel 2010, inteso a rafforzare le capacità militari russe, gravemente colpite dalla crisi economica degli anni ’90

Lei fai notare che, nella riforma delle forze armate, “particolare attenzione è stata dedicata allo sviluppo di armi a lungo raggio e ad alta precisione. La Russia ritiene che tali armi svolgano un ruolo decisivo nel conflitto contemporaneo, utilizzate per prendere di mira le infrastrutture nazionali critiche di un avversario”. Questo tipo di missili, insieme ai bombardamenti aerei, vengono impiegati anche in Ucraina, ma sembrano avere scarsa efficacia. Perché?

Penso che il loro effetto sia stato sopravvalutato da Mosca, che forse sperava che gli attacchi missilistici avrebbero costretto il governo ucraino a capitolare rapidamente.

Quanto potrà durare l’attacco prima che il morale dell’esercito russo inizi a calare? E per quanto tempo può resistere la resistenza ucraina (civile e militare)?

Queste due domande sono probabilmente facce diverse della stessa medaglia. Più a lungo l’Ucraina riesce a resistere, più il morale delle truppe russe potrebbe risentirne.

L’aspetto ‘psicologico’ della ‘fratellanza’ tra russi e ucraini sta fiaccando l’attacco russo?

Potrebbe esserci un elemento di questo. La campagna di propaganda di Putin prima dell’invasione, indicando la minaccia “fascista”, la necessità di “de-nazificare” l’Ucraina e usando il linguaggio della seconda guerra mondiale, sembra essere un tentativo di rafforzare il sostegno interno all’azione militare.

Dagli Stati Uniti, arriveranno 350 milioni di dollari in nuova assistenza militare all’Ucraina. I Paesi NATO e UE hanno deciso di fornire armamenti a Kiev. È sufficiente? Le sanzioni non bastano a fermare l’invasione?

Le sanzioni prendono di mira la Russia, mentre armi, ecc. sostengono l’Ucraina, obiettivi molto diversi.

Lei scrive: “La differenza della Russia, l’Occidente non ha imparato dal 2008” e che: “L’ intervento russoin Georgia ha dimostrato fino a che punto Mosca era disposta a fare per impedire ai paesi in quella che considera la sua sfera di influenza di integrarsi più strettamente con l’Occidente. L’invasione russa della Georgia ha anche dimostrato l’apparente debolezza dell’Occidente, evidenziando una mancanza di unità”. Cosa si deve rimproverare l’Occidente? Avrebbe potuto evitare la guerra, magari ‘rallentando’ l’adesione ucraina alla NATO, e, secondo te, oggi è più unito rispetto al passato?

Penso che l’invasione russa abbia unito l’Occidente e la NATO in un modo che non è stato finora.

C’è dissenso tra i principali esponenti del regime russo? Putin è in gioco per la sua guida su di lui?

Non è affatto chiaro se ci siano dissensi all’interno del Cremlino e nella cerchia ristretta di Putin.

Oggi la Russia ha allertato il suo sistema di deterrenza nucleare. Si può escludere l’uso di armi nucleari da parte russa?

Il cambiamento nell’allerta nucleare è un avvertimento, Putin segnala cosa potrebbe essere disposto a fare, ma non è lo stesso che voler usare armi nucleari. Forse sta anche cercando di scoraggiare e minare il sostegno della NATO all’Ucraina, sollevando lo spettro delle armi nucleari.

Nella giornata di oggi, è giunta la notizia di negoziati tra Russia e Ucraina domani. Cosa ne pensa?

Sarebbe un passo positivo se si verificassero, ma è probabile che le richieste russe includano l’Ucraina che rimane “neutrale” e si ritira da una più stretta integrazione con l’UE e la NATO, cosa su cui è improbabile che Kiev accetti.

In conclusione, quali previsioni faresti per i prossimi giorni di guerra?

A meno che i colloqui di cessate il fuoco non avranno successo, è probabile che vedremo come nei giorni scorsi i tentativi russi di prendere il controllo delle principali città e l’Ucraina che resisterà.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

emanuele.cuda@lindro.it

End Comment -->