giovedì, Maggio 19

Ucraina: niente guerra oggi, e probabilmente neanche in futuro Sembra che tutti gli attori chiave della crisi ne stiano facendo buon uso. Ecco perché

0

Riportiamo la traduzione dell’analisi ‘Ukraine – no war today, and probably none in future’ che, pubblicata da ‘Intellinews’ a firma di Gav Don, spiega chi sta usando e con quali altri scopi la crisi ucraina.

***

La crisi ucraina si avvicina al suo primo compleanno: il 1° esercito di carri armati della guardia ‘si è fermato’ per la prima volta a 250 km a nord del confine ucraino nell’aprile 2021, scatenando quello che è stato un lungo e stridente coro di allarmi di invasione. Ad aprile ho scritto un’analisi delle opzioni della Russia e della probabile linea d’azione qui, che misurava la probabilità di un’invasione a zero’. Finora, è stato bello avere ragione, anche se piuttosto solo.

I media mainstream hanno costantemente gridato che l’invasione è imminente e hanno saldamente ancorato quella minaccia nella mente della massa secondo cui le formazioni di truppe russe sono allineate al confine dell’Ucraina in attesa del segnale di ‘via’. Al contrario, i fatti sono che le truppe russe sono di stanza a circa 450 km di treno dal confine, sono in formazione di ‘campi’, con attrezzature parcheggiate in file regolari come le auto fuori da un supermercato e con personale che ruota da e verso le loro normali basi.

Mosca ha ripetutamente e fermamente affermato che non invaderà l’Ucraina. L’opinione pubblica russa è fermamente contraria all’invasione dell’Ucraina. Anche l’opinione pubblica ucraina è in gran parte del parere che un’invasione non avrà luogo. Anche lo stesso Presidente Zelenskiy questa settimana ha dichiarato che “non c’è motivo di farsi prendere dal panico” e ha descritto un’invasione come “per niente imminente”.

Il Segretario del Consiglio di sicurezza ucraino Danilov ha fatto eco al suo Presidente, dicendo che non poteva vedere alcuna prova di un’imminente invasione russa, e ha detto al servizio ucraino della BBC che crede che la crisi sia un prodotto della pressione politica interna in Occidente.

Infine, ieri il Segretario alla Difesa ucraino ha affermato di non avere alcuna informazione, il che implica un’invasione. Ha continuato rifiutando esplicitamente un rapporto del Regno Unito secondo cui le forze russe si erano formate in 60 ‘gruppi d’attacco’ per un’invasione dell’Ucraina – un rapporto che sembra derivare dall’incapacità di Boris Johnson di distinguere tra un gruppo d’attacco e un normale gruppo tattico di battaglione – il nome moderno e alla moda per un buon vecchio battaglione di fanteria.

Questi messaggi cominciano a penetrare sulle scrivanie dei leader di Germania, Francia e Italia. Il cancelliere Scholz ha impedito alla Germania di fornire armi o munizioni all’Ucraina, ha effettivamente posto il veto a un piano per isolare la Russia dal sistema di messaggistica di trasferimento bancario sicuro SWIFT e ha inviato messaggi di distensione a est.

Il Presidente Macron, nel frattempo, sta pubblicamente spingendo Kiev affinché inizi a adempiere agli obblighi legali assunti in base all’accordo di Minsk, insistendo sull’uso del formato Normandy Four come forum in cui farli avanzare. L’esecuzione dell’accordo di Minsk porterà inevitabilmente all’autonomia legalizzata per le oblast’ di Luhansk e Donet in Ucraina, motivo per cui Kiev si è finora rifiutata di agire in base a tale accordo.

E come se quelle azioni da colomba non bastassero, il mese scorso il Premier Draghi ha dichiarato in conferenza stampa che c’era poco che l’Europa potesse fare per aiutare l’Ucraina, militarmente o economicamente, e che dovrebbe semplicemente mantenere “uno stato di impegno” con Mosca.

In contrasto con queste posizioni rilassate e non conflittuali, il club anglofono ha aumentato sia il volume che la quantità delle sue allarmi; dal richiamo del personale dell’ambasciata e delle famiglie da Kiev, attraverso la fornitura di grandi quantità di missili e lanciatori Javelin all’Ucraina da parte del Regno Unito, al dispiegamento in avanti di una manciata di aerei e navi da guerra in prima linea e (ieri) a un notifica del Pentagono che riduce da dieci giorni a cinque l’avviso di schieramento di due brigate di truppe statunitensi.

