lunedì, Maggio 16

Ucraina: possibile tempesta perfetta in Africa L'esplosiva connessione tra prezzi dei generi alimentari, elezioni e gruppo Wagner in Africa

0

Nonostante i suoi fallimenti sul campo di battaglia, la Russia ha inferto un colpo sorprendente a una parte inaspettata: i mercati alimentari mondiali.
L’invasione russa dell’Ucraina ha sconvolto l’ordine internazionale, innescato sanzioni occidentali senza precedenti, destabilizzato la catena di approvvigionamento globale e minacciato i mercati energetici. L’invasione ha anche accelerato un drammatico aumento del prezzo del cibo in tutto il mondo. I prezzi dei cereali, inclusi grano, riso e mais, sono aumentati del 17,1% a marzo, contribuendo a far raggiungere ai prezzi alimentari il massimo storico sul mercato globale.

Queste maree economiche stanno colpendo l’Africa in particolare. Secondo la Banca africana di sviluppo, «le importazioni di grano rappresentano il 90 percento del commercio africano di 4 miliardi di dollari con la Russia e quasi la metà dei 4,5 miliardi di dollari del continente con l’Ucraina». Ciò ha portato a un aumento del 64 per cento del prezzo del grano nel continente. Inoltre, i due Paesi sono i primi due fornitori di olio di semi di girasole, utilizzato per cucinare in tutto il mondo.
In un continente che sta già attraversando gravi battute d’arresto economiche causate dal COVID-19, l’inflazione dei prezzi alimentari può portare a instabilità politica e sconvolgimenti in Africa. I disordini prolungati, in particolare per le imminenti elezioni, potrebbero causare problemi.
I leader potrebbero cercare di rafforzare la loro legittimità cercando assistenza per la sicurezza esterna da appaltatori militari privati come il Gruppo Wagner, in particolare nei Paesi con imminenti elezioni, come l’Angola, la Repubblica Democratica del Congo, il Kenya e il Sudan.

L’Africa non è estranea alle rivolte per il cibo e ai disordini politici che ne derivano.
Gli esperti hanno collegato la Primavera araba, la serie di sconvolgimenti in Nord Africa e Medio Oriente che hanno portato al cambio di regime o alle proteste in Libia, Yemen, Siria e Tunisia, alle rivolte per il cibo innescate dall’aumento dei prezzi dei generi alimentari nel 2008, in particolare del grano. Nell’Africa subsahariana, l’aumento dei prezzi dei generi alimentari quell’anno è stato collegato alle rivolte in Mozambico, Niger e in molti altri Paesi.
Un altro ciclo di disordini e cambiamenti potrebbe arrivare a causa della guerra in Ucraina.
L’aumento dei prezzi dei generi alimentari arriva in un momento politicamente delicato per diversi Paesi. In Angola e Kenya sono previste per le elezioni presidenziali nel 2022, mentre il Sudan e la Repubblica Democratica del Congoseguiranno nel 2023.
In Angola, il partito MPLA, che è al potere da quando ha ottenuto l’indipendenza nel 1975, cercherà di mantenere il controllo politico nelle elezioni di agosto, poiché le preoccupazioni di un crescente autoritarismo dominano il discorso politico del Paese. La sicurezza alimentare è già una questione creata dal cambiamento climatico, che potrebbe essere un punto di partenza poiché il Presidente Uhuru Kenyatta in Kenya non cerca la rielezione e una nuova ondata di sfidanti compete per sostituirlo.

In Sudan, il governo militare afferma che abbandonerà la politica prima delle elezioni del 2023. Tuttavia, il gruppo Wagner ha già stabilito una presenza in Sudan e potrebbe svolgere un ruolo nelle elezioni del 2023. Il lungo conflitto tra il governo con sede a Kinshasa nella Repubblica Democratica del Congo e gruppi estremisti come le Forze democratiche alleate e la Coopérative pour le développement du Congo rimane una minaccia per un governo stabile. Questo problema di sicurezza, insieme al recente arresto dell’ex consigliere per la sicurezza Francois Beya Kasonga, suggerisce che le tensioni politiche che circondano la rielezione del Presidente Felix Tshisekedi potrebbero ribollire. Le rivolte per il cibo potrebbero sconvolgere lo status quo politico in questi Paesi con le elezioni incombenti.

