lunedì, Maggio 16

Ucraina: per l’India il non allineamento è sinonimo di astensione Il voto in Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla risoluzione che condanna l’invasione russa, analizzato da Crisis Group

0

Il 2 marzo, 7° giorno di guerra in Ucraina, nel corso di una sessione straordinaria, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato a stragrande maggioranza una risoluzione che condanna l’invasione russa.
141 Stati membri delle Nazioni Unite hanno votato a favore della risoluzione, 5 contro, 35 astenuti.

Il voto ha certificato come la maggior parte del mondo sia schierato contro l’azione della Russia, come sia improvvisamente cambiato il mood della geopolitica nei confronti di Mosca.
«È stata una squillante denuncia globale da parte del mondo contro la Russia», ha commentato ‘CNN.
Eppure, proprio questa quasi unanimità, questo voto schiacciante, ha evidenziato divisioni degne di nota tra gli Stati membri delle Nazioni Unite su come rispondere alla crisi. Cosa spiega le differenze negli atteggiamenti regionali e nazionali nei confronti della crisi ucraina?
Crisis Group -l’organizzazione indipendente e transnazionale, che svolge attività di ricerca sul campo in materia di conflitti violenti e avanza politiche per prevenire, mitigare o risolvere i conflitti- attraverso una serie di studi-Paese, ha cercato di evidenziare i fattori politici interni,geopolitici, economici, di sicurezza che determinano le singole diverse posizioni e che dunque hanno determinato il voto in sede di plenaria ONU.

Di seguito l’analisi Crisis Group della posizione dell’India, che alla risoluzione si è astenuta.

«Quando la Russia ha invaso l’Ucraina, l’India è stata subito sotto i riflettori come un amico consequenziale di Mosca e un Paese tradizionalmente desideroso di presentarsi come la più grande democrazia del mondo e un sostenitore della pace. Gli Stati Uniti e i Paesi europei hanno fatto pressioni sull’India affinché non si schierasse con Mosca e l’ambasciatore ucraino a Nuova Delhi ha chiesto all’India di interrompere il suo sostegno politico alla Russia. Eppure, sotto il primo ministro Narendra Modi, l’India ha risposto all’invasione con il schietto realismo di una potenza emergente e ambiziosa che non vuole rimanere intrappolata tra la Russia e quello che Modi chiama ilgruppo NATO. L’India ha scelto il percorso del non allineamento ben battuto e si è nascosta dietro un linguaggio diplomatico con un’inclinazione non così sottile verso la Russia. Ciò ha incluso l’astensione più volte sui voti del Consiglio di Sicurezza sulle sanzioni -l’India è attualmente un membro eletto del Consiglio- e anche l’astensione dal voto dell’Assemblea Generale per condannare l’attacco della Russia.

India e Russia condividono un partenariato strategico speciale e privilegiato che risale alla Guerra Fredda. Al centro c’è lacooperazione tecnico-militare‘, che ha portato oltre il 60% delle armi e dei sistemi di difesa dell’India a essere di origine russa. Il ministro degli Esteri S. Jaishankar ha indicato il sentimento pubblico positivo nei confronti della Russia e la ‘comprensione geopolitica’ tra gli Stati come alla base delle relazioni. Esperti indiani influenti hanno generalmente sostenuto la riluttanza di Nuova Delhi a opporsi all’invasione per tutti questi motivi.

L’India dipende dalla Russia anche per controbilanciare la Cina, che è diventata la sua principale preoccupazione per la sicurezza e la politica estera, soprattutto viste le sue tensioni al confine irrisolte con Pechino. Con il Pakistan, il principale rivale dell’India, già vicino alla Cina e vicino alla Russia, il peggior timore dell’India è che Cina, Pakistan e Russia si uniscano. Nel 2018,Nuova Delhi ha firmato un accordo del valore di 5,43 miliardi di dollari con Mosca per l’acquisto del sistema missilistico S-400 , con l’obiettivo principale di scoraggiare Cina e Pakistan. L’accordo è diventato una cartina di tornasole per le relazioni tra India e Stati Uniti perché il sistema invita a sanzioni ai sensi del Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA). Desideroso di abbracciare l’India come contrappeso alla Cina e pilastro della sua strategia indo-pacifica, Washington sembrava accettare che la sua divergenza con Nuova Delhi sulla Russia non dovesse vincolare le relazioni bilaterali come ha fatto durante la Guerra Fredda e non ha ancora deciso se applicare o rinunciare alle sanzioni.

L’India è diventata abile nel bilanciare le sue relazioni con grandi potenze come Stati Uniti, Cina e Russia. Fa parte del Quad, che comprende Stati Uniti, Giappone e Australia, ma è anche membro di raggruppamenti come l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai guidata da Cina e Russia. Ha anche una relazione trilaterale con Stati Uniti e Giappone e un’altra con Russia e Cina. Gli Stati Uniti hanno espresso la loro comprensione che Mosca fa parte della strategia cinese dell’India così come Nuova Delhi fa parte della sua strategia cinese. Resta da vedere fino a che punto tale intesa si manterrà sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina.
L’India non sembra preoccupata per le sfide diplomatiche legate all’invasione russa e finora si è concentrata sull’evacuazione di quasi 20.000 studenti indiani per prendersi cura della sua ottica domestica. Ma Nuova Delhi non sarà in grado di ignorare le sfide strategiche che la guerra in Ucraina e le sue ricadute potrebbero portare. Queste includono le ricadute economiche negative delle sanzioni sulla Russia e il potenziale per un ulteriore approfondimento delle relazioni Russia-Cina. I numerosi accordi e progetti dell’India con la Russia saranno ora in pericolo e l’attenzione degli Stati Uniti e dell’Occidente sarà ora divisa tra Russia e Cina, lasciando meno spazio alla considerazione degli interessi dell’India».

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->