Queste mosse simboliche anglofone sono state accompagnate da un flusso di retorica isterica, condita con un ‘complotto’ russo inventato per istituire un politico ucraino sconosciuto come presidente fantoccio dopo un’invasione di successo – un complotto descritto da Sir Tony Brenton, ex ambasciatore del Regno Unito a Mosca, come “… mal provveduto, internamente contraddittorio e francamente non plausibile”.

In sintesi, abbiamo un quadro in cui un braccio dei membri della Nato – gli europei continentali – si sta dirigendo in una direzione, mentre l’altro – gli anglofoni – si sta dirigendo nella direzione opposta. A parte il sentimento di soddisfazione che deve essere prevalente nell’ufficio del Presidente Putin per questo risultato (previsto), la domanda interessante qui è ‘perché’? Perché i membri anglofoni della Nato stanno lavorando così duramente per persuadere le popolazioni dell’Europa e degli Stati Uniti che la Russia intende invadere l’Ucraina?

Siamo costretti a speculare, ma si possono vedere alcuni dati probatori. A Washington, l’amministrazione del Presidente Biden sta subendo una grave perdita di credibilità e sostegno popolare, in parte a causa dell’umiliazione del ritiro afghano (e in piccola parte a causa del suo evidente declino cognitivo).

Biden ha un disperato bisogno (a) di sembrare duro e (b) di ottenere una vittoria decisa per la squadra USA contro Russia o Cina. Un modo per sembrare duro contro la Russia è portare il popolo americano a credere che la Russia stia davvero progettando di invadere l’Ucraina, e quindi fermare quel piano sui suoi passi esercitando il potere degli Stati Uniti.

Se la Casa Bianca è giunta alla mia stessa conclusione – che Putin non ha intenzione di invadere – allora diventa abbastanza razionale aumentare la minaccia a livelli isterici, permettere agli eventi di fare il loro corso (nessuna invasione) e quindi per rivendicare il merito di un’operazione di deterrenza riuscita.

Anche la politica statunitense è, sempre, influenzata dal profitto. Le aziende statunitensi hanno costruito una lunga serie di impianti di liquefazione per esportare metano liquido liquefatto ai consumatori di tutto il mondo. Attualmente l’EIA stima che la capacità totale di esportazione degli Stati Uniti sia nella regione di 140-150 miliardi di metri cubi all’anno. L’intenzione originale era quella di rifornire gli acquirenti asiatici: l’Europa è sempre stata vista come un piccolo mercato potenziale poiché può acquistare gas a buon mercato in grandi quantità da Russia, Algeria, Norvegia, Regno Unito e Danimarca.

Ma mettere l’Europa in contrasto con la Russia sconvolge una gamba di quella minaccia competitiva e potenzialmente apre la porta a forniture su larga scala di GNL dagli Stati Uniti, a prezzi finali altamente redditizi e con viaggi molto più brevi (e più redditizi) dal Golfo del Messico. I volumi di produzione disponibili sono molto rilevanti nel contesto della domanda di importazione di gas in Europa, anche se con l’inconveniente che una singola grande nave GNL può consegnare solo circa 0,1 miliardi di metri cubi per viaggio, creando colli di bottiglia sia nella disponibilità della nave che nei terminali di gassificazione. I margini offerti fanno venire l’acquolina in bocca. Il tight gas statunitense lascia il suo treno di liquefazione a circa $ 8 per mmBtu, mentre in Europa il gas è attualmente venduto all’ingrosso a circa $ 30 per mmBtu e ha toccato $ 38 alla fine del 2021. Se i produttori statunitensi fornissero solo 50 miliardi di metri cubi di gas europeo e se i prezzi all’ingrosso si moderassero di un terzo, a $ 20 per mmBtu, l’utile netto offerto sarebbe di circa $ 1 miliardo al mese.

A Londra l’agenda è probabilmente più personale. Qui il Primo Ministro sta lottando per la sua vita politica con l’accusa di ipocrisia e di aver mentito apertamente sul fatto che Downing Street abbia seguito le proprie rigide regole sull’infezione da coronavirus (COVID-19) nel 2020. Pochi al di fuori del Parlamento credono alla narrativa di Johnson.