Questa tendenza preoccupante potrebbe allinearsi con un altro sviluppo problematico: l’espansione del Gruppo Wagner in Africa.
Wagner Group è un appaltatore militare privato con legami con lo stato russo e l’apparato di sicurezza nazionale. Il suo status indipendente consente all’organizzazione di operare con un livello di plausibiledistanza rispetto al Cremlino. Dietro questo offuscamento legale, il gruppo raggiunge spesso obiettivi in linea con gli interessi dello Stato russo.
Il gruppo è intervenuto in Libia, Mozambico, Repubblica Centrafricana, Sudan, Madagascare, più recentemente, in Mali. Wagner svolge programmi di assistenza alla sicurezza, tra cui repressione delle sommosse, assistenza militare contro i gruppi ribelli e programmi di addestramento. Hanno inoltre condotto importanti campagne di disinformazione, spesso sostenendo la propria presenza o sostenendo lo Stato russo in questi Paesi. In cambio dei loro servizi, Wagner riceve spesso diritti e siti di estrazione mineraria e di metalli preziosi. I contributi militari o politici di Wagner spesso hanno un costo elevato, poiché sono stati accusati di aver commesso crimini contro i civili nella Repubblica Centrafricana, in Sudan e altrove. Questi crimini hanno incluso l’uccisione di giornalisti, l’incarcerazione di civili senza motivo e l’intimidazione dei manifestanti.
Il recente successo di Wagner in Mali ha caratterizzato una chiara vittoria politica sulla Francia, partner di assistenza alla sicurezza del Mali negli ultimi dieci anni. Dopo che è diventato chiaro che il gruppo Wagner sarebbe intervenuto in risposta all’insurrezione a lungo termine del Mali, il Presidente Emmanuel Macron ha rimosso le forze francesi nel febbraio 2022. Questo sviluppo segnala a Wagner e ad altri Stati africani che l’assistenza alla sicurezza occidentale è in declino e che Wagner offre un metodoefficienteanche se disumano per risolvere fastidiosi problemi politici e militari in Africa.

Rivolte alimentari, elezioni imminenti e instabilità politica potrebbero creare la tempesta perfetta per un numero maggiore di leader africani per chiedere supporto al gruppo Wagner.

I governi africani che affrontano l’instabilità sui prezzi dei generi alimentari potrebbero essere tentati di rivolgersi al Gruppo Wagner per assistenza alla sicurezza, per contrastare le proteste e per mantenere il potere. I leader dovrebbero pensarci due volte prima di consentire al gruppo Wagner di entrare nei loro Paesi. Sebbene il gruppo Wagner offra vantaggi a breve termine ai leader africani, i loro metodi brutali e la loro economia estrattiva probabilmente delegittimeranno i governi nel tempo. I governi che devono far fronte alle pressioni delle rivolte e delle elezioni per il cibo dovranno considerare i risultati a lungo termine, se dovessero impegnarsi ad assumere il gruppo Wagner. Questi includono violazioni dei diritti umani, campagne militari fallite, potenziali sanzioni occidentali e perdite economiche dovute alle operazioni di estrazione di risorse. Inoltre, i leader dovranno determinare se allinearsi con lo Stato russo durante questo periodo difficile sia un’idea saggia.
Anche il gruppo Wagner e il Cremlino hanno le loro scelte da fare.
I rapporti hanno suggerito che il gruppo Wagner ha schierato alcune forze per sostenere l’invasione russa dell’Ucraina, anche dalla Repubblica Centrafricana. Secondo quanto riferito, l’intelligence militare tedesca ha recentemente intercettato segnali che collegano gli agenti del Gruppo Wagner con crimini di guerra contro civili in Ucraina. Se Wagner ha iniziato a ridistribuire le sue forze in Ucraina, ciò potrebbe rappresentare un allontanamento dall’Africa. Fino a quando non si verificherà un pronunciato spostamento strategico verso l’Europa, Wagner offre un potente strumento di influenza russa in Africa che può aiutare lo Stato russo a costruire relazioni politiche e militari nel continente.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->