venerdì, Maggio 20

Ucraina: non si può non volere la sconfitta di Putin Ecco perché l'Occidente ha un chiaro interesse nella sconfitta di Putin e nel potenziare le sue forniture di armi all'Ucraina, le cui forze armate hanno mostrato la loro determinazione a combattere

0

La maggior parte dei più realisti in politica estera continua a sostenere la cautela sull’Ucraina. Questo approccio è radicato nell’argomento del tutto sensato secondo cui un confronto diretto tra Russia e NATO potrebbe degenerare in una guerra nucleare. Tuttavia, è altrettanto importante riconoscere che l’Occidente ha un chiaro interesse nella sconfitta di Putin e nel potenziare le sue forniture di armi all’Ucraina, le cui forze armate hanno mostrato la loro determinazione a combattere.

Durante i primi due mesi di guerra, il realismo ha plasmato la reazione internazionale all’invasione della Russia. I realisti, per fortuna, hanno vinto la discussione all’interno della NATO su proposte pericolose come una no-fly zone sull’Ucraina o stivali sul terreno, che avrebbero probabilmente portato l’alleanza in conflitto diretto con la Russia. I realisti hanno anche giustamente sottolineato che l’obiettivo principale dell’Occidente non dovrebbe essere il cambio di regime in Russia.

Al contrario, gli esperti realisti sono stati spesso vaghi sul loro sostegno all’Ucraina e soprattutto sulla questione se ritengano opportuno potenziare le consegne di armi. Gli argomenti comuni favoriti dai realisti della politica estera includono la necessità di una pace negoziata per evitare l’ulteriore degenerazione della Russia in uno stato canaglia dipendente dalla Cina; la necessità di concessioni da parte della NATO riguardo allo status neutrale dell’Ucraina; l’opportunità di un compromesso sulla Crimea e sul Donbas per dare alla Russia una via d’uscita  necessaria per la sua avventura militare; e avvertimenti contro l’eccessiva sollecitazione reagendo all’indignazione popolare.

L’enfasi realista su una qualche forma di accordo di compromesso riflette un ingiustificato grado di fatalismo riguardo alla capacità dell’Ucraina di sconfiggere militarmente la Russia. Tale pensiero presuppone fondamentalmente che l’Ucraina sia la parte più debole che alla fine non ha altra scelta che cedere alla Russia o subire un’ulteriore aggressione.

In realtà, l’Ucraina ha superato le aspettative di quasi tutti negli ultimi due mesi in termini di capacità e volontà del Paese di difendersi. La maggior parte degli osservatori prevedeva che l’invasione di Putin si sarebbe conclusa con un rapido successo, ma l’esercito ucraino ha vinto la battaglia per Kiev e ha costretto la Russia a ritirarsi dal nord del Paese.

Allo stesso tempo, la rinnovata offensiva russa nell’Ucraina orientale è una forte indicazione del fatto che il Cremlino rimane impegnato ad accaparrarsi quanta più terra ucraina possibile ed è disinteressato a qualsiasi tipo di compromesso di pace. In effetti, le ostilità attuali potrebbero non finire con un accordo negoziato come molti realisti desiderano, ma con un nuovo enorme conflitto congelato determinato dall’esito sul campo di battaglia.

È giunto il momento per i più realisti di ripensare alla loro moderazione e adottare una comprensione del conflitto che rifletta meglio lo spirito combattivo della nazione ucraina e gli interessi che spingono i Paesi occidentali a sostenere l’Ucraina. L’Occidente non ha in gioco interessi vitali che richiederebbero la morte per l’Ucraina, ma ha interessi sufficientemente significativi da potenziare la consegna di armi che potrebbero rivelarsi decisive sul campo di battaglia.

La NATO e l’Occidente hanno un inconfondibile interesse a fermare l’ulteriore controllo della Russia sul Mar Nero e ad indebolire la capacità complessiva di Mosca di fare la guerra, anche se potrebbe essere diplomaticamente saggio non dirlo pubblicamente. Inoltre, l’aggressione non provocata della Russia e le atrocità diffuse contro i civili ucraini suscitano nell’Occidente un forte imperativo morale di aiutare l’Ucraina nella sua lotta per l’indipendenza e la sopravvivenza.

Il realismo è più credibile per la condotta della politica estera quando riconosce che gli interessi non possono mai essere completamente separati dai valori. La Russia ha chiaramente attraversato il Rubicone del dopo Guerra Fredda con la sua invasione dell’Ucraina. Dal 24 febbraio è diventato impossibile per l’Occidente rimanere fedele a se stesso pur continuando con le politiche di impegno prebelliche. Allo stesso modo, l’Occidente non può permettere la sconfitta dell’Ucraina esitando a fornire le armi necessarie.

C’è una crescente chiarezza nelle capitali occidentali sull’importanza del successo militare dell’Ucraina. Ciò è evidente nelle decisione riguardo la fornitura di armi pesanti, tra cui il schiacciante voto del Bundestag tedesco della scorsa settimana, la consegna polacca di oltre 200 carri armati, gli impegni francesi per la fornitura di artiglieria e molto altro. Il recente disegno di legge Lend-Lease degli Stati Uniti e la conferenza di Ramstein hanno sottolineato questo crescente impegno a mantenere un flusso continuo di armi pesanti verso l’Ucraina per tutto il tempo necessario.

Queste politiche non sono prive di rischi. In effetti, la Russia ha minacciato in diverse occasioni di prendere di mira i convogli di armi occidentali. Tuttavia, non c’è nulla che suggerisca che Mosca oserebbe lanciare qualsiasi attacco sul territorio della NATO perché ciò probabilmente innescherebbe una risposta diretta della NATO. Mentre è prevedibile la spavalderia del Cremlino, la Russia non vuole rischiare una guerra con la NATO. In questo senso, l’Ucraina segue lo schema della guerra limitata nell’era nucleare, dove le grandi potenze cercano di limitare le ostilità armate a un territorio.

Ci sono limiti a ciò che l’Ucraina può realisticamente sperare di ottenere militarmente contro la Russia. Kiev potrebbe non essere mai in grado di liberare la Crimea o le repubbliche separatiste nell’Ucraina orientale. Per la propria sopravvivenza, il regime di Putin potrebbe essere disposto a difendere questi territori dichiarando una mobilitazione generale o minacciando l’uso di armi nucleari. Tuttavia, l’Ucraina avrà quasi certamente bisogno di ulteriori forniture di armi pesanti per liberare le regioni occupate di recente nel sud del Paese.

Guardando al futuro, la NATO dovrebbe certamente continuare ad astenersi da un ruolo di combattimento diretto in Ucraina. Tuttavia, i leader occidentali non dovrebbero aver paura di fornire all’Ucraina le armi convenzionali di cui ha bisogno per vincere una battaglia in cui l’Occidente ha un interesse significativo.

Gli sviluppi durante i primi due mesi di guerra suggeriscono che l’Ucraina può sconfiggere la Russia sul campo di battaglia se riceve armi sufficienti dai suoi partner internazionali. È altrettanto evidente che la Russia in questa fase non ha alcun desiderio di porre fine al conflitto o di entrare in una pace negoziata. Riconoscendo questo, anche i più realisti dovrebbero essere più audaci su ciò che l’Occidente può fare per negare la vittoria di Putin e punire la Russia per la sua aggressione non provocata.

 

 

 

 

 

La versione originale di questo intervento è qui.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

Henrik Larsen è ricercatore senior presso il Center for Security Studies del Politecnico federale di Zurigo.

End Comment -->