sabato, Maggio 21

Ucraina: perché la Russia invia truppe nel Donbass Il riconoscimento e le azioni intraprese subito dopo segnalano una drammatica escalation da parte della Russia. L’analisi di Stefan Wolff, Università di Birmingham, e Tatyana Malyarenko , National University Odesa Law Academy

0

Il riconoscimento da parte di Vladimir Putin dell’indipendenza delle due repubbliche separatiste di Donetsk e Luhansk è seguito a una surreale trasmissione in diretta di una riunione del consiglio di sicurezza al Cremlino. Seduto di fronte al consiglio di 13 membri, Putin ha lusingato e discusso mentre, uno dopo l’altro, i suoi più alti funzionari – tra cui Dmitry Medvedev, ex presidente e primo ministro, e il ministro degli esteri del paese, Sergei Lavrov – sono saliti sul palco per fornire i loro boss con “ragioni” per il riconoscimento formale delle due repubbliche dell’est del Paese come Stati indipendenti.

Ha seguito questa decisione autorizzando le truppe russe ad entrare nelle repubbliche in qualità di “mantenimentodella pace” . È stato anche riferito che i trattati di riconoscimento conferiscono alla Russia il diritto di stabilirvi campi militari.

Incolpando la decisione interamente sull’Ucraina e sui governi occidentali – in primis gli Stati Uniti – che “controllano” l’Ucraina, Putin ha messo in dubbio più di una volta la legittimità stessa dell’esistenza dell’Ucraina come stato-nazione. Ha avanzato un argomento molto simile nel linguaggio a un saggio pubblicato sul sito web del Cremlino nel luglio 2021, sull’unità storica di russi e ucraini .

Putin ha descritto il riconoscimento come un passo decisivo da parte di una vera “grande potenza” che afferma i suoi interessi e protegge le comunità “parenti” vulnerabili. Ma la mossa solleva più domande di quante ne risponda. Il più ovvio tra loro è se questa è la fine della crisi attuale, o almeno l’inizio della sua fine.

Una lettura ottimistica sarebbe che il riconoscimento offre una via d’uscita per tutti. Putin salva la faccia umiliando l’Ucraina e l’Occidente, ma evita la guerra su vasta scala e i costi umani ed economici che imporrebbero alla Russia.

Se prendi questo alla lettera – che Putin è interessato solo a proteggere i diritti delle due repubbliche filo-russe – allora accettare il riconoscimento risparmierebbe all’Ucraina un importante confronto militare con la Russia. Significherebbe anche che Kiev eviterebbe le difficoltà politiche interne e i costi socioeconomici che un’attuazione dell’accordo di Minsk del 2015, profondamente impopolare , significherebbe per il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyi e il suo governo.

Come in Georgia dopo l’invasione del 2008 – e con la Crimea dopo l’annessione alla Russia nel 2014 – il riconoscimento potrebbe portare a una graduale stabilizzazione delle regioni. Nessuna delle parti deve più discutere sull’attuazione dell’accordo di Minsk . Lo stallo raggiunto in questo processo non costituirebbe più fonte di tensione e recriminazione reciproca.

Ma questo è un presupposto molto ottimista. Sarebbe una lettura errata del momento forse più pericoloso della sicurezza europea e mondiale dalla fine della guerra fredda.

Non importa quanto disperatamente si possa desiderare un rivestimento d’argento nella situazione attuale, resta il fatto che il riconoscimento da parte della Russia delle due repubbliche separatiste è l’ennesima grave violazione del diritto internazionale. Le sanzioni occidentali sono ora in fase di introduzione e possono includere misure complete e più punitive. I precedenti disaccordi tra UE, USA e Regno Unitosull’entità delle sanzioni sembrano essere stati superati.

Le azioni russe hanno, se non altro, rafforzato la determinazione occidentale, come risulta dalle risposte immediate di paesi come Regno Unito e Germania , che hanno annunciato che non certificheranno il gasdotto russo Nord Stream 2.

Pericoloso nuovo inizio?

L’attuale crisi è qualcosa di più dello status di “certe aree delle regioni di Donetsk e Luhansk”, come i territori sono indicati nell’accordo di Minsk . Non risolve le più ampie tensioni tra Russia e Occidente sul futuro ordine di sicurezza europeo.

È ovvio che Putin si è convinto che il continuo status di Donetsk e Luhansk come stati de facto all’interno dell’Ucraina – e quindi come strumento di influenza sull’Ucraina e, per estensione, sui suoi partner occidentali – avesse cessato di servire gli scopi della Russia. Ma il suo discorso televisivo di un’ora ha dato pochi motivi di ottimismo sul fatto che il loro riconoscimento abbia posto fine alla “questione ucraina”.

Significativamente, il discorso di Putin si è concentrato molto più sui problemi più ampi delle relazioni russo-ucraine che sul problema delle due repubbliche del Donbas. Il presidente russo ha ribadito un’agenda molto più ampia che lega chiaramente la situazione in Ucraina alla sua sfida globale all’ordine internazionale. Vale la pena esaminare più da vicino vari frammenti a questo proposito.

Secondo Putin, l’Ucraina – come risultato del disegno dei confini sovietici negli anni ’20, ’40 e ’50 – è diventata un costrutto territoriale “artificiale”. Dopo il crollo dell’URSS, si è conclusa con “territori storicamente russi” abitati da etnia russa i cui diritti sono stati violati nell’Ucraina contemporanea.

Putin ha anche affermato che queste violazioni sono state in gran parte dovute al fatto che l’Ucraina è uno stato fallito in cui le decisioni vengono prese da autorità corrotte che sono sotto il controllo delle “capitali occidentali”. Ma, cosa forse più importante, ha ripetuto che l’Ucraina, avvicinandosi alla Nato, ha già creato minacce alla Russia, alle quali la Russia deve rispondere.

Insieme alla firma e all’immediata ratifica dei ” trattati di amicizia ” tra la Russia e le repubbliche separatiste ora riconosciute e alla decisione di spostare le truppe russe nelle repubbliche di recente riconoscimento, il discorso di riconoscimento di Putin e il suo tono rendono molto più probabile, quindi, che questo è al massimo un breve intermezzo in una crisi continua e sempre più profonda.

Più realisticamente, il riconoscimento e le azioni intraprese subito dopo segnalano una drammatica escalation da parte della Russia. Il percorso di Putin dal 2008 non dovrebbe lasciare nessuno in dubbio sul fatto che questa crisi è tutt’altro che finita.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.
End Comment -->