lunedì, Agosto 15

Ucraina: per quanto tempo il Medio Oriente può camminare sul filo del rasoio? La domanda non è se, ma quando le conseguenze del conflitto ucraino arriveranno alle porte di diversi Stati mediorientali

0

Per ora, l’Ucraina è uno spettacolo lontano per la maggior parte delle nazioni del Medio Oriente. La domanda non è se, ma quando l’Ucraina arriverà alle loro porte.

Due forze centrifughe minacciano di spingere le nazioni mediorientali fuori dal filo del rasoio: un mondo sempre più bipolare popolato da una moltitudine di leader civilizzazionisti in cui “tu sei con noi o contro di noi” e un bisogno crescente di coerenza nell’applicazione da parte degli Stati Uniti e dell’Europa delle diritto e rispetto delle norme sui diritti umani e politici.

Non ci vorrebbe molto per far perdere l’equilibrio a chi sta a cavallo.

L’amministrazione Biden sta valutando l’invio di forze speciali a guardia dell’ambasciata americana appena popolata a Kiev. Cosa succede se le forze russe colpiscono l’ambasciata proprio come le forze statunitensi hanno bombardato la missione cinese a Belgrado nel 1999?

A quel tempo, la Cina non ha risposto militarmente, ma non stava sostenendo nessuna parte nelle guerre nell’ex Jugoslavia in modi in cui gli Stati Uniti ei loro alleati stanno assistendo l’Ucraina.

Allo stesso modo, esiste il rischio di escalation se gli Stati Uniti, la NATO o singoli paesi europei decidono di addestrare le forze ucraine sul suolo ucraino e vengono attaccati dalla Russia.

A dire il vero, la Russia, come la NATO, non vuole che la guerra si espanda in uno scontro diretto, ma non ci vorrebbe molto perché gli eventi sfuggano al controllo.

Allo stesso modo, le opzioni degli Stati del Golfo potrebbero restringersi se i colloqui a Vienna non riusciranno a rilanciare l’accordo internazionale del 2015 che ha frenato il programma nucleare iraniano.

Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e l’Iran hanno entrambi tentato senza successo di utilizzare i colloqui per raggiungere obiettivi oltre l’accordo originale, dal quale l’allora presidente Donald J. Trump si è ritirato nel 2018.

“Non abbiamo un accordo… e le prospettive di raggiungerlo sono, nella migliore delle ipotesi, deboli”, ha detto questa settimana alla commissione per le relazioni estere del Senato Robert Malley, l’inviato speciale di Biden per l’Iran.

La dichiarazione di Malley è arrivata quando una guerra segreta tra Israele e Iran sembrava intensificarsi e i funzionari statunitensi stavano cercando di riparare le relazioni con l’Arabia Saudita, forse aprendo la strada a una visita nel Regno di Biden.

Secondo quanto riferito, Israele ha informato l’amministrazione Biden di essere responsabile della recente uccisione a Teheran di un colonnello del Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane (IRGC). Nessuno ha ufficialmente rivendicato la responsabilità della sparatoria.

Allo stesso modo, un attacco di droni ha preso di mira un sito militare altamente sensibile fuori Teheran, dove l’Iran sviluppa tecnologia missilistica, nucleare e droni. I droni sono esplosi in un edificio utilizzato dal ministero della Difesa iraniano per la ricerca sullo sviluppo di droni.

Un funzionario saudita ha osservato che l’Arabia Saudita e l’Iran non avevano programmato un sesto round di colloqui per risolvere le divergenze che hanno contribuito a destabilizzare il Medio Oriente perché gli scambi avevano fatto progressi “non sufficienti”.

Le relazioni tra gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita sono state fredde da quando Biden ha definito l’Arabia Saudita uno stato paria durante la sua campagna elettorale presidenziale. Da allora ha effettivamente boicottato Bin Salman a causa del presunto coinvolgimento del principe ereditario nell’uccisione nel 2018 del giornalista Jamal Khashoggi nel consolato saudita a Istanbul.

Bin Salman ha negato qualsiasi coinvolgimento, ma ha affermato di aver accettato la responsabilità dell’omicidio come sovrano de facto dell’Arabia Saudita.

Come risultato del battibecco, Bin Salman ha respinto le richieste degli Stati Uniti affinché il regno aumentasse la produzione di petrolio per abbassare i prezzi e le pressioni inflazionistiche e aiutare l’Europa a ridurre la sua dipendenza dall’energia russa.

In tal modo, l’Arabia Saudita sta giocando con gli Stati Uniti lo stesso gioco in cui è impegnata la Turchia all’interno della NATO. Entrambi vogliono capitalizzare le esigenze degli Stati Uniti per il sostegno dell’Ucraina senza rischiare le relazioni con Washington e, nel caso della Turchia, le garanzie di sicurezza della NATO.