All’interno del Parlamento solo 100 dei 358 membri conservatori della Camera dei Comuni hanno firmato una lettera di sostegno per Johnson (e va ricordato che circa 100 membri dei Comuni sono anche membri del governo in qualsiasi momento). Le possibilità di Johnson di sopravvivere come leader e primo ministro si basano su due circostanze: la sua capacità di vincere future elezioni e il fatto che la Nato è in crisi per il futuro dell’Ucraina. L’argomentazione della leadership nei confronti dei parlamentari è in parte che sarebbe altamente pericoloso essere senza leader in un momento in cui il Regno Unito potrebbe trovarsi in guerra.

È quindi fermamente nell’interesse di Downing Street gonfiare al massimo i rischi di un grande conflitto, pur sapendo (come fa Washington) che in seguito potrà rivendicare una deterrenza di successo, il cui merito andrà a… Johnson.

La Casa Bianca e Downing Street non sono le uniche beneficiarie dell’isteria. Seduta in silenzio sullo sfondo per tutto questo tempo è stata la Commissione europea. Qui l’agenda sottostante deriva dagli articoli 25 e 26 del Trattato di Lisbona. L’articolo 25 prevede che l’UE abbia una politica estera e di sicurezza comune e l’articolo 26 che gli Stati membri (non possano) darle attuazione sotto la direzione dell’Alto Rappresentante (il Segretario di Stato dell’UE).

Finora, gli Stati membri dell’UE hanno completamente ignorato entrambi gli articoli, ma la Commissione gioca a lungo. Affinché gli articoli acquisiscano forza vitale, è necessario che l’influenza della Nato (inquinata secondo la Commissione dal peso militare relativo dei tre stati anglofoni) diminuisca. Perché ciò accada, la Nato deve essere vista come un fallimento in qualche modo materiale e critico.

La Commissione deve sperare tranquillamente che la crisi ucraina produca quel fallimento, poiché le politiche estere degli anglofoni e degli europei si separano visibilmente e lo stress geopolitico che ne deriva fa tremare gli europei nelle loro case questo inverno per mancanza di gas.

In questo contesto è anche importante ricordare che Nato ed Europa non coincidono. Sette stati dell’UE (Finlandia, Svezia, Irlanda, Malta, Austria, Cipro e Croazia) non sono membri della Nato, ma hanno un peso di politica estera che potrebbe essere utilizzato per allontanare altri Stati europei dalla Nato e verso Bruxelles. L’aggressività anglofona si aggiungerà a quella spinta.

C’è un vecchio detto del Servizio Civile: “non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata”. Sembra che tutti gli attori chiave di questa crisi ne stiano facendo buon uso.

L’informazione che non paghi per avere, qualcuno paga perché Ti venga data.

Hai mai trovato qualcuno che ti paga la retta dell’asilo di tuo figlio? O le bollette di gas, luce, telefono? Io no. Chiediti perché c’è, invece, chi ti paga il costo di produzione dell'Informazione che consumi.

Un’informazione che altri pagano perché ti venga data: non è sotto il Tuo controllo, è potenzialmente inquinata, non è tracciata, non è garantita, e, alla fine, non è Informazione, è pubblicità o, peggio, imbonimento.

L’Informazione deve tornare sotto il controllo del Lettore.
Pagare il costo di produzione dell’informazione è un Tuo diritto.
"L’Indro" vuole che il Lettore si riappropri del diritto di conoscere, del diritto all’informazione, del diritto di pagare l’informazione che consuma.

Pagare il costo di produzione dell’informazione, dobbiamo esserne consapevoli, è un diritto. E’ il solo modo per accedere a informazione di qualità e al controllo diretto della qualità che ci entra dentro.

In molti ti chiedono di donare per sostenerli.

Noi no.

Non ti chiediamo di donare, ti chiediamo di pretendere che i giornalisti di questa testata siano al Tuo servizio, che ti servano Informazione.

Se, come noi, credi che l’informazione che consumiamo è alla base della salute del nostro futuro, allora entra.

Entra nel club L'Indro con la nostra Membership

Condividi.

Sull'autore

End Comment -->