La Turchia ha posto delle condizioni all’adesione di Svezia e Finlandia alla NATO, ma alla fine vuole che gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea sviluppino una strategia per il Mar Nero che abbia la Turchia al centro. La Turchia è effettivamente lasciata a se stessa senza essere inserita in un approccio regionale più ampio.

Un fallimento nel rilanciare l’accordo nucleare iraniano probabilmente porterebbe a casa che Paesi come l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti non hanno che gli Stati Uniti dove andare quando cercano garanzie per la loro sicurezza.

La Cina non è disposta e non è in grado di sostituire gli Stati Uniti come garante della sicurezza e la Russia si è tolta dall’equazione.

La finestra di opportunità degli Stati Uniti e dell’Europa per includere i diritti umani e politici in modo significativo nelle sue discussioni potrebbe essere mentre la Cina mantiene la sua posizione attuale.

Se il World Economic Forum di questa settimana a Davos è stato indicativo, gli Stati Uniti e l’Europa non si avvarranno dell’opportunità. Mostrando fiducia, l’Arabia Saudita, sostenuta dall’impennata dei prezzi del petrolio, ha conquistato le luci della ribalta come terra di opportunità economiche in un mondo martoriato da inflazione, carenza di cibo e problemi di cambiamento dell’offerta.

“Biden dovrebbe usare incentivi positivi per alterare il comportamento repressivo del principe ereditario.

MBS, guidato dall’interesse personale, accoglierebbe le richieste degli Stati Uniti sui diritti umani se accompagnato da incentivi e privo di umiliazione”, ha affermato Khalid Aljabri, imprenditore e cardiologo high tech con sede negli Stati Uniti. Due fratelli di Aljabri, che si riferiva a Bin Salman con le sue iniziali, sono stati detenuti nel regno.

A seguito degli attacchi di missili e droni da parte dei ribelli Houthi all’inizio di quest’anno, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti hanno cercato accordi di difesa bilaterali scritti rafforzati con gli Stati Uniti, se non un trattato formale.

Due dei consiglieri senior di Biden hanno visitato l’Arabia Saudita questa settimana per discutere di petrolio, Iran e sicurezza, incluso il completamento del trasferimento di due isole strategiche – Tiran e Sanafir – nel Mar Rosso dalla sovranità egiziana a quella saudita con il consenso israeliano.

I funzionari statunitensi erano attesi nei giorni seguenti a Washington per informare il consigliere per la sicurezza nazionale israeliana Eyal Hulata sulle loro discussioni nel regno.

Curiosamente, i media israeliani hanno riferito di recenti incontri segreti tra funzionari israeliani e sauditi incentrati su questioni di sicurezza, incluso l’Iran.

Come gli Stati del Golfo, Israele ha effettivamente visto le sue opzioni di copertura restringersi a causa della crisi ucraina, ma è stato meno in pericolo rispetto agli Stati del Golfo.

Tuttavia, in ultima analisi, gli stati mediorientali si rendono conto che gli Stati Uniti, nelle parole dell’ex direttore della Casa Bianca per il Golfo, Kirsten Fontenrose, “possono ancora costruire facilmente coalizioni globali quando necessario. Anche se la Russia sarà radioattiva, sarà più un paria predatore che un partner”.

Fontenrose ha avvertito che “sarebbe sciocco per nazioni che in precedenza avevano relazioni vantaggiose con la Russia attirare quella ‘radioattività’ su se stesse ora, nell’ordine mondiale emergente in cui la Russia non è la potenza unipolare che sperava di diventare, ma invece una scommessa fallita. ”

Questo potrebbe essere vero per la Russia e, in definitiva, un gioco da ragazzi per gli Stati del Medio Oriente una volta che hanno sfruttato le opportunità per quello che valgono.

Potrebbe essere del tutto diverso se le relazioni tra Stati Uniti e Cina dovessero deteriorarsi nella misura in cui hanno tra Washington e Mosca. Ciò potrebbe essere ancora più vero se gli Stati Uniti continuano a essere visti come selettivi e ipocriti nella loro adesione ai diritti umani in patria e all’estero.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

James M. Dorsey è senior fellow presso la S. Rajaratnam School of International Studies presso la Nanyang Technological University di Singapore, editorialista sindacato e autore del blog The Turbulent World of Middle East Soccer. In qualità di corrispondente estero, Dorsey si concentra sul cambiamento politico e sociale in Medio Oriente e Nord Africa, sull'impatto del cambiamento in Medio Oriente e Nord Africa sull'Asia sudorientale e centrale e sul nesso di sport, politica e società in Medio Oriente e Nord Africa e Asia.

End Comment -->